Voci della Sanità 25 Giugno 2021 16:07

Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Dopo Medicina ora via libera anche per le altre professioni sanitarie»

«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato» spiega il relatore del provvedimento Manuel Tuzi

«Un anno fa gli studenti in Medicina e Chirurgia venivano abilitati all’esercizio della professione medica direttamente con la laurea. Oggi viene approvato alla Camera un provvedimento che estende agli altri futuri giovani laureati nelle professioni sanitarie ciò che è stato portato a casa un anno fa dal MoVimento 5 Stelle. Stiamo parlando dei laureati in Odontoiatria, Farmacia, Veterinaria, Psicologia, Biologia, Chimica e Fisica che, dopo aver svolto un tirocinio pratico valutativo di almeno 30 crediti e una prova pratica valutativa, saranno direttamente abilitati all’esercizio della loro professione». Lo dichiara Manuel Tuzi, deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura e relatore del disegno di legge approvato nell’Aula di Montecitorio.

«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato e al tempo stesso a garantire a tutti gli studenti un’esperienza lavorativa grazie al tirocinio pratico valutativo inserito all’interno del percorso di studio, evitando così agli studenti di perdersi nel limbo dei tirocini extracurriculari e delle attese per l’ingresso nel mondo del lavoro», spiega ancora il medico e deputato Cinque Stelle.

«Inoltre, con la norma aperta a tutti i corsi di laurea lasciamo la possibilità di modificare e innovare il proprio percorso di abilitazione su richiesta del ministro o dell’Ordine competente anche ad ostetricia, a infermieristica e alle altre 19 professioni sanitarie che sono già abilitanti.  Non abbiamo dimenticato neanche coloro che si sono già laureati in base ai previgenti ordinamenti non abilitanti prevedendo una disciplina transitoria e il riconoscimento delle attività formative professionalizzanti svolte in precedenza» aggiunge Tuzi.

«Grazie al MoVimento 5 Stelle, che è sempre stato dalla parte dei giovani, c’è finalmente un aiuto concreto a tutti i giovani laureandi che, senza perdere tempo, potranno entrare direttamente nel mondo del lavoro», conclude Tuzi.

 

Articoli correlati
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»
Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»
di Francesco Torre
TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»
La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»
di Francesco Torre
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre