OMCeO, Enti e Territori 27 Novembre 2018

Medici fiscali, Sinmevico e FP CGIL contro emendamento per concorso aperto: «Significa la perdita del lavoro per 2/3 colleghi»

In Commissione Bilancio della Camera, è stato presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2019, poi dichiarato inammissibile, con il quale si chiedeva di abrogare le norme che tutelano gli incarichi dei medici fiscali appartenenti alla cosiddetta lista ad esaurimento. «In realtà questo è solo uno dei tanti attacchi che i medici fiscali INPS, circa […]

In Commissione Bilancio della Camera, è stato presentato un emendamento alla legge di Bilancio 2019, poi dichiarato inammissibile, con il quale si chiedeva di abrogare le norme che tutelano gli incarichi dei medici fiscali appartenenti alla cosiddetta lista ad esaurimento.

«In realtà questo è solo uno dei tanti attacchi che i medici fiscali INPS, circa 1000 professionisti in servizio da decenni rischiano di perdere il lavoro, hanno in corso» denuncia Cesidio Di Luzio, presidente del Sindacato Medici Visite di Controllo Sin.me.vi.co.

«Ora – prosegue – sarebbe in preparazione una nuova offensiva, questa volta come emendamento della maggioranza di Governo, che vorrebbe riproporre il concorso aperto, ovvero con la possibilità di partecipazione anche di altra categoria di professionisti medici, per la copertura di 881 posti per il polo unico delle visite fiscali.  I 1000 medici fiscali, privati di  percorsi di stabilizzazione come avvenuto per tutti i dipendenti pubblici, sarebbero come minimo dimezzati, dopo aver garantito il servizio per anni senza alcuna tutela».

«La proposta emendativa – spiega Di Luzio – prevederebbe, inoltre, che le risorse finanziate con il Polo Unico della medicina fiscale, destinate esclusivamente alla effettuazione delle visite di controllo svolte dai medici fiscali, siano utilizzate anche per lo svolgimento di altre attività dell’INPS».

«Vogliamo segnalare che l’emendamento, oltre a provocare una distorsione nella destinazione delle risorse, contiene una grave e pericolosa confusione tra i medici fiscali propriamente detti ed i medici convenzionati esterni INPS che operano nelle commissioni d’invalidità civile. Un concorso aperto senza riserve mette in competizione le due categorie di professionisti creando una sperequazione tra chi per incompatibilità non ha potuto fare percorsi di specializzazione, i medici fiscali, e chi al contrario ha potuto acquisire specifici  titoli formativi come i convenzionati esterni».

«Sinmevico e Fp Cgil Medici fiscali – prosegue il presidente in una nota – si oppongono con fermezza a qualsiasi progetto presente e futuro di abrogazione della legge vigente in tema di visite fiscali, che con l’istituzione della lista ad esaurimento ha rappresentato un primo passo verso la stabilizzazione dei professionisti dopo anni di lavoro senza tutele».

«Auspichiamo e sollecitiamo la ripresa del confronto tra INPS e OO.SS. maggiormente rappresentative della medicina fiscale per la stipula della convezione prevista dalla legge,  che dia tutele ai lavoratori e stabilità al servizio. Suggeriamo, infine, al Governo – conclude -, probabilmente non al corrente della reale situazioni e forse malinformato, di ascoltare le OO.SS del settore, prima di formulare proposte emendative che possano creare disservizi e cancellare anni di collaborazione di 1000 professionisti».

LEGGI ANCHE: CASO ‘INPS’, FNOMCEO: «CHIEDIAMO AL MINISTRO GRILLO UN TAVOLO SUI MEDICI FISCALI E CONVENZIONATI»

Articoli correlati
Inps, Fp Medici e Sinmevico: «Sconcertanti parole Tridico su medici fiscali»
I sindacati esprimono «il loro completo disappunto per la grave disinformazione in tema di visite fiscali»
Contratto medici, Sorrentino (Fp CGIL): «L’8 giugno saremo in piazza a Roma»
Sotto lo slogan #futuroèpubblico, CGIL, CISL e UIL scenderanno in piazza per chiedere assunzioni straordinarie e il rinnovo del contratto. Intanto anche la sanità privata soffre per un contratto bloccato da 12 anni
Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»
Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di 300mila lavoratori. Le interviste alla presidente Aiop Cittadini e al responsabile sanità di Fp Cgil Vannini
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Dl Semplificazioni, Fp Cgil: «Stop ad emendamento per assunzioni in sanità fatto gravissimo»
«Una nuova ‘manina’ fa saltare dal dl semplificazioni l’emendamento dello stesso governo che si proponeva di eliminare il tetto di spesa per le assunzioni del personale del Servizio sanitario nazionale, il famigerato -1,4% sulla spesa del personale del 2004». A denunciarlo è la Funzione Pubblica Cgil Nazionale, nel sottolineare come «la manina rappresenti un accanimento particolare […]
Medici, Fp Cgil: «Governo chiuda subito su rinnovo contratto»
«Il governo chiuda subito il contratto di tutti i Dirigenti del Servizio sanitario nazionale». A chiederlo è la Fp Cgil Nazionale in un Ordine del giorno approvato oggi all’unanimità dal Comitato direttivo che fa chiarezza sull’emendamento 687 della legge di Bilancio che modifica l’accordo quadro del 2016 sulle aree contrattali del pubblico impiego e soprattutto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...