OMCeO, Enti e Territori 12 Novembre 2018

FNOMCeO: medici 118 in agitazione in Toscana e Puglia

Due Regioni, la Toscana e la Puglia, che non potrebbero essere più distanti – non solo geograficamente – ma che, in questi giorni, sono accomunate da analoghi attacchi a medici e infermieri. E se, in Puglia, i medici del 118 di Fimmg Emergenza hanno dichiarato da tempo lo stato di agitazione, in Toscana scende in […]

Due Regioni, la Toscana e la Puglia, che non potrebbero essere più distanti – non solo geograficamente – ma che, in questi giorni, sono accomunate da analoghi attacchi a medici e infermieri. E se, in Puglia, i medici del 118 di Fimmg Emergenza hanno dichiarato da tempo lo stato di agitazione, in Toscana scende in campo la Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri: lo fa per ribadire il suo secco no al depotenziamento del sistema 118 della Regione, dove l’Assessorato ha intenzione di demedicalizzare le ambulanze.

“Non può definirsi “riorganizzazione” – si legge infatti in una nota degli Ordini toscani – e non è in alcun modo accettabile, la drastica riduzione del personale medico e la sua sostituzione con personale infermieristico. È pleonastico affermare che se è riconosciuta l’esistenza di due professioni, di Medico e di Infermiere, ciò significa che esse non solo hanno compiti e funzioni diverse ma anche, e soprattutto, non sono tra loro in alcun modo intercambiabili”.

“Medici ed Infermieri devono collaborare, ciascuno per le proprie competenze – concludono nella nota -, ed i migliori risultati in termini di salute per il cittadino si ottengono quando i professionisti della sanità operano di concerto, soprattutto nel delicato servizio 118”.

Analoga situazione in Puglia, dove il Governatore Michele Emiliano ha annunciato la sua intenzione di organizzare l’emergenza-urgenza creando l’Areu, l’Azienda regionale deputata a gestirla. Innovazione accolta con cauta apertura da parte di alcune sigle sindacali dei medici coinvolti, con un secco ‘no’ da altre,  anche se tutte condividono gli stessi dubbi sul processo di nascita della nuova Agenzia, con l’internalizzazione del personale dedicato all’emergenza urgenza.

“Ci preoccupa il fatto che i fondi attualmente stanziati per 525 medici convenzionati sarebbero sufficienti a coprire solo 200 medici dipendenti –  spiega Nicola Gaballo, di Fimmg  Emergenza Puglia. – La possibile conseguenza è di avere equipaggi sulle ambulanze privi di medico. Oppure, per garantire i livelli di assistenza precedenti, si rischia che possano essere dirottate su Areu risorse destinate al personale ospedaliero, che già soffre per piante organiche gravemente insufficienti.”

In altre parole, secondo i medici pugliesi dell’emergenza, “a fronte di un servizio, quello attuale dei 118 provinciali, che funziona, si costruisce una struttura per la quale manca un’analisi dei costi, delle modalità operative e dei risultati obiettivi in termini di efficienza”.

D’altra parte, il Governatore Emiliano, nell’illustrare ai giornalisti la riforma, ha dovuto ammettere che “attualmente il 118 funziona abbastanza bene” ma, ha precisato, “occorre fare un salto di qualità”. Come? Secondo Emiliano, aumentando la sua professionalità: “Medici, infermieri, soccorritori, devono avere una capacità di addestramento molto superiore”.

Preparazione già assicurata dal personale del 118 che garantisce un efficiente servizio di servizio emergenza urgenza. “I nostri medici, i nostri infermieri sono ottimi professionisti, bravi, preparati e sono in possesso di tutti i titoli previsti dalla normativa nazionale – mette in chiaro il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli, che è anche Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari -. Il sistema 118 in Puglia funziona alla grande, grazie alla collaborazione sinergica dei medici e degli infermieri presenti a bordo delle nostre ambulanze, ed è tra le eccellenze italiane. Solo nella provincia di Bari-Bat vengono gestite 111.648 emergenze all’anno, con il trattamento a domicilio del 31% dei pazienti. A loro e a tutto il personale impegnato in questo delicatissimo settore va il nostro sostegno ed il ringraziamento per l’impegno nell’assicurare un servizio essenziale nel garantire il diritto alla salute dei cittadini”.

“Più in generale – continua Anelli – stiamo assistendo, in molte Regioni, a un depotenziamento del sistema 118. Lo abbiamo detto, lo ribadiamo: ci opporremo a ogni politica di tagli che si ripercuota sulla qualità delle cure stesse. È un atto di responsabilità nei confronti del Paese. Per questo, anche insieme alla Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche, stiamo lavorando a un modello di gestione dell’emergenza-urgenza che veda la collaborazione, nell’ambito ciascuna delle proprie competenze, delle due professioni, modello da esportare su scala nazionale”.

Articoli correlati
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone