Voci della Sanità 9 Settembre 2020

Infermieri, Nursing up proclama stato di agitazione. Manifestazione a Roma il 15 ottobre

De Palma: «Sarà lotta dura, se ci costringeranno arriveremo fino allo sciopero»

«Oggi abbiamo notificato il tentativo di conciliazione al ministero del lavoro, come prevede la legge, se il governo non ci risponderà, sarà sciopero senza mezzi termini. il 15 ottobre saremo in piazza a Roma». Il sindacato degli infermieri Nursing Up annuncia lo stato di agitazione in una nota.

«Otto i punti chiave alla base delle richieste decisive per disegnare un futuro diverso per l’intera categoria e anche per le altre professioni sanitarie – si legge nella nota – da accogliere il prima possibile nella speranza che quello che sembra un vero e proprio muro contro muro possa avere fine per ricostruire la serenità dell’intero mondo infermieristico».

«Stanchi dall’atteggiamento di un governo indifferente a qualsiasi richiesta rispetto alle legittime istanze della categoria, il nursing up proclama ufficialmente lo stato di agitazione nazionale».

«È il preludio all’inizio delle nostre nuove battaglie. La piazza di milano, con l’evento del 4 luglio scorso, ci ha consegnato nelle mani un mandato preciso, una responsabilità straordinaria a cui adempiere. non possiamo fermarci adesso e non lo faremo. l’esperienza nefasta del covid è servita per dimostrare agli occhi dei nostri ciechi interlocutori che gli infermieri italiani ci sono e ci saranno sempre. siamo il perno del sistema, un sistema fallace, pieno zeppo di lacune, ma che senza di noi sarebbe già affondato da tempo. per questa ragione confermiamo ufficialmente la manifestazione del 15 ottobre prossimo a roma, ma soprattutto ribadiamo che di fronte al silenzio della politica sulle nostre legittime aspettative, economiche e contrattuali, quella della capitale sarà solo la prima di tante nuove “azioni mirate” finalizzate a cambiare il nostro destino».

«Confermiamo e proclamiamo ufficialmente – dice De Palma, lo stato di agitazione degli infermieri italiani, ma anche degli altri operatori sanitari del comparto pubblico. la strada che stiamo percorrendo deve apparire chiara a tutti: la manifestazione del 15 ottobre, a cui prenderanno parte anche altre associazioni di categoria e conseguente una prima giornata di sciopero nazionale nazionale, che sarà inevitabile se dal ministero del lavoro non giungono risposte alle nostre richieste, viaggiano di pari passo».

«Ci meraviglierebbe – continua De Palma – se governo e regioni persistessero nel loro atteggiamento di chiusura, di fronte al rischio di ulteriori “scossoni” per il nostro sistema sanitario, già messo a dura prova dal covid, se dovessero mancare all’appello gli infermieri nei posti di lavoro proprio ad ottobre, con l’inverno alle porte».

«Lo sciopero nazionale non è una chimera, non è una minaccia campata in aria: il tentativo di conciliazione previsto dalla legge rappresenta l’ultima spiaggia prima della proclamazione dello sciopero. questo lo prevede la legge. Se la conciliazione fallisse, allora siamo pronti ad una guerra senza esclusione di colpi per ottenere ciò a cui abbiamo diritto e che viene sistematicamente ignorato da chi gestisce il potere» conclude De Palma.

«Per la manifestazione del 15 ottobre – spiega il sindacato – stiamo coordinandoci con le autorità capitoline per l’individuazione della piazza che possa meglio accogliere l’enorme afflusso di infermieri che ci aspettiamo, nel rispetto delle norme anti covid. Invitiamo tutti i colleghi che volessero partecipare alla manifestazione, a contattare i propri rappresentanti locali, tenendo conto che saranno organizzati autobus gratuiti dalle principali città».

«Invitiamo inoltre, tutti i colleghi – continua – a seguire, sul nostro sito ed attraverso i rappresentanti sindacali, lo stato di avanzamento della procedura di conciliazione, e se questa dovesse fallire, allora chiediamo a tutti di aderire allo sciopero che nursing up proclamerà di conseguenza.

«Abbiamo informato dei nostri intenti anche il viceministro Pierpaolo Sileri, che in passato si era detto a fianco degli infermieri, perché questo è il momento di agire attraverso i fatti, operando con concretezza e per dare senso compiuto alla disponibilità personale della quale ha sempre parlato».

«Elenchiamo ora le richieste che il sindacato nursing up ha notificato al ministero del lavoro ed agli altri ministri competenti, oltre che al presidente della conferenza delle regioni.

Queste le richieste del nursing up, sindacato infermieri italiani:

  • un alveo contrattuale autonomo, con risorse economiche dedicate ed avulse dal resto del comparto, che riconosca peculiarità, competenza e indispensabilità ormai evidenti della categoria infermieristica, che rappresenta oltre il 41% delle forze del servizio sanitario nazionale e oltre il 61% degli organici delle professioni sanitarie. analogamente accada per le professioni sanitarie ostetrica e tecniche.
  • risorse economiche dedicate e sufficienti per il riconoscimento di una indennità professionale infermieristica mensile che, al pari di quella già riconosciuta per altre professioni sanitarie della dirigenza, sia parte del trattamento economico fondamentale, e che riconosca e valorizzi sul piano economico le profonde differenze rispetto alle altre professioni, rese ancor più evidenti, da ultimo, proprio dalla pandemia covid-19.
  • risorse economiche per il contratto della sanità finalizzate e sufficienti per conferire un’indennità specifica e dignitosa per tutti i professionisti che si occupano ai vari livelli di funzione di assistere pazienti con un rischio infettivo.
  • individuazione di uno specifico contratto/convenzione nazionale di lavoro per l’infermiere di famiglia, immediato adeguamento delle dotazioni organiche del personale operante nella generalità dei presidi ospedalieri e sul territorio, calibrato tenendo conto dei reali bisogni dell’assistenza con coevo aggiornamento della programmazione degli accessi universitari posto che, allo stato, mancano più di 53 mila infermieri. nuove norme in grado di agevolare, concretamente, la mobilità del personale tra gli enti del servizio sanitario nazionale, anche eliminando il “previo placet” al trasferimento dell’ente di appartenenza in caso di disponibilità di posto vacante nell’ente di destinazione.
  • superamento, per gli infermieri pubblici e per gli altri professionisti non medici, il vincolo di esclusività, riconoscendo loro il medesimo diritto già esistente per il personale medico, di svolgere attività intramoenia, anche per far fronte alla gravissima carenza di personale in cui versano le strutture sociosanitarie, le rsa, le case di riposo, di cura e le strutture residenziali riabilitative.
  • direttive e risorse economiche finalizzate a sostenere l’aggiornamento professionale dei professionisti sanitari oggetto della presente, riduzione del debito orario settimanale degli stessi (orario di servizio) pari ad almeno 4 ore settimanali, da utilizzare per le attività di aggiornamento, come già avviene per i medici.
  • direttive e nuove risorse economiche finalizzate all’immediato e stabile riconoscimento degli infermieri specialisti e gli esperti in applicazione della legge 43/06 e per la valorizzazione economico giuridica della funzione di coordinamento, valorizzazione delle competenze cliniche e gestionali degli interessati;
  • riconoscimento della malattia professionale e correlato meccanismo di indennizzo in caso di infezione, con o senza esiti temporanei o permanenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità privata in sciopero: «Mancato rinnovo contratto è schiaffo a dignità». Il 25 settembre assemblea Aiop
Manifestazione sotto la sede Aiop a Roma di un centinaio di operatori della sanità. Cittadini (Aiop): «Siamo in attesa che tutte le regioni varino delibera per erogare i fondi pubblici necessari». Anche Cimop e Ugl hanno incrociato le braccia
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
Regionali 2020, nelle prime elezioni post-Covid boom di professionisti sanitari candidati
Da destra a sinistra tanti infermieri e medici tentano la scalata in Consiglio regionale nelle sette regioni chiamate al rinnovo. In Puglia sfida tra virologi (Lopalco vs De Vito), mentre in Campania candidato il Presidente OPI Napoli Ciro Carbone. In campo anche biologi, fisioterapisti, tecnici di radiologia e farmacisti. Tutti considerano l’esperienza nella sanità un valore aggiunto per l’impegno politico
Sanità privata, Cimop: «Aris e Aiop come gatto e volpe. Del contratto non c’è traccia, scioperiamo»
Dopo la mancata conciliazione, Cimop annuncia un nuovo sciopero per il 16 settembre. De Rango: «Su Sanità privata, Aris e Aiop come il gatto e la volpe»
Contratti sanità privata: Cgil Cisl e Uil proclamano sciopero il 16 settembre
Continua la mobilitazione contro Aris e Aiop per il mancato rinnovo dei contratti della sanità privata. Il 31 agosto appuntamento con presidi e assemblee presso le sedi Aris e Aiop in tutti i territori. I sindacati: «Un passo indietro, vile e vergognoso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 settembre, sono 31.328.238 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 964.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto