Voci della Sanità 12 Marzo 2019

Integrazione, Foad Aodi (Amsi) lancia il manifesto #AmoreItalia

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), Emergenza Sorrisi Ong ,Unione Medica Euro-mediterranea (Umem), la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-Italia) e il Movimento internazionale interprofessionale Uniti per Unire lanciano il Manifesto Prima di tutto e tutti #AmoreItalia (Aiutarli a casa loro e in Italia). «Si tratta di  proposte […]

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), Emergenza Sorrisi Ong ,Unione Medica Euro-mediterranea (Umem), la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-Italia) e il Movimento internazionale interprofessionale Uniti per Unire lanciano il Manifesto Prima di tutto e tutti #AmoreItalia (Aiutarli a casa loro e in Italia).

«Si tratta di  proposte concrete e progetti di cooperazione internazionale che rispondono alle esigenze della popolazione in loco, formando i professionisti della sanità e intensificando lo sviluppo dei  servizi socio-sanitari, informando così le popolazioni sulla situazione politica reale presente in Europa e in Occidente. Il tutto  per combattere il mercato degli esseri umani, la violenza contro le donne, il traffico dei minorenni non accompagnati, per ridurre i “falsi viaggi  della speranza” ed intensificare i ritorni in patria per chi ha dovuto lasciare  il suo paese per cause di forza maggiore, nella speranza di ritornare a vivere nella serenità, cosi come hanno fatto 20 mila rifugiati che sono tornati in Siria provenienti dai confini tra Libano e Giordania negli ultimi mesi» così dichiara Foad Aodi Fondatore Amsi e Co-mai nonché Consigliere Omceo di Roma e Coordinatore Area rapporti con i Comuni e Affari Esteri e Area Riabilitazione.

Ecco il Manifesto #AmoreItalia (Aiutarli a casa loro e in Italia) proposto alle Istituzioni competenti da Amsi, Co-mai, Umem, Cili-ITALIA, Uniti per Unire ed Emergenza Sorrisi:

  • #Prima aiutarli a casa loro e in Italia;
  • #Prima siamo tutti figli di un unico Dio;
  • #Prima gli italiani e i cittadini di origine straniera  uniti per la sicurezza dell’Italia;
  • #Prima evitare le divisioni in categorie o partiti politici  in base al colore della pelle, della nazionalità o della religione;
  • #Prima la tutela dei diritti umani, il diritto alla salute, al lavoro, allo studio e al vivere con serenità, amore e senza sofferenza;
  • #Prima la legalità e la trasparenza, no alle interpretazione  e alle cure “fai da te” nel nostro nome
  • #Prima combattere la disoccupazione, le diseguaglianze la povertà e la paura e il pregiudizio nei confronti del diverso;
  • #Prima una nuova legge sull’immigrazione sui diritti e sui doveri che coinvolga uniformemente i Paesi Europei per una vera cooperazione internazionale e solidale;
  • #Prima combattere  la fuga dei cervelli dall’ Italia e dai nostri paesi di origine migliorando  le offerte lavorative per i giovani;
  • #Prima tutelare i medici e professionisti della Sanità nei luoghi di conflitto in tutto il mondo;
  • #Prima le politiche dei due binari: integrazione e sicurezza, per lo sviluppo del dialogo interculturale ed inter-religioso e per contrastare qualsiasi forma di discriminazione e razzismo;
  • #Prima accordi bilaterali tra l’Italia e i Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata e qualificata;
  • #Prima l’istituzione di nuovi centri di accoglienza nei territori di transito per ridurre l’immigrazione irregolare contrastando la tratta degli esseri umani;
  • #Prima la buona informazione per favorire la  convivenza, il dialogo tra i popoli e l’unità tre le diversità, combattendo la “guerra tra poveri”;
  • #Prima la cooperazione economica tra Italia e i Paesi di origine  abbattendo il muro della burocrazia valorizzando le eccellenze italiane;
  • #Prima l’istituzione di  sportelli di ascolto e mediazione culturale nei vari comuni insieme a corsi di lingua italiana e cultura italiana;
  • #Prima combattere il fenomeno dello sfruttamento lavorativo sia minorile quanto adulto;
  • #Prima combattere lo sfruttamento sessuale minorile e il mercato nero dei trapianti d’organo;
  • #Prima combattere la “guerra alle religioni” compresi tutti gli estremismi;
  • #Prima valorizzare la buona integrazione e l’immigrazione qualificata con le buone pratiche;
  • #Prima promuovere gemellaggi e patti d’amicizia tra comuni, città italiane e i paesi di origine;
  • #Prima promuovere lo scambio socio-sanitario, scolastico e universitario;
  • #Prima creare più servizi sanitari e sociali nei posti disagiati e campagne di educazione sanitarie e scolastiche.
Articoli correlati
Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»
Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell'Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Il 28 febbraio è la Giornata delle malattie rare: al via #showyourrare, la campagna social di Uniamo Onlus
In Italia la Giornata è coordinata da UNIAMO (Federazione Italiana Malattie Rare Onlus) che la celebrerà il prossimo 28 febbraio con un evento alla Camera dei Deputati. Anche per questa edizione la campagna social manterrà sia il claim #ShowYourRare che il concept del body/face-painting con il messaggio chiaro e diretto “Mostra che ci sei al fianco di chi è raro"
Integrazione, Foad Aodi (Amsi e Co-mai): «Il 10% dei figli della seconda generazione soffre di crisi di identità»
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre […]
#Natale Multiculturale, Aodi e Quintavalle (Amsi): «Creare punti d’ascolto per combattere solitudine, paura e violenza»
Grande successo, per la manifestazione #Natale Multiculturale organizzata da Amsi, Uniti per Unire, Asl Roma 4, Asl Roma 5, UMEM, Cili-Italia, Emergenza Sorrisi, AMLI, Cara Italia e con la partecipazione e il patrocinio dell’OMCEO di Roma e del III Municipio . La paura dell’altro che non conosciamo e il presunto stigma della diversità si vincono solo […]
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare