OMCeO, Enti e Territori 13 Febbraio 2019

Integrazione, Foad Aodi (Amsi e Co-mai): «Il 10% dei figli della seconda generazione soffre di crisi di identità»

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre […]

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre in continua evoluzione e cambiamento, soprattutto per quanto riguarda i matrimoni ed  i divorzi.

Secondo le statistiche, le coppie che reggono di più  e non arrivano con percentuali alte alla separazione sono quelle formate tra italiani ed arabi (palestinesi, giordani, siriani, libanesi, egiziani, tunisine, algerini, marocchini) iraniani ed africani (provenienti da Congo, Camerun, Nigeria) .

Nella maggior parte dei casi ne fanno parte studenti stranieri arrivati in Italia  negli anni ’60, ’70 ed ’80 , sino al periodo della caduta del muro di Berlino. Si tratta di persone che si sono laureate in Italia, dove sono poi rimasti, che hanno conosciuto l’integrazione all’età dei 18 o 19 anni.  Le categorie di coppie miste possono essere suddivise in tre categorie: italiani-noncomunitari, italiani-europei  e cittadini di origine straniera tra di loro.

Quelle che registrano il numero più basso di divorzi sono quelle tra italiani ed arabi o africani giunti in Italia per scopi di studio. Meno stabili, invece, le coppie composte tra italiani e provenienti da paesi europei, la cui maggior parte è giunta da Russia, Romania, Albania e Moldavia. Tutte persone con età media tra i 35 ed i 40 anni, arrivate dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, i quali hanno avuto maggiori difficoltà economica e lavorativa. Molto basso risulta invece essere il numero delle unioni tra italiani, cinesi e sud-americani e filippini nei quali, comunque, il numero dei divorzi è abbastanza contenuto.

Nella seconda categoria si trovano italiani coniugati con un alto numero di inglesi, tedeschi e francesi, olandesi, belgi. Nei casi in cui l’uomo è italiano, esso tende a seguire la donna nel suo paese di origine. In questo tipo di coppie i maggiori dissidi si verificano nei confronti dell’educazione dei figli, per le abitudini culturali e nella scelta della scuola da frequentare e le lingue da studiare. Nella terza categoria vi sono un’alta percentuale di arabi, sposati tra loro, cosi come sud-americani, filippini, cinesi e rumeni, albanesi, russi, moldavi e indiani.

Molte anche le coppie composte tra arabi e sud-americani. In tutte e tre le categorie le problematiche comune che si verificano sono inerenti all’ambito inter-religioso, all’educazione dei figli, alla appartenenza religiosa, alla pratica della circoncisione ed al modo di vestire. Tutte scelte in cui capita, in maniera errata, di non coinvolgere il proprio partner o di ascoltare di più i propri genitori e famigliari.

Nella seconda generazione di immigrati,  il 90% ama l’Italia, le sue usanze e le sue tradizioni  e si sente al 100%italiano. Solo il 10% soffre di crisi di identità, le quali dipendono da episodi di discriminazione, da pregiudizi culturali e religiosi  e dissidi con i genitori, in particolare con il padre per il modo di vestirsi, per la scelta dei fidanzati  o per i matrimoni combinati. Foad Aodi – medico, fondatore dell’ Amsi e delle Co-mai e Consigliere dell’OMCEO di Roma – afferma che: «La nostra proposta è quella di continuare a lavorare sui “due binari” quali l’integrazione e  la consapevolezza del sentirsi italiani continuando ad avere legami con i paesi di origine, per sconfiggere cosi le crisi di identità culturale. Nella seconda generazione bisogna promuovere ed intensificare i rapporti con i propri famigliari sia in Italia quanto nei paesi di origine per prevenirne la crisi di identità. E dobbiamo difendere i diritti delle donne che sono in alcuni casi vittime di mariti autoritari, difendendo sempre i loro figli e in particolare le figlie».

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
Roma, salute lungo il Tevere con i medici del Fatebenefratelli
Parte il progetto dell’ospedale Fatebenefratelli  per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione. A partire dal 5 al 22 luglio, dalle 19.30, i medici dell’ospedale saranno sulla banchina del Tevere, con uno stand sotto l’Isola Tiberina, per rispondere alle domande dei cittadini, parlare di cura e stili di vita. Ecco il calendario: 5-6 con i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone