Voci della Sanità 22 Dicembre 2020 16:44

Fondazione Gorbaciov lancia campagna di adesione per conferire il Premio Nobel per la Pace al Corpo sanitario italiano

Tra i promotori Lisa Clark, rappresentante italiana dell’associazione per il disarmo nucleare Ican, l’oncologo Luigi Cavanna e il prof. Mauro Paladini

Lisa Clark, rappresentante italiana dell’associazione per il disarmo nucleare Ican, che ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2017, l’oncologo Luigi Cavanna e il prof. Mauro Paladini danno il via, alla campagna di adesione e sostegno, per l’attribuzione del Premio Nobel per la Pace al Corpo sanitario italiano.

Della notizia è stato informato anche il presidente del Collegio Italiano dei primari oncologici e medici ospedalieri Livio Blasi che ha concluso recentemente il Congresso Nazionale CIPOMO e che ha espresso solidarietà alla storica iniziativa. 

All’importante campagna di sostegno concepita dalla Fondazione Gorbaciov Italia e dal suo presidente Marzio Dallagiovanna è giunta anche la voce autorevole di Lisa Clark copresidente mondiale della prima organizzazione assegnataria dei Premi Nobel per la Pace designata nei giorni scorsi dal Comitato di Oslo a consegnare l’attestato e la medaglia d’oro al vincitore del Premio Nobel per la Pace 2020 “l’Agenzia Onu World Food Programme” insignita per il ruolo sostenuto nella lotta alla fame e alla promozione della pace nelle aree di conflitto 

All’ematologo-oncologo Luigi Cavanna, testimonial della campagna, va il  merito di aver dimostrato grandissima forza durante la pandemia, a lui si deve la domiciliarità delle cure dei pazienti affetti da Covid.  Dal 21 febbraio, giorno in cui sono stati confermati i primi 16 casi a Codogno, a pochi chilometri da Piacenza, la città è stata tra le prime ad affrontare le urgenze con tutto il corpo sanitario.

Questa emergenza ha portato in prima linea anche la Fondazione Gorbaciov che  ha sede mondiale a Piacenza è che dal 1999 ha fondato i Summit Mondiali dei Premi Nobel per la Pace, e promuove iniziative etiche, anche con  il forte  messaggio dell’arte.

Dal mese di marzo insieme al testimonial Luigi Cavanna al proponente firmatario Prof.Avv. Mauro Paladini, si sono aggiunti il Corpo Nazionale Alpini e la Diocesi di Piacenza e Bobbio.  In seguito alla lettera di partecipazione inviata dal Premio Nobel  Lord David Trimble alla città di Piacenza colpita dal dolore,  l’artista Franco Scepi, referente  per la cultura della Fondazione Gorbaciov, ha creato un progetto di un opera in alto rilievo dal titolo “dal Buio alla Luce” curato dal critico Marco Eugenio di Giandomenico ARD&NT Institute (Accademia di Belle Arti di Brera e Politecnico di Milano), che è stato nominato “ simbolo etico” per promuovere la campagna, con il motto “tramutare il dolore in memoria”. 

La scultura/alto rilievo, per disponibilità di Opera Pia Alberoni e del presidente Giorgio Braghieri verrà posta in grande formato su un area di proprietà nei pressi del Collegio Alberoni e dell’Università Cattolica. Successivamente  in formati diversi, verrà portata da Piacenza, ad altre città colpite, con il sostegno  di Premi Nobel per la Pace .

 

Articoli correlati
Idrossiclorochina, ecco la relazione che ha portato il Consiglio di Stato a riammettere l’uso off label del farmaco
Nella relazione elaborata da Alessandro Capucci, Luigi Cavanna e Paola Varese si sottolinea: «Decisione AIFA in forte contrasto con molti principi deontologici della professione medica e norme decisionali nell‘ambito dell‘incertezza, come il principio di precauzione»
Covid-19, l’oncologo Cavanna: «Rivedere protocollo di cure domiciliari»
Il medico celebre per essere stato il pioniere delle cure domiciliari a Piacenza è preoccupato per la terza ondata: «Il vaccino ci mette tempo ad agire, intanto che facciamo? Abbiamo tolto interferone, remdesivir e idrossiclorochina e siamo tornati alla tachipirina»
Covid-19, Comitato Cure Domiciliari chiede confronto con il governo: «Prendere in considerazione esperienze sul campo»
Il Comitato, fondato nei giorni scorsi dagli avvocati Erich Grimaldi del foro di Napoli e Valentina Piraino del foro di Roma, ha visto l'adesione di illustri medici come l'oncologo Luigi Cavanna e il dottor Andrea Mangiagalli di Milano
Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione
Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può avere effetti collaterali ma i dati sulla mortalità non convincono». Cavanna: «Senza vaccino è indispensabile contro il Sars-CoV-2». Ma AIFA non ritira la sospensione dell’utilizzo off-label del farmaco
«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna
L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'emergenza: «Il Pronto soccorso di Piacenza era in una situazione apocalittica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...