OMCeO, Enti e Territori 15 Giugno 2018

Crisi Fondazione Ime, 30 lavoratori scrivono a Ministri e Regione Lazio: «Istituire al più presto tavolo»

L’Istituto Mediterraneo di Ematologia è in liquidazione dal 2015, ora è corsa contro il tempo per salvare i posti di lavoro. Nella struttura, interna al Policlinico Tor Vergata, vengono effettuati trapianti di midollo osseo in bambini affetti da patologie ematologiche provenienti da tutto il mondo

La Fondazione Ime (Istituto Mediterraneo di Ematologia), nata nel 2003, rischia la chiusura. Per questo i lavoratori hanno inviato una lettera al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, all’assessore alla Salute, Alessio D’Amato, e ai Ministri della Salute Giulia Grillo, dell’Economia Giovanni Tria e degli Affari Esteri Enzo Moavero Milanesi, oltre che ai Presidenti di Camera Roberto Fico e Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

La Fondazione Ime nasce nel 2003, su iniziativa congiunta della Regione Lazio e dei Ministeri della Salute, degli Affari Esteri e dell’Economia. Dal marzo del 2005 la sua sede è stata individuata all’interno del Policlinico di Tor Vergata e qui, in un reparto con day hospital e 22 posti letto, vengono effettuati trapianti di midollo osseo in bambini affetti da patologie ematologiche provenienti da tutto il mondo.

Ora il centro è in procinto di chiudere e i 40 lavoratori rischiano di perdere il posto con la dispersione di tante eccellenti professionalità. Il 29 maggio sono partite le procedure di licenziamento.

Nella lettera i dipendenti ripercorrono la storia dell’Istituto soffermandosi sui passaggi più controversi. «Lo Statuto della Fondazione – si legge – prevedeva la trasformazione della Fondazione Ime in Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico), cosa che, per motivi ignoti al personale, non è mai avvenuta».

«Nel settembre del 2015 – ricordano i dipendenti – il presidente Prof. Morrone, con l’appoggio del Consiglio di Indirizzo dell’Ente, chiede al Ministero della Salute la messa in liquidazione dell’Ime, motivandola con un mancato ulteriore finanziamento della Fondazione. Il Ministero accetta la richiesta e nomina un liquidatore, nella persona del Dott. Nando Minnella, con l’obiettivo di salvaguardare i livelli occupazionali».

«Da allora – continua la missiva – abbiamo ricevuto tante promesse e vuote rassicurazioni, ma in concreto abbiamo assistito a un gioco delle parti tra i diversi attori, che ha portato soltanto allo svuotamento del Reparto». Ora tutto sembra nelle mani della Regione Lazio, l’unico ente che può salvare i lavoratori procedendo ad un ricollocamento degli stessi.

I lavoratori chiedono pertanto di istituire al più presto un tavolo con Regione e Ministeri prima che decadano i termini delle procedure di licenziamento, che scadono proprio nel mese di agosto.

 

Articoli correlati
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...