Voci della Sanità 19 Febbraio 2019

Fondazione Sacra Famiglia presenta la nuova “Stanza delle farfalle”: uno spazio multisensoriale per bambini con disabilità

Colori, suoni e profumi avvolgono chi vi entra. Si chiama “Stanza delle farfalle” la nuova Snoezelen Room realizzata nell’unità Santa Maria Bambina di Fondazione Sacra Famiglia. Un ulteriore passo avanti per stimolare i bambini con pluridisabilità e deficit importanti che possono così contare su uno spazio dedicato di altissima qualità.

In questa nuova stanza multisensoriale, ricca di effetti luminosi, musicali e uditivi, di profumi, di forme e di superfici tattili, gli operatori e i caregiver possono svolgere le loro attività grazie all’utilizzo di tecnologie adattabili alle diverse caratteristiche e richieste dei pazienti, così da rispondere al meglio alle loro necessità e personalizzare al massimo la terapia.L’ambiente innovativo realizzato e presentato da Sacra Famiglia è suddiviso in due zone, una di rilassamento e una di stimolazione. Entrando si trovano tende a fibre ottiche, pannelli a led comandati dalla voce o da un battito di mano, un tubo a bolle interattivo, fasci di fibre ottiche che cambiano colore, corpi illuminanti a soffitto che si muovono, un cielo stellato e luci che disegnano voli di farfalle sulle pareti. 

Viene dato anche grande spazio alle stimolazioni tattili con pavimenti e porte che ricordano la sabbia del mare. Infine, è presente la speciale “poltrona dell’abbraccio”, che calma e rassicura chi vi si adagia nella penombra della stanza, in cui vengono anche diffusi aromi piacevoli. La metodologia Snoezelen nasce in Olanda negli anni ’70 e prevede la stimolazione di tutti e cinque i sensi per aiutare i ragazzi disabili a rilassarsi e a progredire nel loro percorso personale.

«Il motivo per il quale abbiamo pensato alla realizzazione di una Snoezelen Room – dichiara Claudia Francesconi, Medico Responsabile Riabilitazione età evolutiva di Fondazione Sacra Famiglia – si fonda principalmente sulla consapevolezza che, negli ultimi anni, le metodiche di approccio riabilitativo per i soggetti  con disabilità multipla e profonda si sono focalizzate verso interventi di stimolazione sensoriale volti a creare opportunità di attivazione e di relazione con la realtà circostante. Per i soggetti con tali caratteristiche una delle maggiori difficoltà è quella di reperire stimoli in grado di suscitare interesse per il mondo circostante e migliorare le condizioni di vigilanza e di allerta, prospettiva da tempo recepita a livello di attività di riabilitazione. Una delle particolarità dell’approccio “sensoriale” risiede nel fatto che le stimolazioni sono prodotte da apparecchi opportunamente scelti dall’operatore in funzione delle caratteristiche dei singoli pazienti, con un approccio non direttivo. Questa caratteristica consente l’utilizzo dello spazio multisensoriale anche da parte dei caregiver che non hanno competenze tecniche; questo ci porta ad auspicare che in  futuro si possa aprire la stanza multisensoriale alle famiglie di soggetti con grave disabilità che risiedono nel nostro territorio».

La Stanza delle Farfalle è stata donata dal Sovrano Ordine di Malta-Pellegrinaggi Lombardia e dalla famiglia Montecchi e il progetto è stato curato da HC-engilabes&Safe srl con il coordinamento dell’Ingegnere Enrico Orofino.

 

 

Articoli correlati
Disabilità, Bologna (PP): «RSA, assistenti familiari e smart working: i mie emendamenti alla manovra per favorire l’inclusione sociale»
«L’obiettivo dovrebbe essere la piena inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso la rimozione delle cause che impediscono o ne limitano la piena realizzazione» sottolinea Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Giornata della disabilità, Speziali (Anffas): «È la legge a garantire il “progetto individuale di vita”. Applichiamola»
Il presidente Anffas: «Il Comune, d’intesa con la A.S.L, deve predisporre il programma individuale, indicando i vari interventi sanitari, sociali e assistenziali necessari, in sinergia con la famiglia della persona disabile»
di Isabella Faggiano
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Dolore in oncologia, Ripamonti (Istituto Tumori Milano): «Va trattato con uno schema terapeutico ben preciso»
Quali sono le cause del dolore in ambito oncologico e cosa si può fare per gestirlo? La parola a Carla Ida Ripamonti, Responsabile SSD Cure di Supporto al Paziente Oncologico dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli