Voci della Sanità 17 Dicembre 2018

#Natale Multiculturale, Aodi e Quintavalle (Amsi): «Creare punti d’ascolto per combattere solitudine, paura e violenza»

Grande successo, per la manifestazione #Natale Multiculturale organizzata da Amsi, Uniti per Unire, Asl Roma 4, Asl Roma 5, UMEM, Cili-Italia, Emergenza Sorrisi, AMLI, Cara Italia e con la partecipazione e il patrocinio dell’OMCEO di Roma e del III Municipio . La paura dell’altro che non conosciamo e il presunto stigma della diversità si vincono solo […]

Grande successo, per la manifestazione #Natale Multiculturale organizzata da Amsi, Uniti per Unire, Asl Roma 4, Asl Roma 5, UMEM, Cili-Italia, Emergenza Sorrisi, AMLI, Cara Italia e con la partecipazione e il patrocinio dell’OMCEO di Roma e del III Municipio .

La paura dell’altro che non conosciamo e il presunto stigma della diversità si vincono solo con la conoscenza e il rispetto reciproco. Questo è stato  il messaggio principale emerso dalla manifestazione che si è svolta venerdì scorso al Teatro “Palco delle Valli” di Roma.

Una manifestazione caratterizzata dal rilievo dato alle iniziative per lo sviluppo dei servizi socio-sanitari (nell’ottica, fedele alla Costituzione, della Salute come diritto universale dell’uomo, prescindente da nazionalità, lingua e fede religiosa) ed al dialogo interreligioso e interculturale come mezzo per abbattere i muri dell’ intolleranza e del pregiudizio.

In apertura, il dottor Giuseppe Quintavalle, Direttore Generale della ASL Roma 4 e Commissario straordinario della Asl Roma 5, ha ricordato la storica tradizione di Roma come città multietnica e dalla grande capacità d’accoglienza e, più in generale, dell’Italia come Paese dove – a causa appunto del continuo interscambio demografico, religioso, culturale – il razzismo non è mai stato allineato alla quotidianità sociale. «Il SSN italiano sta garantendo il diritto alla salute a tutti i cittadini così come facciamo e intendiamo proseguire a fare con gli “Ambulatori Amsi per stranieri” nei territori dell’Asl Roma 4 e Asl Roma 5» ha spiegato Quintavalle.

«L’Italia è molto amata nei nostri paesi di origine e molto apprezzata per le politiche dell’integrazione  e non è stata mai considerata un paese razzista; ci sono state, però, anche in tempi recenti, proposte di legge dal sentore discriminatorio – ha ricordato Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore di AMSI e Consigliere dell’ OMCEO di Roma – . Leggi che ipotizzavano ruoli di “medici spia” e “presidi spia”, e che con le nostre  associazioni abbiamo fortemente combattuto, sensibilizzando Parlamento e forze politiche. Sappiamo bene che l’immigrazione è un problema complesso, certo non risolvibile col buonismo generico» ha proseguito Aodi. «Abbiamo cercato, per questo, di facilitare in ogni modo l’integrazione fra italiani e immigrati disposti a partecipare alla crescita del “sistema Italia” aprendo anzitutto, dal 2000 in poi, una rete di ambulatori a Tivoli, Civitavecchia e altri centri del Lazio».

E sempre di servizi e diritti hanno parlato dottor Stefano Canitano, Consigliere OMCeO di Roma, che ha portato i saluti del Presidente, Antonio Magi ribadendo che «l’Omceo sta svolgendo numerose iniziative a favore del patto tra medici e pazienti contro le aggressioni ai sanitari e per far arrivare l’Ordine dei medici  in tutti i municipi e comuni di Roma e provincia»; Maria Concetta Romano, assessore alle politiche sociali e sanitarie del III Municipio, ha illustrato le iniziative dell’amministrazione locale per l’ apertura di più strutture  sanitarie (secondo il principio “Le persone al centro di tutto”), ha portato il saluto del presidente Giovanni Caudo e ha concordato con il presidente Aodi di portare iniziative congiunte nell’ambito dell’integrazione e l’immigrazione nel III Municipio.

La scrittrice  Marika Campeti ha presentato il suo romanzo “Il segreto di Vicolo delle  Belle”, centrato sui temi sia dell’integrazione che dell’incontro, la cui trama è ambientata tra Terracina e in Marocco. Dalla presentazione del libro è nato un interessante dibattito con scambi di opinioni sull’interculturalità e la descrizione magistrale di luoghi e usanze diverse dalla cultura occidentale. Numerose donne marocchine, arabe e italiane, dopo la lettura di un passo del romanzo, hanno espresso il giudizio positivo per il messaggio che trasmette il libro a favore del dialogo tra culture e usanze diverse.

Aodi ha ringraziato tutti i partecipanti e le istituzioni che hanno  inviato un messaggio di saluto ai partecipanti e incoraggiamento e apprezzamento all’iniziativa che mira a intensificare il dialogo e l’integrazione in Italia: il vice premier Luigi Di Maio, il Vice Premier Matteo Salvini, il Questore di Roma Guido Marino, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato ed il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci.

Articoli correlati
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Reclutamento medici, Foad Aodi (Amsi): «Più di 100 medici di origine straniera hanno aderito al nostro appello, ora tocca alle Regioni»
«Condoglianze ai familiari di tutte le vittime di cui numerosi medici italiani e due di origine straniera». LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIU’ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIU’ TUTELE» Così il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) il professor Foad Aodi […]
L’infermiere di famiglia arriva nelle case dei pazienti cronici. Ecco come funziona
L’Asl Roma 4 tra le prime realtà ad introdurre questo nuovo modello di assistenza. Il direttore generale Giuseppe Quintavalle: «Diversamente dall’assistenza domiciliare classica l'infermiere di famiglia ha un ruolo di integrazione anche nel nucleo familiare»
Dottoresse con il velo rifiutate in Veneto, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Violenza inaccettabile»
La posizione della Cisl Medici Lazio sulla vicenda veneta nelle parole del segretario generale e oncologo, Luciano Cifaldi: «Siamo preoccupati di questa pericolosa deriva basata sulla discriminazione di razza e di religione, con il rifiuto di farsi visitare da un medico per il colore della pelle o un modo di vestire non graditi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...