Voci della Sanità 23 Giugno 2020 11:48

Migliorare la gestione delle risorse, alleggerire la burocrazia e più meritocrazia: le proposte della FNO TSRM PSTRP agli Stati Generali

Per il maxi Ordine delle Professioni sanitarie era presente il Presidente Alessandro Beux. Al primo punto la necessitò di «dare piena attuazione a quanto negli anni è stato scritto in autorevoli atti d’indirizzo: Patto per la Salute, Patto per la sanità digitale, Piano nazionale della prevenzione, Piano nazionale della cronicità»

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il Ministro della Salute, Roberto Speranza, hanno voluto chiudere gli Stati generali dell’economia 2020 con le rappresentanze istituzionali delle professioni socio-sanitarie, per riconoscere il valore della loro opera nel contrasto alla pandemia da Sars-CoV-2 e, attraverso di loro, ringraziare tutti gli iscritti ai relativi Ordini.

All’incontro erano presenti anche i Ministri dell’Istruzione, Lucia Azzolina, dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri. Il Presidente, Alessandro Beux, ha presentato i sei interventi strutturali in assenza dei quali la FNO TSRM e PSTRP ritiene che nessuna iniziativa a sostegno e per l’innovazione del Sistema sanitario possa compiersi completamente:

1. dare piena attuazione a quanto negli anni è stato scritto in autorevoli atti d’indirizzo: Patto per la Salute, Patto per la sanità digitale, Piano nazionale della prevenzione, Piano nazionale della cronicità, etc…;

2. migliorare la gestione delle risorse, allocandole in modo appropriato, ponendo al centro le esigenze di salute delle persone assistite, tenendo conto di quelle dei sistemi sanitari, di coloro che vi operano e del loro indotto; ciò sulla base di valutazioni oggettive e metodologicamente robuste, e non soggettive di gruppi o singoli;

3. monitorare in modo costante il corretto funzionamento del sistema, attraverso indicatori adeguati;

4. alleggerire la burocrazia, responsabilizzando i cittadini, sostituendo lo zavorrante controllo ex ante con la severa verifica ex post.

5. realizzare un sistema meritocratico nel quale la progressione dei singoli e dei gruppi sia funzione della loro competenza e non della loro appartenenza;

6. definire un programma per formare, sin dalle scuole elementari, individui responsabili, in grado di cogliere l’importanza di stili di vita salutari e il nesso esistente tra l’(ab)uso che essi fanno del Sistema sanitario e la sua sostenibilità nel medio e lungo periodo.

LEGGI LE PROPOSTE DELL’AREA SOCIO SANITARIA

LEGGI IL DOCUMENTO SU POTENZIAMENTO RETE DI ASSISTENZA TERRITORIALE

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»
Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
Congresso FNO TSRM PSTRP, il vicepresidente Diego Catania: «Il futuro è multidisciplinare, stare insieme è la sfida del domani»
Giornata conclusiva del secondo Congresso nazionale del maxiordine delle professioni sanitarie. Il delegato alla Comunicazione Diego Catania spiega: «Dobbiamo far conoscere ai cittadini le competenze delle 19 professioni sanitarie che anche nella pandemia hanno svolto un ruolo importante». Intanto la Federazione cambia logo
di Francesco Torre e Arnaldo Iodice
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»
Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano