Voci della Sanità 17 Gennaio 2018

«Chi non fuma sta una favola!» Lo spot con Frassica contro il tabagismo del Ministero della Salute

«Chi non fuma sta una favola!». Il Ministero della Salute invia un messaggio forte e chiaro ai fumatori, che in Italia rappresentano ben il 22,3% della popolazione, secondo i dati raccolti dal Centro nazionale Dipendenza e doping dell’Istituto superiore di sanità.  Non cala il numero di fumatori nel nostro paese: parliamo infatti di 11,7 milioni, è aumentato il […]

«Chi non fuma sta una favola!». Il Ministero della Salute invia un messaggio forte e chiaro ai fumatori, che in Italia rappresentano ben il 22,3% della popolazione, secondo i dati raccolti dal Centro nazionale Dipendenza e doping dell’Istituto superiore di sanità. 

Non cala il numero di fumatori nel nostro paese: parliamo infatti di 11,7 milioni, è aumentato il numero delle donne – da 4,6 milioni del 2016 a 5,7 milioni – ed il 12,2% di chi ha questo vizio ha iniziato a fumare prima dei 15 anni. Numeri allarmanti, a causa dei quali è partita la campagna informativa del ministero: «Chi non fuma sta una favola!» che si rivolge direttamente ai tabagisti e li invita a smettere. Le motivazioni? Il fumo, sia attivo che passivo, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per la salute ed è la principale causa di tumore.

Quest’anno, è stato nuovamente scelto Nino Frassica come testimonial della campagna 2018, visto il grande successo del 2016 quando lo spot si è aggiudicato il premio “Agorà d’oro“. L’attore televisivo interpreta uno stralunato psicanalista che ha come pazienti i “cattivi” delle fiabe: la matrigna di Biancaneve e il Lupo di Cappuccetto Rosso, personaggi che “migliorano” quando smettono di fumare. 

«Frassica, con la sua originale ironia, invia un messaggio di prevenzione in modo complice, empatico ma diretto e chiaro – spiega il ministero in una nota – . Nei soggetti degli spot, entrambi i personaggi si lamentano della propria vita sociale dovuta al loro vizio del fumo. Per aiutarli concretamente, il Professor Nino consiglia loro di cambiare atteggiamento, di seguire una ricetta semplice ma netta. Quale? Semplice, non fumare, perché chi non fuma sta meglio con se stesso e con gli altri.  La conclusione degli spot vede i due “cattivi” che, avendo smesso di fumare hanno cambiato il finale della fiaba dando vita a un lieto fine tutto da sorridere». La campagna partirà nel mese di gennaio: è prevista la messa in onda di due spot video (della durata di 30”) e due spot radiofonici (della durata di 30”).

GUARDA LO SPOT VIDEO CON IL LUPO CATTIVO

GUARDA LO SPOT VIDEO CON LA STREGA GRIMILDE

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati
Covid-19, in Italia situazione positiva ma fluida. Il report ISS-ministero Salute: «Mantenere attenzione alta, epidemia non è conclusa»
Anche se a livello nazionale e quasi nella totalità delle Regioni si conferma un Rt<1, in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante
Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”
Il racconto di un oncologo sul New England Journal of Medicine: «Mi aspetto un picco bimodale, le morti dei pazienti oncologici con Covid e quelle dei tanti che hanno visto le cure indebolite o rimandate»
di Tommaso Caldarelli
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
UGL Sanità ricevuta al Ministero della Salute: «Detassare al 10% emolumenti 2020 degli operatori sanitari in prima linea contro Covid»
Tra le richieste della delegazione UGL Sanità anche quella di puntare sullo sblocco del turn over, contrastare le privatizzazioni, bloccare il costante ricorso alle esternalizzazioni
Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»
Mantenere i percorsi differenziati, avere un personale dedicato e disporre di supporto psicologico: tre punti del decalogo della Fondazione Aiom per aiutare i pazienti. Il viceministro Sileri: «Come anti-influenzale, vaccino Covid prima a chi è più a rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...