OMCeO, Enti e Territori 27 novembre 2018

Medici fiscali, Sinmevico e FP CGIL contro emendamento per concorso aperto: «Significa la perdita del lavoro per 2/3 colleghi»

In Commissione Bilancio della Camera, è stato presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2019, poi dichiarato inammissibile, con il quale si chiedeva di abrogare le norme che tutelano gli incarichi dei medici fiscali appartenenti alla cosiddetta lista ad esaurimento. «In realtà questo è solo uno dei tanti attacchi che i medici fiscali INPS, circa […]

In Commissione Bilancio della Camera, è stato presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2019, poi dichiarato inammissibile, con il quale si chiedeva di abrogare le norme che tutelano gli incarichi dei medici fiscali appartenenti alla cosiddetta lista ad esaurimento.

«In realtà questo è solo uno dei tanti attacchi che i medici fiscali INPS, circa 1000 professionisti in servizio da decenni rischiano di perdere il lavoro, hanno in corso» denuncia Cesidio Di Luzio, presidente del Sindacato Medici Visite di Controllo Sin.me.vi.co.

«Ora – prosegue – sarebbe in preparazione una nuova offensiva, questa volta come emendamento della maggioranza di Governo, che vorrebbe riproporre il concorso aperto, ovvero con la possibilità di partecipazione anche di altra categoria di professionisti medici, per la copertura di 881 posti per il polo unico delle visite fiscali.  I 1000 medici fiscali, privati di  percorsi di stabilizzazione come avvenuto per tutti i dipendenti pubblici, sarebbero come minimo dimezzati, dopo aver garantito il servizio per anni senza alcuna tutela».

«La proposta emendativa – spiega Di Luzio – prevederebbe, inoltre, che le risorse finanziate con il Polo Unico della medicina fiscale, destinate esclusivamente alla effettuazione delle visite di controllo svolte dai medici fiscali, siano utilizzate anche per lo svolgimento di altre attività dell’INPS».

«Vogliamo segnalare che l’emendamento, oltre a provocare una distorsione nella destinazione delle risorse, contiene una grave e pericolosa confusione tra i medici fiscali propriamente detti ed i medici convenzionati esterni INPS che operano nelle commissioni d’invalidità civile. Un concorso aperto senza riserve mette in competizione le due categorie di professionisti creando una sperequazione tra chi per incompatibilità non ha potuto fare percorsi di specializzazione, i medici fiscali, e chi al contrario ha potuto acquisire specifici  titoli formativi come i convenzionati esterni».

«Sinmevico e Fp Cgil Medici fiscali – prosegue il presidente in una nota – si oppongono con fermezza a qualsiasi progetto presente e futuro di abrogazione della legge vigente in tema di visite fiscali, che con l’istituzione della lista ad esaurimento ha rappresentato un primo passo verso la stabilizzazione dei professionisti dopo anni di lavoro senza tutele».

«Auspichiamo e sollecitiamo la ripresa del confronto tra INPS e OO.SS. maggiormente rappresentative della medicina fiscale per la stipula della convezione prevista dalla legge,  che dia tutele ai lavoratori e stabilità al servizio. Suggeriamo, infine, al Governo – conclude -, probabilmente non al corrente della reale situazioni e forse malinformato, di ascoltare le OO.SS del settore, prima di formulare proposte emendative che possano creare disservizi e cancellare anni di collaborazione di 1000 professionisti».

LEGGI ANCHE: CASO ‘INPS’, FNOMCEO: «CHIEDIAMO AL MINISTRO GRILLO UN TAVOLO SUI MEDICI FISCALI E CONVENZIONATI»

Articoli correlati
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
Novità contratto, Lorefice (Comm. Affari Sociali): «Deroga a legge Madia per sbloccare aumento salario accessorio 2017-2018»
La Presidente della Commissione Affari Sociali si dice ottimista sul rinnovo del contratto della dirigenza medica. Mentre sulla questione dei medici Inps annuncia: «Avviato tavolo con sindacati e segreteria ministro Di Maio»
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Caso ‘INPS’, Fnomceo: «Chiediamo al Ministro Grillo un tavolo sui medici fiscali e convenzionati»
«Chiediamo che il Ministro della Salute Giulia Grillo intervenga per lo stralcio, da parte dell’Inps, di quelle parti del Piano della Performance incompatibili con il Codice di Deontologia Medica, e istituisca un Tavolo sulle problematiche della Medicina fiscale». Torna a parlare del “caso Inps” il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli, a una settimana di distanza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...