Voci della Sanità 18 Febbraio 2020

Meyer, parte la campagna “Il Meyer diventa più  grande per i più piccoli”. Carlo Conti testimonial  

Una grande struttura immersa nel verde per accogliere i bambini che devono effettuare giornalmente visite e analisi specialistiche: si tratta del Parco della Salute dell’Ospedale Meyer di Firenze che ospiterà, oltre all’attività specialistica, anche il nuovo reparto di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza

Un nuovissimo centro ambulatoriale, per accogliere i bambini che entrano in ospedale per controlli e visite specialistiche: sarà questo il Parco della Salute, uno nuovo spazio di 5000 metri quadrati, immerso nel verde, destinato a rivoluzionare il concetto di assistenza ambulatoriale dei piccoli pazienti: il nuovo centro ospiterà infatti in un’unica struttura l’attività specialistica diurna, il punto prelievi, il centro donatori sangue, il servizio di diagnostica e la nuova Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

Per contribuire alla campagna “Il Meyer diventa più grande per i più piccoli” – che ha come testimonial d’eccezione il conduttore Carlo Conti, da sempre sostenitore dell’ospedale pediatrico fiorentinosi può donare con un sms o chiamata da rete fissa al numero solidale 45594 dal 17 febbraio al 1° marzo 2020.

Si tratta di un progetto innovativo di day service che permetterà a bambini e ragazzi di usufruire di diverse prestazioni, su patologie specifiche, in un’unica giornata. Gli ambulatori saranno divisi per aree omogenee, ognuna con spazi di attesa dedicati, confortevoli e attrezzati per mettere a proprio agio i piccoli pazienti grazie soprattutto alla “filosofia del Meyer”, dove il gioco è una grande risorsa antistress e di rassicurazione per i bambini.

LEGGI ANCHE: FIRENZE, L’IMMAGINAZIONE GUIDATA AL MEYER RIDUCE ANSIA E STRESS NEI BAMBINI

Gli ampi spazi interni, circondati da un’area verde di circa 4 ettari, oltre all’attività ambulatoriale diurna, saranno destinati ad accogliere il nuovo reparto di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Ospedale Meyer dove verranno trattate alcune delle principali patologie neuropsichiatriche: disturbi dell’alimentazione (bulimia, anoressia), scompensi adolescenziali, disturbi della personalità, disturbi post-traumatici e dell’umore, oltre alla ADHD, al ritardo mentale e ai disturbi dello spettro autistico.

In questo nuovo reparto, l’attività di assistenza verrà svolta tramite il day hospital, il ricovero (grazie ai posti letto della clinica), le visite ambulatoriali e le consulenze per i pazienti, sia esterni che interni.  I vantaggi offerti dalla nuova struttura saranno notevoli: oltre al potenziamento dell’attività di prevenzione, ci sarà la possibilità di effettuare diverse prestazioni in un’unica giornata grazie a un approccio multidisciplinare tramite uno staff di 7 medici neuropsichiatri, 2 psicologhe, 3 dietiste, un educatore, 14 infermieri e 6 operatori socio sanitari.

Completare i lavori di questo nuovo centro è, dunque, l’obiettivo della campagna lanciata dalla Fondazione Meyer a cui si si può contribuire con un sms dal 17 febbraio al 1° marzo 2020. Si possono donare 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. 5 euro, invece, per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile e 5 o 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
Coronavirus, Bernardo (Sacco): «In Cina tra i bambini colpiti nessun decesso»
Il direttore della Casa Pediatrica Fatebenefratelli Sacco di Milano, Luca Bernardo: «Attenzione e prevenzione ma non allarmismo. Sotto i 12 anni mortalità allo 0,2%. Importante poi spiegare il virus ai minori e seguire alcune semplici norme igieniche»
di Federica Bosco
Coronavirus, i primi minori positivi non sono gravi. I pediatri: «In Cina colpito solo l’1% dei bambini»
«C’è il sospetto che, come per tutte le infezioni virali, siano proprio i bambini i “casi zero”, i vettori della malattia, pur senza scatenarla o con sintomi scarsi o lievi». La spiegazione di Paolo Biasci, presidente della Federazione italiana medici pediatri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...