Voci della Sanità 8 Febbraio 2019 18:17

Medici Veterinari Campani “precari da sempre” verso la stabilizzazione definitiva. SIVeMP: “Si chiude un capitolo che dura da più di 15 anni”.

“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato […]

“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato storico: la contrattualizzazione a tempo pieno, dopo anni di orario lavorativo part-time.

Con questo atto manteniamo un impegno che ci eravamo assunti da tempo e che a tratti era parso irrealizzabile, quello del “completamento orario, fino al tempo pieno” per una sessantina di Medici Veterinari Specialisti Ambulatoriali (età media superiore ai 55 anni) che prestano servizio nei Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.LL. campane, assicurando costantemente – negli anni dei blocchi delle assunzioni – il raggiungimento dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) ascrivibili alla medicina veterinaria e quindi alla Sanità Pubblica, dapprima (dal 2000 al 2010) con rapporti di lavoro flessibili, poi, a partire dal 2011 come Specialisti Ambulatoriali Veterinari a tempo determinato con “ore progettuali”, e dal 2016 a tempo indeterminato. Restava pertanto, l’ultimo traguardo che era quello del tempo pieno per alcuni di essi, che consentirà di fatto l’inserimento in organico, in maniera definitiva, di professionisti già esperti e formati.

Si tratta di una vertenza seguita con determinazione e passione da parte della nostra organizzazione sindacale. Si concludono così due percorsi molto complessi, di lotta per il lavoro e in difesa della dignità dei lavoratori, ponendo fine alle infinite proroghe contrattuali e alle farraginose trattative con gli enti istituzionali. Una situazione incresciosa che non garantiva certezze a questi lavoratori né da un punto di vista lavorativo/previdenziale, né tantomeno da un punto di vista di crescita professionale.

Tutto ciò è stato possibile anche e soprattutto grazie ad una serie di attività volute e messe in campo dalla Task Force Regionale istituita dal Presidente De Luca (D.P.G.R. n. 250/2017 – n. 117/2018) e coordinata dal dott. Antonio Limone Direttore Generale dell’IZSM, nonché Coordinatore ufficiale degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali d’Italia e, in quanto tale, portavoce presso OIE (Organizzazione Mondiale della Sanità Animale). La Task Force Regionale – continua di Franco – è stata istituita per porre fine con azioni più incisive, una volta e per tutte agli innumerevoli piani di eradicazioni delle malattie infettive e diffusive come la Tubercolosi e la Brucellosi che in Campania vanno avanti da più di vent’anni.

Quando gli Specialisti Veterinari si sono presentati alla Task Force per chiedere che venisse presa in considerazione la loro professionalità e la loro esperienza maturata sul campo per portare a compimento il piano straordinario di eradicazione messo in piedi dalla stessa Task Force in sintonia con il Ministero della Salute e con i Servizi Veterinari Regionali, francamente, le speranze di successo erano davvero pochissime a causa dei numerosi impedimenti di ogni genere…

Ma alla fine, la scelta di investire sulla comprovata esperienza di questi Professionisti, spesso chiamati a lavorare in condizioni e in territori anche piuttosto difficili, la loro professionalità, il loro spirito di abnegazione e soprattutto i risultati raggiunti nel giro di pochi mesi – mai avuti prima – hanno contagiato un po’ tutti: Task Force, Regione, Presidente De Luca e non da ultimo la stesso Ministero della Salute che ha definito tra l’altro il piano di eradicazione messo a punto dalla Task Force Campana, un  modello precursore delle Linee Guida d’intervento Europee in corso di emanazione per il 2021”.

dott. Marcello Di Franco, Segretario Regionale FESPA (Federazione Specialistica Ambulatoriale), Coordinatore Nazionale per la Specialistica e per la Convenzionata del SIVeMP (Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica e Presidente Nazionale p.t. FESPA

 

 

Articoli correlati
Cosa unisce cambiamenti climatici, malattie infettive e crisi alimentari? Il punto di Sorice (Simevep)
A Sanità Informazione, il Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva spiega qual è il filo conduttore che unisce tre delle principali problematiche mondiali degli ultimi anni
Non solo peste suina. Grasselli (Sivemp): «Il 70% delle malattie infettive è di origine animale»
Al via il 51° Congresso Nazionale del Sindacato Italiano Veterinari di Medicina Pubblica sui temi di “Agenda 2030 per la Veterinaria Pubblica: malattie infettive, cambiamenti climatici e crisi alimentari”. Il Segretario nazionale: «Cambiamenti climatici fanno migrare animali che portano con sé le loro patologie». Attenzione anche ad antibiotico-resistenza e crisi alimentari (peggiorate dalla guerra)
Sivemp scrive al Ministro Speranza: «Rischio imminente di inadeguatezza organici veterinari nel Ssn»
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
di Aldo Grasselli, Segretario Nazionale Sivemp
A Bologna si apre il consiglio nazionale FNOVI
Tutto è pronto per l’appuntamento a Bologna dall’8 al 10 aprile prossimo che vedrà riuniti i Presidenti dei 100 Ordini provinciali dei medici veterinari
Influenza aviaria, Ugolini (SIVEMP): «I focolai di Ostia Antica non sono un pericolo per l’uomo»
Il vice-segretario nazionale SIVEMP: «Averli identificati conferma il buon funzionamento del sistema italiano di sorveglianza epidemiologica veterinaria. Quando il virus isolato risulta ad alta patogenicità tutti gli animali presenti nell’allevamento vengono abbattuti e l’ambiente sanificato»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...