Voci della Sanità 10 Dicembre 2020 12:32

Fnopo: «Intollerabile campagna contro la RU486. La vita si difende tutelando diritti e salute delle donne»

«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione […]

«Quando una donna ricorre all’interruzione volontaria di gravidanza, lo fa con una propria personale e insindacabile motivazione. E porta con sé un dolore che rimarrà per sempre indelebile. Non c’è atto, infatti, che riesca a segnare di più la vita di una donna quanto la decisione di interrompere una gravidanza. Per tali motivi la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica reputa inaccettabile l’ultima campagna di Provita&Famiglia introdotta attraverso un manifesto, apparso a Milano e Roma, nel quale si associa la pillola RU486 a un veleno, usando peraltro in maniera indecorosa l’immagine di una donna». Così in una nota le componenti del Comitato centrale FNOPO.

«Quale rappresentante delle ostetriche italiane, la Federazione nazionale si associa allo sdegno e alla condanna di Sigo-Aogoi-Agui-Agite che stigmatizzano sia il messaggio totalmente privo di basi e verità scientifiche di Provita&Famiglia sia l’ennesima violazione dei diritti delle donne attraverso l’uso inappropriato di immagini del corpo femminile che offende la loro dignità».

«Nel nostro Paese, l’interruzione volontaria di gravidanza è disciplinata dalla legge 194/78 “Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”, una norma che consente a tutte le donne che non intendono portare avanti una gravidanza di poterlo fare in maniera gratuita, in totale sicurezza medica con l’assistenza garantita da personale qualificato e preparato. Non è di certo con campagne oscurantiste e prive di costrutto scientifico come quelle apparse a Milano o Roma che si difende la vita – sostengono le rappresentanti nazionali della professione ostetrica -. Proibire e vietare l’interruzione volontaria di gravidanza, terapeutica o farmacologica, non è mai la soluzione appropriata per tutelare la salute delle donne. Lo dimostrano i numeri delle donne morte nel mondo a causa di pratiche clandestine, in totale assenza di norme igieniche e senza la presenza di professionisti (ginecologi e ostetriche) in grado di garantire la vita e l’incolumità delle donne. È con questa realtà e con la libertà di azione delle donne che si deve fare i conti. Ogni Paese che si voglia definire civile deve riconoscere per legge il diritto all’autodeterminazione delle donne anche attraverso l’interruzione volontaria della gravidanza realizzata in sicurezza».

«Vi è un altro importante dovere, però, che si deve chiedere alle istituzioni ovvero che alle donne sia garantita anche la prevenzione da gravidanze indesiderate. Innanzitutto – proseguono – rendendo concretamente operativi i consultori familiari potenziando la presenza delle ostetriche, così da poter informare donne e adolescenti sull’uso della contraccezione che è utile anche per la prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili. O ancora prevedere nelle scuole la presenza di ostetriche per l’educazione alla procreazione responsabile, educazione alla sessualità, sui rischi di rapporti sessuali non protetti ed evitare che la pillola RU486 possa essere usata come contraccettivo. La formazione e l’informazione corrette, basate su evidenze scientifiche, sono le uniche forme di difesa della vita» concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Voglie e nausee in gravidanza? «La risposta non è negli ormoni ma nella psiche»
Colacurci (SIGO – Università Vanvitelli): «Per gestire al meglio questi disturbi puntare su maggior accudimento della gravida e supporto emotivo/psicologico, soprattutto nel post parto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...