Voci della Sanità 15 Febbraio 2021 16:59

Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti

Machine learning ed intelligenza artificiale al servizio dei sistemi sanitari per garantire le migliori cure ai pazienti e ridurre le inefficienze. Grazie ai suoi Command Center GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, vince il premio “Global Company of the Year, il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dalla società di consulenza statunitense Frost & Sullivan alle aziende capaci di distinguersi in termini di strategia e attuazione di percorsi di crescita, attraverso prodotti e tecnologie innovative.

GE Healthcare è stata premiata sulla base della recente analisi realizzata dalla società di consulenza a livello globale in relazione al mercato dei centri di comando sanitari. A differenza dei competitor, la divisione medicale di General Electric lavora su tecnologie e sistemi già esistenti per incrementarne l’efficienza e migliorarne i risultati. La multinazionale supporta dunque i propri clienti nello sviluppo di centri di comando fisici o virtuali che permettono a singoli reparti, ospedali o sistemi sanitari di migliorare la propria operatività.

Sfruttando applicazioni di intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, i centri di comando installati da GE Healthcare permettono di trasformare e migliorare i modelli operativi in ambito clinico, assistenziale, organizzativo e gestionale. In particolare, le tecnologie di intelligenza artificiale e machine learning consentono di analizzare e interpretare al meglio e in tempi rapidi i dati a disposizione dei clinici, incrementando l’accuratezza della diagnosi e migliorando l’esperienza del paziente. L’aumento dell’efficienza permette, inoltre, ai sistemi sanitari di ottenere un ritorno economico sull’investimento in soli 18-24 mesi e di aumentare la capacità occupazionale fino a 15-30 posti letto, senza la necessità di ulteriore personale o infrastrutture.

Sono più di 11 i Command Center fisici e 210 gli ospedali con il software del centro di comando che stanno sperimentando i vantaggi della soluzione di GE. Presenti in 6 Paesi (USA, Canada, Regno Unito, Paesi Bassi, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti), i centri di comando si sono rivelati fondamentali anche per far fronte all’emergenza Covid-19, in quanto garantiscono sia la distanza sociale che un significativo risparmio sui costi.

«Siamo onorati di ricevere questo prestigioso riconoscimento, che premia il nostro impegno per contribuire a rendere il settore sanitario sempre più digitale – commenta Antonio Spera, Amministratore Delegato di GE Healthcare Italia -. Questa soluzione, attraverso machine learning ed intelligenza artificiale, consente una gestione “real-time” di singoli dipartimenti, ospedali o interi eco-sistemi sanitari. È già stata adottata da moltissime realtà nel mondo perché rappresenta una vera rivoluzione nella gestione sanitaria».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tra presente e futuro, ecco l’impatto dei dati (e del loro utilizzo) nel SSN
Alla luce dell’esperienza Covid, il webinar organizzato da Big Data Health Society accende i riflettori sull’importanza dei processi di gestione del dato per costruire una sanità migliore
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Q-rare e Pangea: le idee hi-tech che migliorano il lavoro dei farmacisti e la vita dei pazienti
Un’app e un network realizzati da giovani cervelli che hanno vinto la sfida lanciata da HackErare, l’hackaton virtuale sulle malattie rare promosso da CSL Behring nell’ambito del più ampio Progetto Pronti, con il contributo scientifico e intellettuale della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera
di Isabella Faggiano
Reazioni avverse da vaccino anti-Covid: al Gemelli una app le “sorveglia”
Per monitorare gli effetti indesiderati la tecnologia può essere di grande aiuto. Ecco l'obiettivo di ‘Generator App Vaccinale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 luglio, sono 195.332.691 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.177.436 i decessi. Ad oggi, oltre 3,92 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea