Voci della Sanità 10 Settembre 2019 15:56

Medicina estetica, lifting addio: uomini e donne over 50 scelgono il mini invasivo

Ringiovanire senza mostrare i segni si può. E’ il nuovo minilifting composito, tecnica di lifting facciale meno invasiva e più duratura della chirurgia classica, a trasformare in realtà il desiderio di milioni di donne: un viso e un collo più distesi nonostante il passare dell’età, in particolare superata la soglia dei 50-60 anni, con una procedura mininvasiva, […]

Ringiovanire senza mostrare i segni si può. E’ il nuovo minilifting composito, tecnica di lifting facciale meno invasiva e più duratura della chirurgia classica, a trasformare in realtà il desiderio di milioni di donne: un viso e un collo più distesi nonostante il passare dell’età, in particolare superata la soglia dei 50-60 anni, con una procedura mininvasiva, rischi di complicanze ridotti, un recupero più veloce e una durata maggiore. E sempre più spesso sono anche gli uomini a sfidare la forza di gravità.

“E’ proprio una volta compiuti i 50 anni che si sente l’esigenza di andare avanti ma ritrovando un aspetto più giovane, e questo accade tanto alle donne quanto agli uomini”, spiega il Prof. Daniele Spirito, chirurgo plastico, di Roma, e docente presso la Cattedra di Chirurgia Plastica dell’Università di Milano, che ha introdotto per la prima volta in Italia il nuovo intervento di lifting composito, riducendo l’incisione e rendendola corta, quasi invisibile e sottile. “Si effettua una piccola incisione davanti al padiglione auricolare e si procede a uno scollamento di 5-6 cm del sottocute. Da qui si fa ingresso nei piani profondi e si riposizionano i tessuti in verticale. La cicatrice è piccola, quasi invisibile. Negli uomini addirittura resta nascosta sotto le basette”.

L’effetto è quello di un viso più giovane di dieci anni. “Si tratta di un intervento rivoluzionario nel modo di concepire la chirurgia estetica della faccia – prosegue l’esperto – L’operazione viene eseguita in anestesia locale con sedazione e in regime di day hospital. L’esposizione dei tessuti è minore, quindi meno punti, meno coagulazione, meno rischi di complicanze. La procedura inoltre è meno invasiva rispetto a quella di un lifting classico, la cui incisione arriva fin dietro l’orecchio con uno scollamento della pelle fino a metà mento. Il paziente torna a stare bene nel giro di una settimana e i risultati sono più duraturi di un intervento tradizionale completo. L’indicazione maggiore riguarda persone che sono ingrassate e poi dimagrite perché la pelle ha ceduto, ma la tendenza tra gli over 50 sta crescendo sempre di più”.

Articoli correlati
Psoriasi, Clara De Simone (Dermatologa): «Non è solo malattia della pelle, può nascondere altro»
«Le malattie della pelle non hanno implicazioni solo di tipo estetico: possono essere la spia di altre problematiche ed impattano notevolmente sulla qualità di vita di chi ne soffre». L’intervista alla professoressa Clara De Simone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...