Voci della Sanità 20 Febbraio 2020 17:05

Medici nelle scuole: studenti a lezione di salute e di primo soccorso

«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita […]

«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita più sicuri per il loro benessere. Promuoveremo la cultura della salute come sviluppo di capacità protettive attraverso un percorso formativo basato sull’esperienza individuale e collettiva. Confido molto nel contributo volontario dei medici, oggi in pensione, sulla disponibilità a trasferire la loro preziosa competenza ai ragazzi».

Su questa premessa sintetizzata dal presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato è nato il progetto “Medicina scolastica” che prende il via grazie ad un protocollo firmato stamattina a Villa Magnisi tra l’assessorato all’Istruzione e Formazione, rappresentato da Roberto Lagalla, l’assessorato alla Salute, rappresentato da Ruggero Razza e gli Omceo siciliani, rappresentati dal presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato, con il coinvolgimento dell’Ufficio regionale scolastico. Presenti alla firma i presidenti degli Ordini dei medici di Trapani, Ragusa, Enna e Agrigento, rispettivamente: Cesare Ferrari, Rosa Giaquinta, Renato Mancuso e Giovanni Vento.

Il nuovo progetto di medicina scolastica richiama il valore sociale del medico. Oggi, ha detto l’assessore Razza «grazie al contributo dell’Ordine dei medici e dell’assessorato all’Istruzione invertiamo un percorso che aveva relegato la medicina scolastica ad un ruolo di marginalità. Ritorna in evidenza il valore sociale ed etico della figura del medico, che si pone anche a servizio di un interesse più alto. Un profondo messaggio di gratitudine va alle associazioni del terzo settore per il loro straordinario contributo di vitalità: esse svolgono un ruolo essenziale di assistenza e coinvolgimento, a volte di supplenza, com’è accaduto in diverse strutture in casi di particolare necessità. L’associazionismo ha un ruolo di contaminazione positiva e di condivisione».

«Promuovere stili di vita favorevoli alla salute è molto importante sin dalla prima infanzia e la scuola ha certamente un ruolo centrale – ha proseguito l’assessore Lagalla – Grazie a questo protocollo, infatti, potremo lavorare sinergicamente con l’Ordine dei medici e l’assessorato alla Salute facendo prevenzione sanitaria e avviando percorsi educativi volti a migliorare la conoscenza su alcune problematiche oggi molto diffuse grazie alla preziosa collaborazione degli Istituti scolastici che vorranno aderire».

L’apprendimento delle nozioni di prevenzione sanitaria sarà implementato da corsi di primo soccorso dedicati agli studenti delle scuole secondarie di età non inferiore ai 16 anni e da visite specialistiche periodiche (oculistiche, odontoiatriche, cardiologiche, ortopediche e di prevenzione all’obesità) che consentiranno ai medici di essere le prime sentinelle per la diagnosi precoce di alcune delle più frequenti malattie dell’età evolutiva, o di possibili rischi legati a carenze igienico-sanitarie e all’alimentazione.

Le attività del progetto saranno coadiuvate da un comitato tecnico-scientifico composto da un rappresentate di ciascuna della quattro istituzioni coinvolte a titolo volontario e gratuito. Il comitato avrà il compito di programmare, organizzare e monitorare le attività, promuovendo eventuali iniziative o modifiche per migliorarne la performance.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...