OMCeO, Enti e Territori 22 Ottobre 2018

MediCinema al Gemelli: proiezioni con pazienti e famiglie. Ambassador Chiara Francini

La sala cinematografica MediCinema Gemelli presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS apre le porte per il secondo anno consecutivo alla Festa del Cinema di Roma con due film del programma ufficiale riservati ai pazienti e familiari delle persone ricoverate e ai medici e agli operatori sanitari del Gemelli. Si inizia martedì 23 ottobre, […]

La sala cinematografica MediCinema Gemelli presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS apre le porte per il secondo anno consecutivo alla Festa del Cinema di Roma con due film del programma ufficiale riservati ai pazienti e familiari delle persone ricoverate e ai medici e agli operatori sanitari del Gemelli.

Si inizia martedì 23 ottobre, alle ore 16.00, con la commedia L’uomo che comprò la luna, di Paolo Zucca, con Francesco Pannofino, che sarà presente alla proiezione del film, Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Benito Urgu, Lazar Ristovski, Angela Molina. Mentre giovedì 25 ottobre, sempre alle 16.00, sarà proiettato il film musicale Il flauto magico di Piazza Vittorio, di Mario Tronco e Gianfranco Cabiddu, con Violetta Zironi, Ernesto Lopez Maturell, Petra Magoni, Fabrizio Bentivoglio, El Hadij Yeri Samb.

Quest’anno, e a sostegno dell’attività terapeutica del cinema, MediCinema Italia Onlus annuncia una importante testimonianza da parte dell’attrice scrittrice Chiara Francini, che sarà Ambasciatrice della Onlus, nella diffusione dell’attività svolta dall’Associazione: “Sono molto felice – dichiara Chiara Francini – di accogliere e sostenere come Ambassador il progetto
MediCinema. Credo fortemente che la magia del cinema possa dare sostegno edistrazione alla sofferenza che i pazienti devono affrontare nel corso delleloro malattie”.

Da aprile 2016 esiste una vera sala cinema all’interno del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, entrata a regime a settembre dello stesso anno con un programma bisettimanale dedicato al sollievo dei pazienti, il martedì per tutti i ricoverati e il giovedì per i piccoli degenti dei reparti pediatrici. La programmazione di film in contemporanea a quella delle “normali” sale cittadine – grazie alla grandissima collaborazione con tutte le aziende di produzione e distribuzione cinematografica – è rivolta ai malati e ai loro familiari e accompagnatori: un innovativo strumento che accompagna le terapie tradizionali e si propone di offrire ai degenti un “effetto pausa”, ottenendo una sensazione di normalità , implementando il protocollo di umanizzazione della struttura ospedaliera, congiuntamente all’obiettivo della cineterapia quale obiettivo di metodologia clinica in ambito riabilitativo , rafforzando il concetto di cura e servizio alla persona. Il metodo e la gestione del programma, su base nazionale e in fase di sviluppo, è in capo a MediCinema Italia Onlus, che ha promosso contemporaneamente un progetto di ricerca scientifica in collaborazione con Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma, Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, Fondazione Don Gnocchi e altre strutture sanitarie di città in cui MediCinema è presente.

“Siamo lieti del rapporto che si sta consolidando con una iniziativa di successo che unisce cultura, respiro internazionale e popolarità quale è la Festa del Cinema di Roma – afferma il Presidente della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, Giovanni Raimondi -. La nostra partecipazione alla mostra cinematografica della città di Roma è testimonianza dell’aperura del nostro ospedale al territorio e del percorso di umanizzazione intrapreso dal Gemelli che offre ai ricoverati, adulti e pediatrici, nonché ai medici e agli operatori sanitari, occasioni di svago e di sollievo durante la degenza”.

Il Direttore Artistico della Festa del Cinema di Roma, Antonio Monda, ha dichiarato: “Oltre alle sedi abituali del MAXXI e della Casa del Cinema, la Festa si estende nella città ancor più dell’anno scorso, con proiezioni ed eventi in luoghi particolari quali il Policlinico Gemelli nella Sala MediCinema, un esempio originale in Italia e da imitare, per portare sollievo attraverso il cinema anche alle persone ricoverate negli ospedali”.

“Ringraziamo la Festa del Cinema di Roma ed i suoi organizzatori, per consentire la creazione di un evento speciale per pazienti, familiari e personale sanitario. Per questa importante occasione, MediCinema Italia annuncia la presenza della sua Ambasciatrice, l’attrice Chiara Francini, che sosterrà l’attività della nostra Associazione con la sua testimonianza sulla forza terapeutica del cinema – conclude Fulvia Salvi, Presidente MediCinema Italia Onlus”.

Articoli correlati
Festa del Cinema di Roma in ospedale: proiezioni anche al Policlinico Gemelli
Il 31 ottobre “Terapia di coppia” e il 3 novembre “Mazinger Z Infinity” per i pazienti pediatrici e i loro familiari. Il progetto di MediCinema
Lazio: Al Policlinico Gemelli di Roma, al via la terapia del sollievo attraverso il cinema
Dopo pochi mesi dall’inaugurazione della prima sala MediCinema, parte al Policlinico Gemelli di Roma con la proiezione del primo lungometraggio d’animazione, il progetto di “cinematerapia”, punto di partenza di uno studio scientifico dedicato, volto a misurare gli effetti terapeutici del cinema sui degenti. La sala MediCinema è la prima ad essere integrata in una struttura […]
Policlinico Gemelli, il cinema per far crescere i medici di domani
Il grande successo del progetto Medicinema raccontato dal referente scientifico dell’iniziativa, professor Celestino Pio Lombardi
Medicinema: al Policlinico Gemelli si sperimenta la “terapia del grande schermo”
Nell’ospedale romano un cinema per alleviare la degenza dei pazienti e migliorare il rapporto con gli operatori sanitari e la loro formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...