Voci della Sanità 15 Febbraio 2021 16:59

Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti

Machine learning ed intelligenza artificiale al servizio dei sistemi sanitari per garantire le migliori cure ai pazienti e ridurre le inefficienze. Grazie ai suoi Command Center GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, vince il premio “Global Company of the Year, il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dalla società di consulenza statunitense Frost & Sullivan alle aziende capaci di distinguersi in termini di strategia e attuazione di percorsi di crescita, attraverso prodotti e tecnologie innovative.

GE Healthcare è stata premiata sulla base della recente analisi realizzata dalla società di consulenza a livello globale in relazione al mercato dei centri di comando sanitari. A differenza dei competitor, la divisione medicale di General Electric lavora su tecnologie e sistemi già esistenti per incrementarne l’efficienza e migliorarne i risultati. La multinazionale supporta dunque i propri clienti nello sviluppo di centri di comando fisici o virtuali che permettono a singoli reparti, ospedali o sistemi sanitari di migliorare la propria operatività.

Sfruttando applicazioni di intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, i centri di comando installati da GE Healthcare permettono di trasformare e migliorare i modelli operativi in ambito clinico, assistenziale, organizzativo e gestionale. In particolare, le tecnologie di intelligenza artificiale e machine learning consentono di analizzare e interpretare al meglio e in tempi rapidi i dati a disposizione dei clinici, incrementando l’accuratezza della diagnosi e migliorando l’esperienza del paziente. L’aumento dell’efficienza permette, inoltre, ai sistemi sanitari di ottenere un ritorno economico sull’investimento in soli 18-24 mesi e di aumentare la capacità occupazionale fino a 15-30 posti letto, senza la necessità di ulteriore personale o infrastrutture.

Sono più di 11 i Command Center fisici e 210 gli ospedali con il software del centro di comando che stanno sperimentando i vantaggi della soluzione di GE. Presenti in 6 Paesi (USA, Canada, Regno Unito, Paesi Bassi, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti), i centri di comando si sono rivelati fondamentali anche per far fronte all’emergenza Covid-19, in quanto garantiscono sia la distanza sociale che un significativo risparmio sui costi.

«Siamo onorati di ricevere questo prestigioso riconoscimento, che premia il nostro impegno per contribuire a rendere il settore sanitario sempre più digitale – commenta Antonio Spera, Amministratore Delegato di GE Healthcare Italia -. Questa soluzione, attraverso machine learning ed intelligenza artificiale, consente una gestione “real-time” di singoli dipartimenti, ospedali o interi eco-sistemi sanitari. È già stata adottata da moltissime realtà nel mondo perché rappresenta una vera rivoluzione nella gestione sanitaria».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Radioterapia oncologica ad altissima precisione e sedute “tattoo free”: il nuovo acceleratore del Campus Bio-Medico
Grazie al sistema Vision-RT (Surface Guided Radiotherapy) il macchinario è in grado di eseguire il controllo del corretto posizionamento del paziente e del bersaglio clinico durante l'erogazione del fascio di radiazioni
Tumore al seno metastatico, approvate nuove linee guida internazionali
La prima firma è dell’oncologa italiana Alessandra Gennari. Il documento pubblicato su Annals of Oncology è stato pensato per integrare anche i dati più recenti e potenzialmente in grado di cambiare la pratica
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Risk Management in sanità, ecco le priorità nel post pandemia
Nel webinar organizzato da Big Data in Health Society emerge l’esigenza di promuovere consapevolezza sull’importanza dei dati nella gestione del rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...