Voci della Sanità 24 Ottobre 2017

Legge Gelli, la Federazione Nazionale Collegi Ostetriche invita ad aderire alla nuova Società Scientifica di categoria

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta […]

La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta un appuntamento importante per la Categoria delle ostetriche, al pari delle altre.

La legge, infatti, intervenendo in materia di responsabilità professionale in ambito sanitario, stabilisce i requisiti per la costituzione delle Società Scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie che devono possedere per potersi iscrivere, nei tempi previsti dalla legge, nel relativo elenco.

Lo scoglio maggiore da superare per le professioni sanitarie è organizzarsi, coagulandosi in un organismo che rappresenti il 30 % degli iscritti attivi che operano almeno in 12 regioni sulle 21 esistenti. Sin da subito, però, la FNCO ha individuato – così come altri rappresentanti delle Categorie delle professioni sanitarie – le serie criticità per la concreta iscrizione di una propria Società Scientifica nell’Albo ministeriale e di conseguenza il serio rischio di mancata rappresentatività della Categoria in sede istituzionale.

Proprio per scongiurare questa ipotesi, la Federazione chiama a raccolta tutte le proprie professioniste affinché colgano l’occasione di essere effettive protagoniste e aderiscano in massa alla costituente Società Scientifica in ostetricia, ginecologia e neonatologia. Per aderirvi, le Ostetriche potranno avvalersi anche del supporto dei Collegi provinciali e interprovinciali di riferimento cui la Federazione ha inviato un modello di domanda di adesione che dovrà essere restituita entro il 30 ottobre a ciascun Collegio. Tutti i Collegi, quindi, dovranno inviare alla FNCO le domande di adesione ricevute entro le ore 12 del 3 novembre.

La scelta della costituzione di questo nuovo organismo è nata dopo una attenta valutazione della FNCO che sin da subito si è attivata su diversi fronti: da quello interno con la convocazione in sede federale dei vertici delle tre Società Scientifiche di settore: AIO, Syrio, Sirong, dando mandato ai propri legali per individuare le formule giuridicamente più appropriate e infine con l’invio al Ministero della Salute di una richiesta di convocazione per la gestione delle criticità contenute nel DM 2 agosto 2017, ovvero proprio quello riguardante le Società Scientifiche.

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, in considerazione del momento di particolare importanza per la Categoria conseguente all’applicazione della legge 8 marzo 2017 n. 24Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie” e del D.M. attuativo del 2.8.2017 che fissa i criteri della rappresentatività delle Società Scientifiche di Categoria abilitate a emanare le Linee Guida e del termine ultimo posto dalla norma nel prossimo 8 novembre, ribadisce con forza e urgenza la necessità di una adesione massiccia delle Ostetriche. Il rischio reale, infatti, è che la mancata costituzione di tale Società Scientifica taglierebbe di fatto fuori dai giochi la Categoria delle Ostetriche demandando così solo ad altre professioni sanitarie medici e infermieri la stesura delle Linee guida presentate da Società Scientifiche.

 

Articoli correlati
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma
Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»