Voci della Sanità 16 Settembre 2021 18:24

FNOPO e FNO TSRM e PSTRP insieme per celebrare il “World Patient Safety Day”: impegno comune per cure sicure e di qualità

Il 17 settembre si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, già “World patient safety day”, giunta alla sua terza edizione nazionale. Nata per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute, come riporta l’art.1 della legge 24 del 2017, questa giornata è stata […]

Il 17 settembre si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, già “World patient safety day”, giunta alla sua terza edizione nazionale. Nata per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute, come riporta l’art.1 della legge 24 del 2017, questa giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019, su proposta del Ministro della Salute e in accordo con la Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, aderendo alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La celebrazione della Giornata mondiale della sicurezza delle persone assistite, introdotta dalla 72a Assemblea mondiale della sanità e promossa a livello internazionale dall’OMS, vuole evidenziare come la sicurezza degli assistiti sia una priorità di salute globale con la realizzazione di differenti iniziative di sensibilizzazione e la simbolica illuminazione, in colore arancione, di monumenti di interesse nazionale nei singoli Paesi aderenti.

Slogan dell’edizione 2021 è “Act now for safe and respectful childbirth!” with the theme “Safe maternal and newborn care”, richiamando le amministrazioni pubbliche, in coordinamento con tutti gli enti e gli organismi interessati, a promuovere “l’attenzione e l’informazione sul tema della sicurezza delle cure e della persona assistita, nell’ambito delle rispettive competenze con idonee iniziative di comunicazione e sensibilizzazione”. Nello specifico, la Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, attraverso il suo gruppo di lavoro Gestione del rischio e Sicurezza in sanità (GReSS), in collaborazione con la FNOPO (Federazione nazionale degli Ordini della professione di Ostetrica) promuove un webinar, domani 17 settembre, dalle ore 13:30 alle ore 16:00, per sottolineare l’importanza di garantire cure sicure e di qualità per tutte le persone assistite e dimostrare l’impegno e la sinergia delle due Federazioni su questo delicato tema di interesse globale. Per la celebrazione di questa giornata, la FNOPO, attraverso la Presidente, dott.ssa Silvia Vaccari, sottolinea l’importanza di mettere al centro del processo assistenziale il ruolo del cittadino e della persona assistita, quale ausilio indispensabile e parte attiva per la definizione e la condivisione del proprio percorso di cura, favorendo anche la conoscenza delle competenze professionali che partecipano all’erogazione delle prestazioni sanitarie, del collegato rischio sanitario e delle azioni utili alla prevenzione.

“Le professioni sanitarie attraverso la formazione ed il continuo confronto attivo e proattivo – prosegue la dott.ssa Vaccari – mantengono attive le proprie competenze (skill), mettendosi in discussione e operando con le proprie conoscenze, il proprio sapere, in modo dinamico, orientando la propria assistenza, a seconda dei bisogni di salute della popolazione e del singolo, attraverso un’assistenza specifica e personalizzata. Professionisti uniti e coesi con l’unico obiettivo di garantire la salute dei cittadini per una società migliore, per una qualità di vita che rispetti le persone assistite e la loro storia”.

“Safe maternal and newborn care” – aggiunge la dott.ssa Vaccari – come slogan e scopo di questa giornata, per promuovere la salute riproduttiva in gravidanza, alla nascita e nei primi anni di vita del neonato, limitando i rischi connessi a queste fasi così delicate ed altamente complesse. Ciascun professionista sanitario coinvolto in tale percorso così unico ha il dovere, nell’ambito delle proprie conoscenze e competenze specifiche, di promuovere un approccio assistenziale che sia basato il più possibile sul sostegno e sul rispetto dei tempi fisiologici di ogni fase e di ciascuna donna, valutando tempestivamente il rischio sanitario, favorendo l’instaurarsi di un rapporto basato sulla fiducia, sulla relazione empatica, sulla condivisione, sull’appropriatezza delle prestazioni e sulla sicurezza. Tutto questo al fine di garantire salute di qualità e appagamento in un percorso ricco di forti emozioni ed aspettative che accompagnano la coppia, la madre, il bambino, il padre, l’intera famiglia verso un grande cambiamento, e preparandoli all’istante più emozionante e atteso: quello dell’incontro.

La dott.ssa Teresa Calandra, Presidente della FNO TSRM e PSTRP, evidenzia “come ogni occasione sia preziosa per promuovere iniziative inter-professionali e, come in questo caso, inter-istituzionali, le uniche in grado di favorire concretamente la cultura della sicurezza. Se è vero che nessun professionista è in grado di riuscirci da solo, lo è anche che nemmeno una singola professione ce la può fare. È indispensabile un impegno collettivo, costante e coordinato, la cui realizzazione va sostenuta anche realizzando eventi come il webinar con la FNOPO. Da questa prospettiva, in sintonia col nostro credo di sempre, proponiamo sin d’ora a tutte le altre Federazioni e Consigli nazionali di organizzare insieme l’evento del 2022, prendendo posizione insieme a favore della sicurezza delle cure”.

Nell’occasione di questa giornata la FNO TSRM e PSTRP, attraverso il gruppo GReSS, coordinato dal dott. Matteo Migliorini, sottolinea quattro elementi distintivi che migliorano la sicurezza delle cure e che a ben osservare, si compenetrano vicendevolmente e sinergicamente, come confermato durante l’emergenza sanitaria da Covid-19: collegialità, informazione, partecipazione attiva, cooperazione.

Collegialità. I professionisti sanitari, tutti insieme, nessuno escluso, concorrono a garantire la sicurezza delle cure. In una dimensione sensibile come la salute, in un contesto complesso come quello sanitario ed ancor di più all’interno del percorso “Safe maternal and newborn care”, la sicurezza può essere garantita solo attraverso l’opera collegiale di tutte le professioni sanitarie.

Informazione. Le informazioni certificate e la loro condivisione, a tutti i livelli, sono fondamentali per garantire cure sicure attraverso fonti autorevoli, chiare, puntuali (è raccomandato avvalersi dell’informazione corretta, anzichè valutare, decidere e agire su un’informazione tempestiva ma parziale e/o fallace). Su questi aspetti non si può prescindere da un’attenta ed articolata formazione dei professionisti sanitari che possa garantire, un adeguato flusso delle informazioni tra chi ha funzioni e responsabilità di governo e chi sta nella dimensione operativa.

Partecipazione attiva. Il pieno coinvolgimento e la consapevolezza di tutti i professionisti sanitari sulla sicurezza delle cure sono due aspetti fondamentali. Infatti per la FNO TSRM e PSTRP i professionisti sanitari devono poter partecipare e contribuire in tutte le attività (valutazione, progettazione e implementazione) di gestione del rischio per migliorare la cultura della sicurezza.

Cooperazione. La collaborazione inter-disciplinare e inter-professionale sono conditio sine qua non per garantire cure sicure: la FNO TSRM e PSTRP, fin dalla sua costituzione, è una comunità multi-professionale che si sta adoperando per diventare inter-professionale: per fare una squadra non basta essere fisicamente tutti insieme, serve che i diversi componenti si conoscano, riconoscano e cooperino sinergicamente, ciascuno per quel che gli è proprio.

Il webinar sarà aperto con la Lectio magistralis del Prof. Frank Federico, in collegamento da Boston (USA), vice President and Senior Safety Expert Institute for Healthcare Improvement (IHI), faculty Harvard TH Chan School of Public Health.

Il programma dell’evento, le modalità di iscrizione e altre informazioni sono disponibili alla pagina https://www.spepa.it/webinar, dove sarà possibile anche seguire il webinar.

Articoli correlati
PNRR, le proposte FNO TSRM-PSTRP. Calandra: «Fondamentali gli standard del fabbisogno di personale»
In un documento le proposte della federazione che racchiude 19 professioni sanitarie: si punta su formazione universitaria, case della salute e telemedicina. La presidente Calandra: «L’obiettivo è quello di un costante miglioramento nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione»
di Francesco Torre
Privacy e professioni sanitarie, tema sensibile sotto la lente di ingrandimento di FNO TSRM PSTRP e Ordine degli Avvocati di Roma
Il 27 aprile in Corte di Cassazione a Roma il convegno su “il manager della privacy in sanità”. Calandra: (FNO TSRM PSTRP): «Argomento sensibile che merita ampia riflessione». L’avvocato Perciballi: «Tema della privacy e del segreto professionale essenziale nel rapporto di fiducia tra il professionista sanitario e la persona assistita»
FNO TSRM PSTRP, arrivano gli indennizzi per i familiari dei professionisti deceduti per Covid
La Presidente Teresa Calandra: «Segno di riconoscimento per le famiglie degli iscritti vittime di coronavirus»
Presentata al 14th World Conference on Bioethics, Medical Ethichs and Health Law la Costituzione etica della FNO TSRM PSTRP
La Conferenza mondiale di Bioetica dell'UNESCO è un appuntamento mondiale, in cui i partecipanti di professioni differenti discutono di bioetica, etica medica e diritto sanitario. A portare la Costituzione etica oltre i confini nazionali sono stati per la FNO TSRM e PSTRP Antonio Cerchiaro, componente del Comitato centrale e delegato per l’Etica e deontologia, e Laila Percibali, Referente rapporti con la Cittadinanza
Via libera al 5° Piano nazionale per la tutela dell’età evolutiva. Ecco tutte le novità
Con Andrea Bonifacio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Terapisti della neuropsicomotricità dell’età evolutiva approfondiamo il ruolo dei professionisti sanitari nell’applicazione del Piano, la centralità del terapista della neuropsicomotricità dell’età evolutiva, proponendo possibili soluzioni alla grave carenza organica sia in ambito ospedaliero, che a livello territoriale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...