Voci della Sanità 25 Aprile 2020

25 aprile, Perciballi (TSRM e PSTRP): «Diamo nuova effettività ai diritti sanciti nella Costituzione. Stato sia vicino a vittime pandemia»

La referente della FNO  TSRM e PSTRP  per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine sottolinea: «Crediamo in uno Stato che faccia giustizia da un lato, ma che sia al contempo espressione di quella necessità di rinnovamento e di vero cambiamento che si è accesa in ogni professionista della sanità, ma anche in ogni persona di buona volontà»

Pubblichiamo le riflessioni dell’avvocato Laila Perciballi, referente della Federazione degli Ordini  TSRM e PSTRP  per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine, sulle celebrazioni per il 25 aprile:

«Oggi, 25 Aprile 2020,  giorno della memoria, ai tempi della pandemia dobbiamo prendere atto della sconfitta  della nostra società dato che i nostri genitori, padri dei nostri figli e, bambini ai tempi della liberazione dalla guerra, sono finiti tristi e soli sottoterra. È purtroppo un sentire comune che tutte queste morti non sono dovute solo alla calamità ma soprattutto alle inefficienze ed ai tagli della sanità. I diritti inalienabili dell’uomo espressi dalla Costituzione Italiana, entrata in vigore nel 1948, che si è potuta avere grazie alla liberazione dal nazifascismo, devono ritrovare effettività. Se tutto questo è accaduto, se professionisti sanitari, anziani, e persone di ogni età sono morte significa che le parole ‘universalità, uguaglianza e solidarietà non hanno un vero contenuto all’interno di questa nostra società.

Il nostro SSN (così come il Codice Etico che stiamo costruendo con la Federazione nazionale delle 19 Professioni sanitarie, la Fno Tsrm Pstrp) deve essere un laboratorio permanente e, come tale, deve avere le risorse umane, professionali, strumentali, strutturali, territoriali, sociali e, in ultimo ma non per importanza, economiche per le sfide che la società, di volta in volta, impone di affrontare. Quindi, come abbiamo più volte chiesto attraverso missive inviate a tutte le istituzioni ed a tutte le Federazioni amiche della salute, siamo in attesa del tavolo di confronto per costituire il Fondo di responsabilità (e non solo di solidarietà) per tutte le famiglie delle vittime delle professioni sanitarie, ma anche della cittadinanza che devono avere ristoro attraverso agevoli procedure di conciliazione. Le responsabilità personali che, ove vi siano, certamente vanno individuate e punite, devono essere accertate con processi portati avanti d’ufficio, senza aggravare i familiari delle vittime anche dei costi e del penoso lungo cammino della macchina giudiziaria. 

Uno Stato che faccia giustizia da un lato, ma che sia al contempo espressione di quella necessità di rinnovamento e di vero cambiamento che si è accesa in ogni professionista della sanità, ma anche in ogni persona di buona volontà.

In questo insolito 25 Aprile, in questo mondo trasformato dalla paura ed isolato nelle proprie case dal virus,  è forte, come più volte espresso dal Presidente Alessandro Beux, la “necessità di un cambiamento vero, sostanziale, non dettato dall’emergenza e dalla paura” perché, se diamo davvero valore alla memoria, allora passata la pandemia, come ha affermato il tesoriere Teresa Calandra, “nulla sarà come prima” ed il mondo di ieri dovrà cedere il passo a quello che si tentò di costruire con la Resistenza 75 anni or sono. E, quindi, si chiede alle Istituzioni “di disegnare insieme le nuove rotte” del camminare solidalmente con le persone, con i professionisti sanitari, con la società nel rispetto dei diritti inviolabili della persona scritti nella nostra Costituzione, frutto della Liberazione».

Articoli correlati
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...