Voci della Sanità 12 Ottobre 2022 16:07

“I diritti degli anziani, i doveri della comunità”. Ordini TSRM PSTRP della Liguria e Comunità di Sant’Egidio ne parlano a Genova

Il convegno, aperto alla cittadinanza, avrà luogo il 21 ottobre dalle 15.30 alle 18.30, presso il teatro Politeama Genovese a Genova. Atteso l’intervento idi Mons. Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia pontificia per la vita, che ha presieduto la Commissione per la riforma dell’assistenza sociosanitaria per la popolazione anziana

Il 21 ottobre 2022 dalle 15.30 alle 18.30, presso il teatro Politeama Genovese a Genova, si svolgerà il convegno “I diritti degli anziani, i doveri della comunità. Riflessioni sulla riforma dell’assistenza sociosanitaria in un Paese che invecchia”. L’evento, organizzato dagli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione della Liguria, in collaborazione con la Comunità di SantEgidio della Liguria, ha l’intento di portare all’attenzione della cittadinanza e delle istituzioni la tematica della cura e assistenza della persona anziana, con particolare riguardo a chi si trova in condizioni di fragilità.

«Il convengo costituisce il punto di incontro tra le professioni sanitarie afferenti agli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, la cittadinanza e le istituzioni su un argomento tanto sensibile, quanto urgente, la cura e l’assistenza dell’anziano», fa sapere Antonio Cerchiaro, presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP di Genova, Imperia e Savona.

«La multi-professionalità dei nostri Ordini gioca un ruolo importante a supporto della popolazione anziana, un valore aggiunto per l’invecchiamento attivo», aggiunge Pier Andrea Moretti, presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP di La Spezia.

«Qualcuno ha definito quella anziana un’età “da inventare” – afferma Andrea Chiapporiresponsabile della Comunità di Sant’Egidio della Liguria – c’è bisogno di spendere risorse ed energie culturali per trasformare la visione che abbiamo di questa stagione della vita. La Liguria, regione tra le più longeve del mondo, può diventare un laboratorio in cui sperimentare un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro tessuto famigliare e sociale, investendo nell’assistenza domiciliare, nel sostegno alle famiglie e in tutte le risorse, come la telemedicina, messe a disposizione dalla moderna tecnologia».

Durante l’evento, che inizierà alle 15:30, interverrà Mons. Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia pontificia per la vita, che ha presieduto la Commissione per la riforma dell’assistenza sociosanitaria per la popolazione anziana, istituita due anni or sono dal Ministro della salute Roberto Speranza. Paglia, insieme a Leonardo Palombi, segretario della Commissione per la riforma sanitaria e sociosanitaria per la popolazione anziana, presenterà la Carta per i diritti degli anziani, in cui sono racchiusi principi e valori per l’assistenza alle persone anziane. 

Anche le professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione presenteranno la loro carta valoriale, la neonata Costituzione etica, punto di riferimento per il loro agire quotidiano. A parlarne ci saranno Alessandro Beux, past president della FNO TSRM e PSTRPDaniele Rodriguez, professore di Medicina legale all’Università degli studi di Padova e Tiziana Rossetto, presidente della Commissione di albo nazionale dei Logopedisti.

A seguire interverranno i professionisti sanitari delle tre aree afferenti agli Ordini TSRM e PSTRP della Liguria, ovvero Federico Petrilli, per l’area della prevenzione, Fabrizio Peschiera, per l’area tecnica  e Agnese Giangrasso per l’area della riabilitazione, che avranno il compito di esporre i contributi che le 19 professioni sanitarie esprimeranno per l’assistenza sociosanitaria  di domani.

Il convegno si concluderà con la tavola rotonda intitolata “La sanità di domani e il ruolo delle professioni sanitarie e della società civile”, che si sostanzierà in un’analisi di quanto succede attualmente e di come istituzioni e società civile possano dialogare per proporre nuovi modelli organizzativi, che tengano conto della prossimità e dell’assistenza territoriale per rendere sostenibile la cura e l’assistenza del futuro.

Alla tavola rotonda sono invitati a partecipare Anna Lisa Mandorino, segretaria nazionale di Cittadinanzattiva, Ernesto Palummeri, Geriatra e Referente ALISA per infezioni da Covid-19 nelle RSA, Massimiliano Cavalli, direttore delle politiche sociali del Comune di Genova, Luigi Carlo Bottaro, direttore generale della Asl3 genovese e Teresa Calandra, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

La partecipazione al convegno è gratuita. Tutta la cittadinanza è invitata.

Modera Andrea Castanini, vice direttore de Il Secolo XIX

Interverranno:

  • Antonio Cerchiaro, presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP di Genova, Imperia e Savona;
  • Pier Andrea Moretti, presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP di La Spezia;
  • Mons. Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia pontificia per la vita;
  • Leonardo Palombi, prof. ordinario di Epidemiologia dell’Università di Tor Vergata;
  • Alessandro Beux, componente del Comitato centrale della FNO TSRM e PSTRP;
  • Daniele Rodriguez, professore di Medicina legale all’Università di Padova;
  • Tiziana Rossetto, presidente Commissione di albo nazionale dei Logopedisti;
  • Federico PetrilliArea prevenzione Ordine TSRM e PSTRP di Genova, Imperia e Savona;
  • Fabrizio PeschieraArea tecnica Ordine TSRM e PSTRP di Genova, Imperia e Savona;
  • Agnese Giangrasso Area della riabilitazione Ordine TSRM e PSTRP di La Spezia;
  • Andrea Chiappori, responsabile della Comunità di sant’Egidio Liguria;
  • Anna Lisa Mandorino, segretaria nazionale di Cittadinanzattiva;
  • Ernesto Palummeri, Medico geriatra e responsabile delle strutture sanitarie per anziani di Alisa;
  • Massimiliano Cavalli, direttore delle politiche sociali del Comune di Genova;
  • Luigi Carlo Bottaro, direttore generale della Asl3 genovese;
  • Teresa Calandra, presidente della Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP.

21 ottobre 15:30 – 18:30 Politeama genovese Via Nicolò Bacigalupo, 2, 16122 Genova GE

 

Articoli correlati
Caro bollette: aumenti del 300%, RSA a rischio chiusura
Una indagine di UNEBA su un campione di 111 strutture residenziali per anziani in 11 regioni italiane ha messo in luce una perdita di 10,9 euro al giorno per ospite che proiettata sui dodici mesi per l’intero comparto significa oltre un miliardo l’anno. Dal mondo del no profit appello alla politica
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
Badacare, arriva la piattaforma che permette di trovare la badante ideale
Una Startup torinese ha messo a punto un portale con oltre 7000 bandati qualificate per non commettere errori nella scelta delle figure professionali cui affidare la gestione dei propri parenti anziani
Un italiano over-60 su 5 è fragile e oltre 1 milione di anziani sono affetti da fragilità severa
L’indagine di Italia Longeva: più colpiti gli anziani con basso reddito e chi vive al Sud, ma non mancano le eccezioni. Servizi di ADI e RSA non proporzionati al numero di fragili in 3 Regioni su 4
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...