Voci della Sanità 14 Settembre 2021 12:09

Giornata Mondiale Alzheimer, il 21 settembre Aima offre colloqui psicologici gratuiti alle famiglie

Il 21 settembre AIMA darà vita, inoltre, a una diretta streaming sui social ricca di appuntamenti da non perdere, con documentari, video e interviste ad autorevoli rappresentanti del mondo della scienza e della ricerca

Una rete di 15 psicologi pronti a offrire per 12 ore colloqui gratuiti alle famiglie dei pazienti colpiti dalla malattia di Alzheimer. A lanciare l’iniziativa è AIMA – Associazione italiana malattia di Alzheimer, in occasione della ventottesima edizione della Giornata Mondiale Alzheimer in programma il 21 settembre.

Il servizio, totalmente innovativo e mai realizzato in Italia, sarà attivo dalle 9 alle 21. I colloqui avranno una durata di 45 minuti e si svolgeranno in streaming. Da oggi fino a lunedì 20 settembre è possibile prenotare gli appuntamenti con gli psicologi chiamando la Linea Verde Alzheimer 800 679 679 o scrivendo una mail a aima@aimanazionale.it, per indicare l’orario in cui si desidera svolgere l’incontro.

Per 12 ore (9-21) sarà attiva anche la Linea Verde Alzheimer di AIMA. Aperta nel 1997, la Linea Verde risponde ogni anno a 10mila telefonate per una media di 600 ore di conversazione e ha raccolto fino a oggi più di 200mila chiamate. Il servizio è gratuito ed è svolto da operatori qualificati e competenti che possono fornire supporto psicologico ai familiari dei pazienti, informazioni di carattere medico, chiarimenti legali e consigli per la cura quotidiana, garantendo il completo anonimato.

Il 21 settembre AIMA darà vita, inoltre, a una diretta streaming sui social ricca di appuntamenti da non perdere, con documentari, video e interviste ad autorevoli rappresentanti del mondo della scienza e della ricerca, interventi di artisti, di familiari e dei portavoce delle associazioni territoriali, per una carrellata sui servizi e le opportunità che AIMA offre nelle aree dove è presente. Ci sarà spazio anche per momenti di riflessione sulle prospettive della ricerca e delle cure, dell’assistenza e dell’organizzazione dei servizi e delle tutele, per capire cosa manca e in quale direzione è necessario “lavorare”.

«Il nostro desiderio per il 21 settembre è di passare anche quest’anno l’intera giornata a fianco di chi vive la malattia. Vogliamo celebrare la Giornata Mondiale con le famiglie dei pazienti, con le nostre associazioni e con gli amici che ci supportano ogni giorno e condividono con noi spirito di servizio e voglia di aiutare. Ringrazio la straordinaria équipe di psicologi che ha intrapreso con grande entusiasmo la costruzione della rete AIMA di psicologia e ringrazio tutti coloro che hanno messo generosamente a disposizione degli spettatori che si collegheranno ai social, competenza, arte e professionalità. Siamo certi che, in occasione della Giornata Mondiale Alzheimer, saremo in grado di dare ancora più forza al nostro messaggio: ‘non dimenticare chi dimentica’, missione che portiamo avanti da quasi 37 anni», ha dichiarato Patrizia Spadin, fondatrice e presidente di AIMA.

Articoli correlati
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
Scoperte 5 diverse forme di Alzheimer. Aperta la strada a nuove terapie personalizzate
Ci sono 5 tipi diversi di Alzheimer e questo potrebbe spiegare perché alcuni farmaci sembrano essere inefficaci con questa devastante malattia neurodegenerativa. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall'Alzheimer Center Amsterdam, dall'Università di Amsterdam e dall'Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Aging, potrebbero avere implicazioni per il futuro sviluppo di farmaci contro l’Alzheimer
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Creato il più grande atlante delle cellule cerebrali umane
Circa 200 miliardi di cellule cerebrali. Precisamente 86 miliardi di neuroni e 100 miliardi di cellule di 3.000 tipi diversi. Sono impressionanti i numeri del più completo atlante delle cellule del cervello umano e dei primati non umani, realizzato nell’ambito della Brain Initiative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...