Voci della Sanità 15 Aprile 2019 17:23

Nuovo codice deontologico infermieri, Nursing Up: «Nessun accesso alla tutela delle nostre funzioni. Occasione persa»

«Accogliamo con favore, dopo lunghi anni di gestazione, il nuovo Codice deontologico degli infermieri nell’ambito di un processo di revisione delle norme professionali che viaggia di pari passo con le innovazioni del diritto e dell’evoluzione della professione. Ci riserviamo tuttavia di valutare nel dettaglio il documento, sulla cui bozza a suo tempo abbiamo espresso le […]

«Accogliamo con favore, dopo lunghi anni di gestazione, il nuovo Codice deontologico degli infermieri nell’ambito di un processo di revisione delle norme professionali che viaggia di pari passo con le innovazioni del diritto e dell’evoluzione della professione. Ci riserviamo tuttavia di valutare nel dettaglio il documento, sulla cui bozza a suo tempo abbiamo espresso le nostre osservazioni, ma nel quale al momento non siamo riusciti a trovare la parte di grande rilevanza dedicata all’esercizio, in qualche modo imposto a tanti colleghi, di funzioni non pertinenti a quelle del profilo professionale infermieristico. Un’occasione persa”. Così Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up, commenta la pubblicazione da parte della Fnopi del nuovo Codice deontologico.

LEGGI ANCHE: INFERMIERI, DE PALMA (NURSING UP): «PRESTO CI RIFIUTEREMO DI SVOLGERE ATTIVITA’ CHE NON CI COMPETONO»

«Ravvisiamo dei profili di criticità – avverte – perché il nostro Codice non affronta, immagino dandolo per scontato, il tema del diritto allo svolgimento delle funzioni proprie e non fornisce indicazioni ai professionisti sul comportamento che gli stessi debbano tenere al configurarsi di situazioni di improprio assoggettamento ad attività non pertinenti. Materia trattata dall’articolo 49 del precedente Codice. Un’occasione persa, soprattutto alla luce della elevata valenza che hanno le norme della carta deontologica degli infermieri e delle altre professioni sanitarie, specificatamente prevista dalla Legge 42 del ’99».

«In virtù delle previsioni dell’articolo 49 del vecchio Codice – ricorda De Palma – tanti colleghi hanno fatto ricorso su tutto il territorio nazionale, per sostenere le proprie ragioni in giudizio contro il comportamento di Aziende sanitarie che vessavano la loro dignità professionale attribuendogli con continuità attività che in nessun modo avevano a che fare con gli ambiti di funzione di tali professionisti».

«Una battaglia di civiltà, quella contro il dilagante fenomeno del demansionamento infermieristico, che il Nursing Up porta avanti da anni – scrive il sindacato in una nota -. Tale fenomeno è dovuto alla carenza, se non alla totale mancanza, del personale di supporto previsto per legge, così l’infermiere si trova costretto, suo malgrado, a svolgere compiti che non dovrebbe svolgere. Invece il nuovo vademecum Fnopi sembra dare per scontata una situazione di organico diversa da quella reale con cui gli infermieri italiani si confrontano quotidianamente».

Per sensibilizzare professionisti e cittadini sulla tematica e le conseguenze che ne derivano, Nursing Up ha lanciato la campagna di comunicazione #noaldemansionamento, che vedrà le rappresentanze territoriali impegnate in presidi di protesta davanti alle sedi regionali italiane nei giorni 8, 9 e 10 maggio prossimi.

«Il Codice deontologico degli infermieri – conclude il presidente Nursing Up – dovrebbe fungere da faro per la professione, un vero e proprio riferimento su come affrontare tali peculiari problemi, anche rapportandosi con pazienti, colleghi, istituzioni e altre professioni. Non solo regole di valore etico, ma molto di più. Per questo avremmo apprezzato una maggiore attenzione verso una tematica tanto sentita dalla categoria che rappresentiamo da oltre vent’anni e a cui siamo orgogliosi di appartenere».

LEGGI ANCHE: NURSING UP, LE TESTIMONIANZE DEGLI INFERMIERI CHE DICONO #NOALDEMANSIONAMENTO

 

Articoli correlati
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni