Voci della Sanità 10 Dicembre 2020 12:32

Fnopo: «Intollerabile campagna contro la RU486. La vita si difende tutelando diritti e salute delle donne»

«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione […]

«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica reputa inaccettabile l’ultima campagna di Provita&Famiglia introdotta attraverso un manifesto, apparso a Milano e Roma, nel quale si associa la pillola RU486 a un veleno, usando peraltro in maniera indecorosa l’immagine di una donna». Così in una nota le componenti del Comitato centrale FNOPO.

«Quale rappresentante delle ostetriche italiane, la Federazione nazionale si associa allo sdegno e alla condanna di Sigo-Aogoi-Agui-Agite che stigmatizzano sia il messaggio totalmente privo di basi e verità scientifiche di Provita&Famiglia sia l’ennesima violazione dei diritti delle donne attraverso l’uso inappropriato di immagini del corpo femminile che offende la loro dignità».

«Nel nostro Paese, l’interruzione volontaria di gravidanza è disciplinata dalla legge 194/78 “Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”, una norma che consente a tutte le donne che non intendono portare avanti una gravidanza di poterlo fare in maniera gratuita, in totale sicurezza medica con l’assistenza garantita da personale qualificato e preparato. Non è di certo con campagne oscurantiste e prive di costrutto scientifico come quelle apparse a Milano o Roma che si difende la vita – sostengono le rappresentanti nazionali della professione ostetrica -. Proibire e vietare l’interruzione volontaria di gravidanza, terapeutica o farmacologica, non è mai la soluzione appropriata per tutelare la salute delle donne. Lo dimostrano i numeri delle donne morte nel mondo a causa di pratiche clandestine, in totale assenza di norme igieniche e senza la presenza di professionisti (ginecologi e ostetriche) in grado di garantire la vita e l’incolumità delle donne. È con questa realtà e con la libertà di azione delle donne che si deve fare i conti. Ogni Paese che si voglia definire civile deve riconoscere per legge il diritto all’autodeterminazione delle donne anche attraverso l’interruzione volontaria della gravidanza realizzata in sicurezza».

«Vi è un altro importante dovere, però, che si deve chiedere alle istituzioni ovvero che alle donne sia garantita anche la prevenzione da gravidanze indesiderate. Innanzitutto – proseguono – rendendo concretamente operativi i consultori familiari potenziando la presenza delle ostetriche, così da poter informare donne e adolescenti sull’uso della contraccezione che è utile anche per la prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili. O ancora prevedere nelle scuole la presenza di ostetriche per l’educazione alla procreazione responsabile, educazione alla sessualità, sui rischi di rapporti sessuali non protetti ed evitare che la pillola RU486 possa essere usata come contraccettivo. La formazione e l’informazione corrette, basate su evidenze scientifiche, sono le uniche forme di difesa della vita» concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...