Voci della Sanità 25 Giugno 2021 16:07

Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Dopo Medicina ora via libera anche per le altre professioni sanitarie»

«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato» spiega il relatore del provvedimento Manuel Tuzi

«Un anno fa gli studenti in Medicina e Chirurgia venivano abilitati all’esercizio della professione medica direttamente con la laurea. Oggi viene approvato alla Camera un provvedimento che estende agli altri futuri giovani laureati nelle professioni sanitarie ciò che è stato portato a casa un anno fa dal MoVimento 5 Stelle. Stiamo parlando dei laureati in Odontoiatria, Farmacia, Veterinaria, Psicologia, Biologia, Chimica e Fisica che, dopo aver svolto un tirocinio pratico valutativo di almeno 30 crediti e una prova pratica valutativa, saranno direttamente abilitati all’esercizio della loro professione». Lo dichiara Manuel Tuzi, deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura e relatore del disegno di legge approvato nell’Aula di Montecitorio.

«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato e al tempo stesso a garantire a tutti gli studenti un’esperienza lavorativa grazie al tirocinio pratico valutativo inserito all’interno del percorso di studio, evitando così agli studenti di perdersi nel limbo dei tirocini extracurriculari e delle attese per l’ingresso nel mondo del lavoro», spiega ancora il medico e deputato Cinque Stelle.

«Inoltre, con la norma aperta a tutti i corsi di laurea lasciamo la possibilità di modificare e innovare il proprio percorso di abilitazione su richiesta del ministro o dell’Ordine competente anche ad ostetricia, a infermieristica e alle altre 19 professioni sanitarie che sono già abilitanti.  Non abbiamo dimenticato neanche coloro che si sono già laureati in base ai previgenti ordinamenti non abilitanti prevedendo una disciplina transitoria e il riconoscimento delle attività formative professionalizzanti svolte in precedenza» aggiunge Tuzi.

«Grazie al MoVimento 5 Stelle, che è sempre stato dalla parte dei giovani, c’è finalmente un aiuto concreto a tutti i giovani laureandi che, senza perdere tempo, potranno entrare direttamente nel mondo del lavoro», conclude Tuzi.

 

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi