Voci della Sanità 6 Giugno 2022 15:24

Investimenti del Pnrr e cure di prossimità, l’Emilia Romagna punta sulla regia dei direttori assistenziali

L’assessore alla Sanità Raffaele Donini: «La rete dei laboratori un’eccellenza emersa con la pandemia da mettere a frutto negli ospedali di Comunità»

Investimenti del Pnrr e cure di prossimità, l’Emilia Romagna punta sulla regia dei direttori assistenziali

«Il potenziamento dell’Assistenza territoriale prevista dagli investimenti strutturali del Pnrr in Emilia Romagna trova un terreno già arato, a partire dalla istituzione, messa in pista da quasi un anno per legge regionale, dei direttori assistenziali posti in staff alle direzioni generali di tutte le Asl». Così Raffaele Donini, assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna, intervenuto al primo convegno nazionale dei Tecnici di laboratorio biomedico all’Hotel Savoia a Bologna. «Partiamo da una rete di assistenza di prossimità – ha aggiunto Donini – già strutturata con 128 Case della Salute (su 500 in tutta Italia), un livello di assistenza domiciliare per gli ultra 65enni attestata all’8,5% rispetto al il 10% previsto dal Pnrr entro il 2026 e una serie di Ospedali di Comunità già attivi. Il passo successivo sarà dare gambe al concetto di multiprofessionalità nei team che andranno a presidiare le strutture territoriali. Siamo inoltre impegnati e realizzare un luogo di ascolto delle esigenze degli operatori attraverso la Consulta degli Ordini delle professioni sanitarie. Uno sforzo necessario per arrivare agli obiettivi del Pnrr».

Donini ha poi fatto riferimento alla rete dei laboratori analitici che, durante la pandemia, sono emersi come «un’eccellenza su cui puntare» per farne sempre più «centrali di servizio dimensionate sui vari bisogni del territorio e su cui investire in tecnologie e formazione professionale ai fini di corrette valutazioni cliniche e assistenziali in un’ottica di miglioramento dell’appropriatezza diagnostica e organizzativa».

Su questo fronte l’esponente della giunta Emiliana ha accolto in pieno la sollecitazione di Saverio Stanziale, presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Laboratorio, che ha sottolineato la necessità di puntare su equipe multiprofessionali nei servizi analitici e diagnostici di base previsti nelle Case e ospedali di Comunità.

Donini, da Coordinatore nazionale degli assessori alla Sanità delle Regioni, ha poi riconosciuto la correttezza dell’impianto del criterio di riparto delle risorse del Pnrr tra le Regioni che premia le compagini che partono da posizioni di maggiore ritardo nella strutturazione delle reti di Case e Ospedali di Comunità mentre annuncia un grosso sforzo nell’upgrade in fieri del processo di digitalizzazione che in Emilia Romagna può contare su un sistema già a regime imperniato sul fascicolo sanitario elettronico.

Tutti i servizi territoriali e ospedalieri saranno dunque interoperabili e integrati in rete per facilitare la presa in carico dei cittadini all’insegna dell’appropriatezza.

Infine, le note dolenti della spesa corrente e per il personale che il governo non ha ancora previsto sia per la copertura dei costi sostenuti a causa del Covid sia per popolare adeguatamente di camici bianchi le Case e ospedali di Comunità. «L’Emilia – ha concluso Donini – ha chiuso il Bilancio 2021 con 18 milioni di euro di esborsi Covid coperti con risorse proprie che se nel 2022 non saranno riconosciute incideranno, nella nostra come in altre regioni, sulla sanità pubblica e in particolare quella territoriale ponendoci di fronte a una bipolarità tra investimenti strutturali e tecnologici del Pnrr e mancanza di risorse di parte corrente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, in Sicilia tre gare per potenziare i servizi socio-sanitari e il patrimonio immobiliare sanitario
La procedura è gestita da Invitalia. L'iniziativa si inserisce nell'ambito del supporto tecnico operativo reso disponibile dal Ministero dell'economia e delle Finanze e dal Ministero della Salute alle Regioni e agli Enti del servizio sanitario regionale
PNRR: Uneba, più risorse per il non profit dedicato ad anziani e fragili
Uneba ha scritto una lettera aperta alle istituzioni per chiedere una maggiore attenzione al non profit del sociosanitario che ogni giorno si prendono cura di centinaia di migliaia di uomini e donne anziani, non autosufficienti, disabili, fragili
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
Pnrr: Toscana, 5,6 milioni di euro contro i rischi da clima e ambiente
Grazie alle risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), la Toscana avrà a disposizione circa 5 milioni e 623 mila euro per l’acquisto di strumentazioni e macchinari al servizio del sistema di prevenzione della salute dai rischi ambientali e climatici. L’obiettivo è quindi quello di prevenire, controllare e curare le […]
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...