OMCeO, Enti e Territori 22 Novembre 2018

L’industria alimentare scrive al Governo: “No a sciopero veterinari AUSL: rischio paralisi e difficoltà di approvvigionamento carni”

Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili […]

Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili ripercussioni sanitarie e di benessere degli animali. Il tutto, sottolineano le associazioni nella nota, in un periodo in cui si registra da sempre un incremento nei consumi dei prodotti carnei tradizionali. Assocarni, Unaitalia e Assica hanno fanno appello al Governo richiedendone l’intervento urgente e indispensabile per giungere alla revoca della protesta.

Di seguito il testo della lettera:

“Abbiamo appreso con estrema preoccupazione la notizia della proclamazione, da parte dei Sindacati dei Veterinari pubblici, dello sciopero nazionale dei veterinari ufficiali per l’intera giornata di venerdì 23 novembre prossimo. Stante la legislazione vigente, la sospensione del servizio ispettivo da parte delle AUSL comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili ripercussioni sanitarie e di benessere degli animali. Il tutto, è bene rimarcarlo, in un periodo in cui si registra da sempre un incremento nei consumi dei prodotti carnei tradizionali. Giudichiamo assolutamente urgente ed indispensabile un Vostro autorevole intervento allo scopo di verificare se esistano le condizioni per una revoca della manifestazione di protesta. Qualora ciò non fosse possibile, chiediamo soluzioni che contemperino il godimento degli altri diritti costituzionalmente tutelati. Certi di poter contare sulla Vostra consueta sensibilità e disponibilità, ringraziamo per l’attenzione e porgiamo i sensi della nostra massima stima”.

Articoli correlati
Ccnl medici veterinari e sanitari, oggi riprende il confronto in Aran
Riprende oggi il confronto in Aran per il contratto di medici veterinari e sanitari. Dopo l’accordo preliminare sulle risorse economiche si passa ora alla parte normativa necessaria per destinare le disponibilità sulle voci stipendiali. “Le proposte Aran – afferma Aldro Grasselli, Presidente FVM (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari) – contengono palesi contraddizioni e alcune […]
Hamburger, non solo junk food: i consigli della nutrizionista per un panino “salutare”
«Può trovare spazio all’interno di una dieta varia e bilanciata», spiega la nutrizionista Susanna Bramante, ma il problema è la sua "cattiva" compagnia: patatine fritte, bevande zuccherate, salse e condimenti ricchi di sale e grassi
Contratto, FVM al Governo: «Elemento di crisi tale da destabilizzare definitivamente il Ssn»
Il presidente della Federazione dei medici, veterinari e dirigenti sanitari Aldo Grasselli scrive una lettera indirizzata al Ministro della Salute Giulia Grillo e ai vicepremier Salvini e Di Maio, sul nodo relativo al Contratto delle Dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. «Ministro Grillo, mi rivolgo a lei direttamente in qualità di Ministro competente, e ai due […]
Marocco, i medici scioperano per quattro giorni contro stipendi bassi e condizioni di lavoro precarie
I medici marocchini hanno proclamato quattro giorni di sciopero per chiedere stipendi più alti e migliori condizioni di lavoro. Hanno iniziato lunedì, quando si sono riuniti a Rabat sotto le bandiere del sindacato indipendente dei medici del settore pubblico (SIMSP) e hanno manifestato insieme a farmacisti e dentisti davanti al ministero della Salute e al […]
La carne fa male? Ecco le fake news più diffuse secondo “Carni Sostenibili”
Non è vero, secondo i produttori, che l’OMS ha detto che la carne fa male: solo un consumo eccessivo può contribuire al rischio cancro. Altra fake news da smontare è quella relativa all’uso di ormoni: «ll trattamento di animali con ormoni – sostengono - è vietato in Europa da quasi 40 anni e da più di dieci anni sono vietati anche gli antibiotici a scopo preventivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...