OMCeO, Enti e Territori 7 febbraio 2017

Gallera a Lorenzin: spero alleanza nazionale per competitività

«La presenza del ministro Lorenzin oggi ci consente di sottolineare con orgoglio gli straordinari risultati raggiunti dagli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico in Regione Lombardia, e in particolare dell’Istituto nazionale dei tumori che e’ al primo posto per la cura oncologica. Risultati raggiunti nonostante gli ostacoli burocratici che riguardano le assunzioni del […]

«La presenza del ministro Lorenzin oggi ci consente di sottolineare con orgoglio gli straordinari risultati raggiunti dagli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico in Regione Lombardia, e in particolare dell’Istituto nazionale dei tumori che e’ al primo posto per la cura oncologica. Risultati raggiunti nonostante gli ostacoli burocratici che riguardano le assunzioni del personale e la remunerazione dei ricercatori. Spero quindi che da qua parta ora una grande alleanza che possa portare alla soluzione di questi problemi e aumentare la competitivita’ di tutti gli Irccs». Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso del suo intervento, questo pomeriggio, all’Istituto nazionale dei tumori, alla presenza del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

«In Lombardia- ha rimarcato l’assessore- abbiamo abbiamo 19 Irccs, la meta’ di quelli presenti in tutto il Paese che possiedono standard qualitativi di eccellenza nazionale. Tra loro, sia pubblici che privati, e’ in atto una grande collaborazione che come Regione Lombardia abbiamo voluto suggellare attraverso l’istituzione di una Rete degli Irccs che ora si sta allargando anche alle Universita’, perche’ tanti sono i temi comuni su cui dobbiamo lavorare insieme, sia a livello regionale, che nazionale».

«Sono fiducioso, infatti- ha concluso Gallera – che la sensibilita’ del ministro Lorenzin terra’ conto della oggettivita’ di alcuni grandi problemi sui quali e’ importante intervenire. Se la legge Madia ha delegato il governo a snellire le forme di assunzione degli enti pubblici di ricerca, non ha pero’ inserito nella norma gli Irccs e ovviamente e’ necessario porvi rimedio. Per quanto riguarda invece la retribuzione del personale che lavora nei dipartimenti di ricerca per molti anni Regione Lombardia si e’ fatta carico dei loro stipendi investendo 3 milioni e mezzo delle proprie risorse che prima erano pagati con il contributo di Ricerca corrente del Ministero della Salute e gia’ per il periodo tra il 2017 e il 2020 ci siamo impegnati a stanziare ulteriori 1.800.000. Tuttavia e’ necessario trovare una soluzione normativa nazionale».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila