Voci della Sanità 22 Novembre 2018 16:25

L’industria alimentare scrive al Governo: “No a sciopero veterinari AUSL: rischio paralisi e difficoltà di approvvigionamento carni”

Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili […]

Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili ripercussioni sanitarie e di benessere degli animali. Il tutto, sottolineano le associazioni nella nota, in un periodo in cui si registra da sempre un incremento nei consumi dei prodotti carnei tradizionali. Assocarni, Unaitalia e Assica hanno fanno appello al Governo richiedendone l’intervento urgente e indispensabile per giungere alla revoca della protesta.

Di seguito il testo della lettera:

“Abbiamo appreso con estrema preoccupazione la notizia della proclamazione, da parte dei Sindacati dei Veterinari pubblici, dello sciopero nazionale dei veterinari ufficiali per l’intera giornata di venerdì 23 novembre prossimo. Stante la legislazione vigente, la sospensione del servizio ispettivo da parte delle AUSL comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili ripercussioni sanitarie e di benessere degli animali. Il tutto, è bene rimarcarlo, in un periodo in cui si registra da sempre un incremento nei consumi dei prodotti carnei tradizionali. Giudichiamo assolutamente urgente ed indispensabile un Vostro autorevole intervento allo scopo di verificare se esistano le condizioni per una revoca della manifestazione di protesta. Qualora ciò non fosse possibile, chiediamo soluzioni che contemperino il godimento degli altri diritti costituzionalmente tutelati. Certi di poter contare sulla Vostra consueta sensibilità e disponibilità, ringraziamo per l’attenzione e porgiamo i sensi della nostra massima stima”.

Articoli correlati
Intimidazioni ai medici veterinari, Grasselli (FVM): «Fenomeno in clamoroso aumento da anni»
Il commento del Presidente della Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari dopo l’ennesimo caso a Foggia: «Situazione per noi ormai ingestibile»
«Negata nuovamente la mobilità volontaria del personale del SSN. Il legislatore ci discrimina»
Lettera aperta della Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari al Ministro della Salute e al Ministro per la Pubblica Amministrazione
di FVM
Contratto, Grasselli (FVM): «La pandemia non sia un’occasione sprecata»
Intervista al Presidente della Federazione Veterinari e Medici: «Servono innovazione e premialità»
Scudo penale per i sanitari: evitare frettolosi palliativi formulati nel nuovo decreto legge
Di FVM (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari)
di Di FVM
Carne alleata delle donne contro l’invecchiamento cutaneo
Elisabetta Bernardi, nutrizionista dell’associazione Carni Sostenibili spiega perché: «Contengono proteine nobili, acidi grassi omega-3 a catena lunga, ferro, zinco, selenio, vitamina A, C, D, E e B12 e sono fonti di zinco, selenio, fosforo e ferro»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...