OMCeO, Enti e Territori 24 ottobre 2017

Legge Gelli, la Federazione Nazionale Collegi Ostetriche invita ad aderire alla nuova Società Scientifica di categoria

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta […]

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta un appuntamento importante per la Categoria delle ostetriche, al pari delle altre.

La legge, infatti, intervenendo in materia di responsabilità professionale in ambito sanitario, stabilisce i requisiti per la costituzione delle Società Scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie che devono possedere per potersi iscrivere, nei tempi previsti dalla legge, nel relativo elenco.

Lo scoglio maggiore da superare per le professioni sanitarie è organizzarsi, coagulandosi in un organismo che rappresenti il 30 % degli iscritti attivi che operano almeno in 12 regioni sulle 21 esistenti. Sin da subito, però, la FNCO ha individuato – così come altri rappresentanti delle Categorie delle professioni sanitarie – le serie criticità per la concreta iscrizione di una propria Società Scientifica nell’Albo ministeriale e di conseguenza il serio rischio di mancata rappresentatività della Categoria in sede istituzionale.

Proprio per scongiurare questa ipotesi, la Federazione chiama a raccolta tutte le proprie professioniste affinché colgano l’occasione di essere effettive protagoniste e aderiscano in massa alla costituente Società Scientifica in ostetricia, ginecologia e neonatologia. Per aderirvi, le Ostetriche potranno avvalersi anche del supporto dei Collegi provinciali e interprovinciali di riferimento cui la Federazione ha inviato un modello di domanda di adesione che dovrà essere restituita entro il 30 ottobre a ciascun Collegio. Tutti i Collegi, quindi, dovranno inviare alla FNCO le domande di adesione ricevute entro le ore 12 del 3 novembre.

La scelta della costituzione di questo nuovo organismo è nata dopo una attenta valutazione della FNCO che sin da subito si è attivata su diversi fronti: da quello interno con la convocazione in sede federale dei vertici delle tre Società Scientifiche di settore: AIO, Syrio, Sirong, dando mandato ai propri legali per individuare le formule giuridicamente più appropriate e infine con l’invio al Ministero della Salute di una richiesta di convocazione per la gestione delle criticità contenute nel DM 2 agosto 2017, ovvero proprio quello riguardante le Società Scientifiche.

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, in considerazione del momento di particolare importanza per la Categoria conseguente all’applicazione della legge 8 marzo 2017 n. 24Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie” e del D.M. attuativo del 2.8.2017 che fissa i criteri della rappresentatività delle Società Scientifiche di Categoria abilitate a emanare le Linee Guida e del termine ultimo posto dalla norma nel prossimo 8 novembre, ribadisce con forza e urgenza la necessità di una adesione massiccia delle Ostetriche. Il rischio reale, infatti, è che la mancata costituzione di tale Società Scientifica taglierebbe di fatto fuori dai giochi la Categoria delle Ostetriche demandando così solo ad altre professioni sanitarie medici e infermieri la stesura delle Linee guida presentate da Società Scientifiche.

 

Articoli correlati
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
A Roma dal 5 al 7 luglio medici e giuristi a confronto sulla medicina legale e l’accertamento della verità
Guidati dai responsabili scientifici Prof. Vittorio Fineschi e Prof.ssa Paola Frati, gli ospiti affronteranno la metodologia medico-legale, il ruolo dei consulenti e dei periti, le novità della legge Gelli, e la legge sul consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila