Voci della Sanità 5 Ottobre 2020 18:01

Nobel Medicina, Rostan (IV): «Supportare prevenzione e screening epatite C»

«Ora dobbiamo sfruttare i fondi già stanziati per gli screening negli anni 2020-21, scovare il sommerso della patologia e avviare celermente i pazienti individuati al trattamento» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan

«Il riconoscimento del Premio Nobel per la Medicina ai tre scienziati che hanno scoperto il virus dell’epatite C, Harvey Alter, Michael Houghton e Charles Rice, è il giusto tributo a chi ha impresso una svolta decisiva nel conoscere il virus consentendo così di identificare i giusti protocolli per debellare questa malattia entro il 2030 come previsto dall’Organizzazione mondiale della sanità. Questo prestigioso riconoscimento deve rappresentare uno stimolo anche per la nostra Nazione a intraprendere velocemente l’ultimo miglio del processo di eradicazione del virus HCV, traguardo ora raggiungibile grazie ai progressi della ricerca che hanno consentito di arrivare alla commercializzazione delle terapie di ultima generazione, i cosiddetti DAA, peraltro già rimborsabili dal nostro servizio sanitario». Questo il commento di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«In questa fase  – aggiunge Rostan – attendiamo l’emanazione da parte del Ministero della Salute del dispositivo attuativo, ai sensi della legge di conversione del Dl milleproroghe, che consentirebbe di sfruttare i fondi già stanziati per gli screening negli anni 2020-21, scovare il sommerso della patologia e avviare celermente i pazienti individuati al trattamento, così come previsto dall’obiettivo OMS che auspica al 2030 la completa eliminazione del virus HCV. Un traguardo alla portata dell’Italia che deve però compiere lo scatto finale per tagliare questo importantissimo traguardo. Bisogna investire sulla prevenzione e sugli screening per far emergere tutti coloro che sono affetti da questa patologia senza saperlo. C’è necessità inoltre di proseguire nelle campagne di sensibilizzazione e nel finanziamento dell’innovatività dei farmaci per portare a casa il risultato».

Articoli correlati
Vaccini Covid, Rostan (Comm. Affari sociali): «Accordi commerciali per produzione in Italia»
«Il governo interceda per favorire accordi tra le aziende di casa nostra e i detentori dei brevetti» chiede Michela Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari Sociali
Sanità, interrogazione di Rostan (IV): «Ampliare farmaci salvavita per bambini affetti da SMA»
La deputata di Italia Viva chiede di adottare tutte le misure possibili per consentire un più ampio accesso alla terapia: «In Italia 200 bimbi colpiti, si segnalano diversi casi in cui a questi piccolissimi pazienti è stato negato l’accesso gratuito al farmaco salvavita»
Epatite C, ritardi di sei mesi nelle cure per effetto del Covid. Necessari test rapidi gratuiti per HCV
Appello del dottor Blanc nell’ultima tappa del tour Hand: «Abbiamo due obiettivi, riprendere i controlli dei pazienti con epatite C e scovare i casi sommersi»
di Federica Bosco
Covid-19, Rostan (Iv): «Vincere diffidenze e disinformazione su vaccino. Fondamentale apporto medicina territoriale»
«Chiedo alla Polizia Postale di porre la massima attenzione nei confronti di chi, attraverso il web, diffonderà informazioni false e fuorvianti mettendo a rischio la sanità pubblica» sostiene Michele Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari sociali della Camera
HCV: stilato documento di consenso sulla strategia di eliminazione dell’infezione
Come indicato dall'Oms, l'obiettivo è disegnare programmi di intervento per l’eliminazione dell’epatite C in Italia entro il 2030
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano