Voci della Sanità 13 Marzo 2020

Laurea abilitante, Manuel Tuzi (M5S): «Importante che sia inserita in decreto coronavirus. Tanti giovani vogliono aiutare colleghi in difficoltà»

Il deputato e medico dei Cinque Stelle è l’autore di una proposta di legge sulal laurea abilitante: «Sono dei medici a tutti gli effetti, valutiamo il loro tirocinio pratico-valutativo e abilitiamoli»

Il deputato medico del Movimento 5 Stelle Manuel Tuzi, autore della proposta di Legge sulla laurea abilitante e delle specializzazioni mediche parla della possibilità che essa sia inserita nel decreto Coronavirus che sarà approvato a breve: «Se ci dovessero essere le condizioni, noi del M5S spingeremo affinché questa proposta che ho depositato a dicembre diventi realtà e i giovani laureati di questa sessione possano essere finalmente abilitati senza la necessità di fare un test teorico».

Manuel Tuzi spiega: «È il momento in questa fase di emergenza di capire cosa è importante per il paese, cosa è importante per quei tanti giovani che dovevano svolgere l’abilitazione medica e che sono in attesa a causa di un concorso che ovviamente è stato rimandato a causa della pandemia. Sono giovani che vogliono aiutare il proprio Paese a rialzarsi e potranno farlo se la laurea abilitante diventerà realtà nel decreto Coronavirus potendo entrare in servizio e aiutare i colleghi nei reparti affollati. Sono dei medici a tutti gli effetti, valutiamo il loro tirocinio pratico-valutativo e abilitiamoli».

«Perché non abilitarli a svolgere la professione? Rendiamo la laurea veramente abilitante. Ci siamo quasi, dopo due anni di lavoro portati avanti con la Ministra Giulia Grillo, se dovessero presentarsi le condizioni come Movimento 5 Stelle spingeremo questa proposta per portarla definitivamente a casa», conclude Manuel Tuzi.

 

Articoli correlati
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 maggio: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 24 maggio, il totale delle persone […]
Analisi mortalità Inps: in Italia i decessi sono aumentati del 48%, nelle province lombarde più colpite si supera il 200%
Il primato a Bergamo, con un aumento tra 400% e 500%. Più colpiti gli uomini delle donne, al Sud le variazioni meno significative. Dai dati del report: «Veneto ha gestito la crisi meglio della Lombardia»
Coronavirus, continuano le occasioni di vacanze gratuite per medici, infermieri e sanitari
Solidarietà, riconoscenza ma anche voglia di ripartire per le strutture turistiche: possibilità dalla Puglia alla Riviera
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...