Voci della Sanità 24 Ottobre 2017 13:33

Legge Gelli, la Federazione Nazionale Collegi Ostetriche invita ad aderire alla nuova Società Scientifica di categoria

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta […]

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta un appuntamento importante per la Categoria delle ostetriche, al pari delle altre.

La legge, infatti, intervenendo in materia di responsabilità professionale in ambito sanitario, stabilisce i requisiti per la costituzione delle Società Scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie che devono possedere per potersi iscrivere, nei tempi previsti dalla legge, nel relativo elenco.

Lo scoglio maggiore da superare per le professioni sanitarie è organizzarsi, coagulandosi in un organismo che rappresenti il 30 % degli iscritti attivi che operano almeno in 12 regioni sulle 21 esistenti. Sin da subito, però, la FNCO ha individuato – così come altri rappresentanti delle Categorie delle professioni sanitarie – le serie criticità per la concreta iscrizione di una propria Società Scientifica nell’Albo ministeriale e di conseguenza il serio rischio di mancata rappresentatività della Categoria in sede istituzionale.

Proprio per scongiurare questa ipotesi, la Federazione chiama a raccolta tutte le proprie professioniste affinché colgano l’occasione di essere effettive protagoniste e aderiscano in massa alla costituente Società Scientifica in ostetricia, ginecologia e neonatologia. Per aderirvi, le Ostetriche potranno avvalersi anche del supporto dei Collegi provinciali e interprovinciali di riferimento cui la Federazione ha inviato un modello di domanda di adesione che dovrà essere restituita entro il 30 ottobre a ciascun Collegio. Tutti i Collegi, quindi, dovranno inviare alla FNCO le domande di adesione ricevute entro le ore 12 del 3 novembre.

La scelta della costituzione di questo nuovo organismo è nata dopo una attenta valutazione della FNCO che sin da subito si è attivata su diversi fronti: da quello interno con la convocazione in sede federale dei vertici delle tre Società Scientifiche di settore: AIO, Syrio, Sirong, dando mandato ai propri legali per individuare le formule giuridicamente più appropriate e infine con l’invio al Ministero della Salute di una richiesta di convocazione per la gestione delle criticità contenute nel DM 2 agosto 2017, ovvero proprio quello riguardante le Società Scientifiche.

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, in considerazione del momento di particolare importanza per la Categoria conseguente all’applicazione della legge 8 marzo 2017 n. 24Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie” e del D.M. attuativo del 2.8.2017 che fissa i criteri della rappresentatività delle Società Scientifiche di Categoria abilitate a emanare le Linee Guida e del termine ultimo posto dalla norma nel prossimo 8 novembre, ribadisce con forza e urgenza la necessità di una adesione massiccia delle Ostetriche. Il rischio reale, infatti, è che la mancata costituzione di tale Società Scientifica taglierebbe di fatto fuori dai giochi la Categoria delle Ostetriche demandando così solo ad altre professioni sanitarie medici e infermieri la stesura delle Linee guida presentate da Società Scientifiche.

 

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Legge Gelli: riforma in vista
Dal 12 maggio è in esame in Commissione giustizia e affari sociali della Camera una proposta di modifica della Legge Gelli Bianco
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
PNRR e Legge Gelli, Hazan: «La responsabilità professionale cambierà. Occorrono riflessioni importanti»
Il Presidente della Fondazione Italia in Salute fa un bilancio di cosa è cambiato dall’approvazione della legge sulla responsabilità professionale ad oggi e spiega come dovrà cambiare il sistema alla luce delle risorse in arrivo con il PNRR
PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»
Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome
Decreto attuativo Legge Gelli e azione diretta verso l’assicurazione
Con l'emanazione del Decreto attuativo della Legge Gelli-Bianco, cosa cambia in relazione all'azione diretta verso l'assicurazione?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale