Voci della Sanità 16 Gennaio 2019

Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”

Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]

Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e dall’Associazione  medici di origine straniera (Amsi) sarà moderato dall’ambasciatore Mario Boffo.

Le relazioni saranno tenute dal professor Roberto Aliboni, dal professor Germano Dottori, dal dottor Luigi Maccagnani e dai giornalisti Alberto Negri ed Ugo Tramballi. «Sarà un occasione per affrontare una delle criticità che OMeGA proporrà in questa prima metà del nuovo anno: la Libia» ha dichiarato l’Ammiraglio Enrico La Rosa, presidente di Omega. «I relatori saranno di grande statura, sicuramente competenti, ed il tema ha per noi italiani un interesse politico enorme – ha continuato l’Ammiraglio – . Soprattutto, la dimostrazione inequivocabile del fallimento delle politiche sovranazionali, delle Nazioni Unite, dell’Europa, dell’Unione Africana, incapaci di affrontare efficacemente e risolvere crisi come quella libica, quella yemenita, quella palestinese, quella mesopotamica, quella curda. Troppi morti: in mare, nei campi di raccolta dei profughi, nell’attraversamento del Sahara, e l’impressione è che l’interesse generale sia piuttosto basso». Tante le adesioni al convegno, come ha sottolineato La Rosa: «La Libia, punto nodale di temi come emigrazione idrocarburi, guerra, diritti umani, terrorismo, non poteva non richiamare molto pubblico, costringendoci a chiudere le iscrizioni anzi tempo. Richiamo enorme anche per i giornalisti in formazione, che saranno numerosissimi in sala. Prossimamente sarà la volta dell’area mediorientale, dove i misfatti sono davvero tanti e tantissima la sofferenza e l’intreccio di intrighi ed interessi individuali e non sempre solidali» ha specificato.

Interverrà in apertura del Convegno il fondatore della Co-mai e dell’Amsi, il professor Foad Aodi insieme a Nicola Lofoco, portavoce del movimento Uniti per Unire; il professor Aodi presenterà ed illustrerà la tragica situazione sanitaria e umanitaria presente in Libia Siria e Yemen. «Siamo passati dalla speranza dei primi giorni della primavera araba, dove sognavamo per i nostri paesi democrazia, libertà, stabilità e pace, ad una cocente delusione piena di sofferenza. Abbiamo dati importanti registrati dall’inizio dei conflitti dai nostri medici locali già laureati in Italia: distruzione, morte e una tremenda situazione sanitaria ed umanitaria sono presenti in Libia, Siria e Yemen» ha sottolineato Aodi. «Da luglio più di 15 mila rifugiati siriani sono tornati in Siria dai confini libanesi e Giordani – ha spiegato – . Si sono ridotte del 50 percento le partenze dalla Siria, e la gente conferma la sua volontà di non voler lasciare le proprie case solo per l’ emergenza inerenti alla guerra . Più di 2000 libici hanno lasciato la Libia percorrendo il mare nell’arco del 2018. Tutte, secondo fonti locali, dirigendosi verso l’Italia, paesi arabi e l’Europa. Poi c’è la situazione drammatica e dimenticata dello Yemen, dove si registrano quotidianamente tanti bambini morti a causa della fame e degli scontri armati. Si registra un aumento del più del 50 per cento dell’ abbandono scolastico in tutte le  zone di conflitto».

Infine, Aodi rivolge un pensiero per la partita di questa sera che si terrà in Arabia Saudita tra Juventus e Milan. Aodi auspica che «lo sport e il calcio possano essere un volano in favore dei diritti umani e dell’eguaglianza tra donne e uomini, per far conoscere di più le culture e le usanze dei nostri paesi di origine con chiarezza, senza pregiudizi e confusione nei confronti delle culture, delle usanze e delle donne dei paesi del mondo arabo che  sono in tutto 23. I paesi musulmani, invece, sono più di 50» ha concluso.

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...