Voci della Sanità 21 Maggio 2019 15:09

Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»

«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]

«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, nel lungo periodo, nemmeno all’adulto di domani. La protezione, la promozione e la tutela della salute del bambino, infatti, si realizzano attraverso politiche sanitarie e di welfare» affermano in una nota le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO).

«Pur apprezzando gli intenti dell’emendamento, la Federazione sente il dovere di segnalare quali sono le buone pratiche da mettere in campo. Innanzitutto – sottolineano i vertici FNOPO -, occorre ricordare che il latte materno è l’alimento specie-specifico che fisiologicamente riesce a garantire la salute del neonato poiché apporta i nutrienti fondamentali per la sua crescita e lo sviluppo di un sistema immunitario efficiente rispetto a diverse patologie. Per tale motivo è fondamentale potenziare la cultura dell’allattamento materno sia nella formazione pre service quanto in quella in service, per avere personale ostetrico adeguatamente preparato per informare e supportare le future mamme sull’importanza di un gesto naturale e realmente a costo zero».
«Per poter attuare tutto questo – aggiungono ancora le rappresentanti nazionali delle Professione ostetrica -, è necessario che la politica nazionale, il mondo del lavoro pubblico e privato, insieme alla società facciano la propria parte. Innanzitutto, con un welfare che sia realmente vicino alle esigenze delle donne con contratti che le garantiscano e le tutelino già durante la gravidanza e nel puerperio, senza il rischio che vengano licenziate o che siano costrette a scegliere di lavorare fino al nono mese, sulla base della nuova disciplina sul congedo di maternità; rispettando il congedo parentale; ricevendo retribuzioni adeguate al ruolo e funzioni svolte e consentendo loro di poter affrontare con serenità tutte le spese correlate al mantenimento del neonato. È importante garantire una maggior presenza di asili nido pubblici o convenzionati con prezzi calmierati che tengano conto delle fasce reddituali più basse. Anche il privato può fare la sua parte prevedendo asili nido aziendali che rappresenterebbero un validissimo aiuto e avere ricadute positive anche sulla qualità di lavoro svolto. Vanno altresì potenziate strutture importanti per la presa in carico della salute della donna, in particolare della gravidanza, quali i consultori familiari».
«In qualità di organo politico della Professione ostetrica, ovvero la più alta rappresentanza nazionale della Categoria e in forza del ruolo di organo sussidiario dello Stato – concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO -, riconosciuto dalla stessa legge, n. 3/2018, la FNOPO è disponibile a incontrare i decisori politici e dare il proprio contributo nella formulazione di provvedimenti legislativi che riguardino la salute della donna e del nascituro».

Articoli correlati
La donna dopo la pandemia? Più forte e in ruoli apicali nella sanità
In occasione della presentazione del libro bianco di Fondazione Onda "Covid-19 e salute di genere”, i protagonisti della scienza, della politica e delle istituzioni hanno spiegato come la donna sia stata vittima della pandemia e della società, ma con resilienza saprà riscattare il suo ruolo
di Federica Bosco
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
Il 21 novembre è la giornata dell’assistente sanitario
Una data scelta in onore dell’anniversario della Carta di Ottawa, sottoscritta da tutti gli Stati appartenenti alla Organizzazione mondiale della Sanità nel 1986
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano