Voci della Sanità 18 Settembre 2020

GOAL, 10 anni di oftalmologia. Il 18 settembre l’evento nazionale a Milano

Al centro dell’evento uno “sguardo” al presente e al futuro: il ruolo degli oculisti ambulatoriali e novità di cura e assistenza

Immagine articolo

«Festeggiamo i dieci anni di attività e vogliamo ribadire l’importanza del ruolo degli oculisti ambulatoriali», dice il dott. Danilo Mazzacane, segr. gen. della Società Scientifica Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi. «Per questo motivo – prosegue – abbiamo organizzato un evento scientifico nazionale, il primo di persona dopo la pandemia Covid-19, volto a consentire uno scambio di know how in primis sulla gestione real life della visita oculistica ambulatoriale in era Covid- 19, per confrontare esperienze e best practices. Inoltre tratteremo i temi dell’innovazione tecnologica e della gestione delle patologie retiniche, e faremo un approfondimento  sulla malattia glaucomatosa, oltre che sulle strategie per la prevenzione in oftalmologia pediatrica».

L’EVENTO DEL 18 SETTEMBRE

Saranno presentati gli studi più recenti relativi alla superficie oculare e sarà ribadita l’importanza della multidisciplinarietà in diverse patologie tra cui le cefalee. Gli esperti relazioneranno anche su come si possa migliorare la comunicazione tra medico e paziente, e quanto ciò sia fondamentale per una aderenza e persistenza terapeutica in oftalmologia.

Ci sarà anche una comune riflessione di GOAL e AMOA su quella che si può definire la “buona oftalmologia”. L’evento scientifico prevede inoltre, nel tardo pomeriggio, una serie di speed date con le aziende del settore. Nel rispetto della mission di GOAL, associazione nazionale dedita alla salvaguardia della salute visiva della popolazione, verrà presentato il gemellaggio con il Comitato Macula associazione di pazienti con disabilità visiva che opera in stretta collaborazione con Cittadinanzattiva. Sarà presentato  anche un progetto di prossima realizzazione volto a garantire in “real life” supporto e conforto ai pazienti maculopatici.

18 settembre 2020

Starhotels Rosa Grand –  Piazza Fontana 3 – Milano

ore 9.30-19.30

G.O.A.L – 10 anni di oftalmologia real life PROGRAMMA

GLI OBIETTIVI DI GOAL

Fra gli obiettivi di G.O.A.L. ci sono la libertà nell’espressione professionale, una collaborazione efficacie e proficua con altri operatori sanitari e la tutela della salute visiva dei cittadini tramite l’umanizzazione comportamentale. «Durante questi nostri primi dieci anni di attività – spiega la Presidente dott.ssa Flavia Ronconi – i nostri obiettivi sono stati perseguiti con la pratica clinica quotidiana e con momenti importanti di formazione diversificati nelle tematiche e nelle tipologie di eventi organizzati o patrocinati. Il 2020 è un anno sfidante sia per la pandemia che abbiamo tutti dovuto affrontare sia come anno  di riflessione sull’operato svolto e sulle proposte per il futuro per la nostra associazione e società scientifica».

Nel congresso saranno presentati i dati su come si è rimodulato il rapporto medico oculista-paziente e verranno presentati anche i progetti di telemedicina, le app, le tecnologie innovative al fianco  del percorso di diagnostico-terapeutico. «Avremo – dice il dott. Danilo Mazzacane – sia medici ambulatoriali che medici ospedalieri-universitari,  giovani e meno giovani, proprio perché la nostra volontà è quella di evidenziare come anche la professione dell’oculista ambulatoriale sia in divenire ed oggigiorno i congressi necessitino di nuove formule, come la nostra, innovative, proprio per aiutare i professionisti della salute ad avere uno sguardo d’insieme sull’oftalmologia in veste real life, finalità questa sempre fulcro dell’operato di G.O.A.L».

Saranno premiati la Presidente Flavia Ronconi e Antonio D’Amico , soci fondatori, per l’impegno sin qui profuso per GOAL  e sarà presentato il Premio GOAL  2021 dedicato ai  giovani oculisti il cui bando sarà diffuso entro la fine del 2020 e scaricabile dal sito della associazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Oftalmologia, al via a Roma il congresso nazionale Aimo
Il primo in oftalmologia realizzato con formula ‘ibrida’. Il presidente: “Tante difficoltà per covid-19, ma evento sarà accattivante”
In farmacia screening per la prevenzione di malattie oculari senza oculisti. L’allarme di Mazzacane (GOAL)
Il segretario del Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi: «Rivedere il programma dell'iniziativa in un’ottica di collaborazione con i medici specialisti e di miglior servizio alla popolazione»
di Federica Bosco
Salute degli occhi e Covid-19, Piovella (SOI): «3,5 mln di visite e 250 mila interventi in meno, urgente ripristinare attività ordinaria»
Il presidente della Società Oftalmologica Italiana illustra il sentiero per un recupero della normalità nelle visite. Preoccupa chi non ha potuto fare prevenzione e ora potrebbe aggravarsi. Fondamentale differenza tra congiuntivite da Covid e quella batterica
Infezioni oculari, Aimo: «L’87% degli stafilococchi sono resistenti agli antibiotici»
A Palazzo Giustiniani il convegno organizzato da Aimo e Associazione "G. Dossetti". «Dobbiamo attenerci alle indicazioni fornite dall’OMS - ha sottolineato Stefano Baiocchi di AIMO - e seguire i colleghi europeei che ricorrono sempre più spesso ai disinfettanti. Deve cambiare il nostro approccio alla prevenzione»
Oftalmologia e innovazioni tecnologiche, Mazzacane (Goal): «Fondamentale formazione continua per stare al passo»
«Quel che oggi serve al medico – continua Mazzacane – è tornare ad essere un organizzatore del sistema sanitario e non può più essere considerato un ‘manovale’ della medicina».
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...