Voci della Sanità 21 Maggio 2019 15:09

Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»

«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]

«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, nel lungo periodo, nemmeno all’adulto di domani. La protezione, la promozione e la tutela della salute del bambino, infatti, si realizzano attraverso politiche sanitarie e di welfare» affermano in una nota le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO).

«Pur apprezzando gli intenti dell’emendamento, la Federazione sente il dovere di segnalare quali sono le buone pratiche da mettere in campo. Innanzitutto – sottolineano i vertici FNOPO -, occorre ricordare che il latte materno è l’alimento specie-specifico che fisiologicamente riesce a garantire la salute del neonato poiché apporta i nutrienti fondamentali per la sua crescita e lo sviluppo di un sistema immunitario efficiente rispetto a diverse patologie. Per tale motivo è fondamentale potenziare la cultura dell’allattamento materno sia nella formazione pre service quanto in quella in service, per avere personale ostetrico adeguatamente preparato per informare e supportare le future mamme sull’importanza di un gesto naturale e realmente a costo zero».
«Per poter attuare tutto questo – aggiungono ancora le rappresentanti nazionali delle Professione ostetrica -, è necessario che la politica nazionale, il mondo del lavoro pubblico e privato, insieme alla società facciano la propria parte. Innanzitutto, con un welfare che sia realmente vicino alle esigenze delle donne con contratti che le garantiscano e le tutelino già durante la gravidanza e nel puerperio, senza il rischio che vengano licenziate o che siano costrette a scegliere di lavorare fino al nono mese, sulla base della nuova disciplina sul congedo di maternità; rispettando il congedo parentale; ricevendo retribuzioni adeguate al ruolo e funzioni svolte e consentendo loro di poter affrontare con serenità tutte le spese correlate al mantenimento del neonato. È importante garantire una maggior presenza di asili nido pubblici o convenzionati con prezzi calmierati che tengano conto delle fasce reddituali più basse. Anche il privato può fare la sua parte prevedendo asili nido aziendali che rappresenterebbero un validissimo aiuto e avere ricadute positive anche sulla qualità di lavoro svolto. Vanno altresì potenziate strutture importanti per la presa in carico della salute della donna, in particolare della gravidanza, quali i consultori familiari».
«In qualità di organo politico della Professione ostetrica, ovvero la più alta rappresentanza nazionale della Categoria e in forza del ruolo di organo sussidiario dello Stato – concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO -, riconosciuto dalla stessa legge, n. 3/2018, la FNOPO è disponibile a incontrare i decisori politici e dare il proprio contributo nella formulazione di provvedimenti legislativi che riguardino la salute della donna e del nascituro».

Articoli correlati
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
L’esposizione ai PFAS aumenta il rischio cancro nelle donne
Le donne esposte a diverse sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) hanno un rischio maggiore di sviluppare vari tipi di cancro, tra i quali quello alle ovaie, all'utero, alla pelle e al seno. A lanciare l'allarme è un nuovo studio finanziato dal governo degli Stati Uniti, pubblicato sul Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology
Ddl Anziani, Patto sulla non autosufficienza: «Ora costruire interventi concreti con risorse adeguate»
“Si tratta di un traguardo molto importante e fortemente voluto dalle moltissime organizzazioni del Patto che hanno lavorato in sinergia e assiduamente in questi ultimi due anni affinché, per prima cosa, la riforma dell’assistenza agli anziani venisse inserita nel PNRR e, successivamente, perché venissero accolte dalle istituzioni le proposte volte a delineare una buona riforma […]
di Redazione Sics
Confronto Forum Terzo Settore e Ministro Locatelli: «Prossimità, universalismo e inclusività»
A Roma la presentazione del manifesto del Forum Terzo Settore per un nuovo Welfare. Il ministro per la Disabilità Alessandra Locatelli ha annunciato che tre decreti legislativi su cinque della Delega sulla Disabilità sono prossimi all’approvazione. Pallucchi (Forum): «Mettere gli enti locali nella condizione di rendere i Leps esigibili in tutto il Paese»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...