OMCeO, Enti e Territori 15 Giugno 2018

Crisi Fondazione Ime, 30 lavoratori scrivono a Ministri e Regione Lazio: «Istituire al più presto tavolo»

L’Istituto Mediterraneo di Ematologia è in liquidazione dal 2015, ora è corsa contro il tempo per salvare i posti di lavoro. Nella struttura, interna al Policlinico Tor Vergata, vengono effettuati trapianti di midollo osseo in bambini affetti da patologie ematologiche provenienti da tutto il mondo

La Fondazione Ime (Istituto Mediterraneo di Ematologia), nata nel 2003, rischia la chiusura. Per questo i lavoratori hanno inviato una lettera al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, all’assessore alla Salute, Alessio D’Amato, e ai Ministri della Salute Giulia Grillo, dell’Economia Giovanni Tria e degli Affari Esteri Enzo Moavero Milanesi, oltre che ai Presidenti di Camera Roberto Fico e Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

La Fondazione Ime nasce nel 2003, su iniziativa congiunta della Regione Lazio e dei Ministeri della Salute, degli Affari Esteri e dell’Economia. Dal marzo del 2005 la sua sede è stata individuata all’interno del Policlinico di Tor Vergata e qui, in un reparto con day hospital e 22 posti letto, vengono effettuati trapianti di midollo osseo in bambini affetti da patologie ematologiche provenienti da tutto il mondo.

Ora il centro è in procinto di chiudere e i 40 lavoratori rischiano di perdere il posto con la dispersione di tante eccellenti professionalità. Il 29 maggio sono partite le procedure di licenziamento.

Nella lettera i dipendenti ripercorrono la storia dell’Istituto soffermandosi sui passaggi più controversi. «Lo Statuto della Fondazione – si legge – prevedeva la trasformazione della Fondazione Ime in Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico), cosa che, per motivi ignoti al personale, non è mai avvenuta».

«Nel settembre del 2015 – ricordano i dipendenti – il presidente Prof. Morrone, con l’appoggio del Consiglio di Indirizzo dell’Ente, chiede al Ministero della Salute la messa in liquidazione dell’Ime, motivandola con un mancato ulteriore finanziamento della Fondazione. Il Ministero accetta la richiesta e nomina un liquidatore, nella persona del Dott. Nando Minnella, con l’obiettivo di salvaguardare i livelli occupazionali».

«Da allora – continua la missiva – abbiamo ricevuto tante promesse e vuote rassicurazioni, ma in concreto abbiamo assistito a un gioco delle parti tra i diversi attori, che ha portato soltanto allo svuotamento del Reparto». Ora tutto sembra nelle mani della Regione Lazio, l’unico ente che può salvare i lavoratori procedendo ad un ricollocamento degli stessi.

I lavoratori chiedono pertanto di istituire al più presto un tavolo con Regione e Ministeri prima che decadano i termini delle procedure di licenziamento, che scadono proprio nel mese di agosto.

 

Articoli correlati
Università Tor Vergata, il nuovo rettore è il preside di Medicina Orazio Schillaci
Specializzato in Medicina nucleare, prende il posto del professor Giuseppe Novelli e guiderà l'università per i prossimi sei anni
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Influenza, il virologo Andreoni (Tor Vergata): «Tutti dovrebbero fare il vaccino per proteggere persone fragili»
Manca poco all’arrivo del ceppo influenzale che, come ogni anno, raggiungerà l’Europa dall’altro emisfero. «Over 65 e cardiopatici, nefropatici e diabetici sono i soggetti a rischio, per loro vaccino scelta necessaria» sottolinea Massimo Andreoni, Professore di Malattie Infettive a Tor Vergata
Sanità, Cimo-Fesmed: «Politica garantisca quella pubblica invece di destrutturarla»
«È sempre più chiaro il disegno politico che denunciamo da tempo e che ha motivato la nostra mancata firma sul pre-accordo al contratto 2016-2018» così il sindacato dei medici Cimo-Fesmed
Giappone, Abe vara l’aumento dell’IVA per pagare pensioni e sanità
L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i costi della previdenza sociale, per questo l’imposta sul valore aggiunto aumenterà dall’8 al 10%. Per l’erario 5,7 miliardi di Yen in più di gettito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...