Voci della Sanità 15 Dicembre 2021 18:45

Fno Tsrm Pstrp, un position paper per ripristinare la presenza dei padri e dei partner in ospedale

Il position paper evidenzia il disagio delle madri e dei padri che sono costretti a sopportare ancora una volta, nonostante i due anni trascorsi, una separazione fra madri, neonate e neonati

La Pandemia Covid 19 ha impedito l’accesso alle aree ospedaliere dei padri o partner con grande disagio per le neomamme, le neonate e i neonati. La Federazione TSRM e PSTRP ha elaborato e sottoscritto insieme ad altre associazioni scientifiche un position paper per far sì che venga al più presto ripristinata la situazione pre-pandemia.

«Non vi è alcuna necessità – afferma Teresa Calandra, Presidente TSRM e PSTRP – di mantenere queste scelte organizzative nei Punti Nascita che, naturalmente, erano comprensibili due anni fa quando si era all’inizio della pandemia da COVID-19 in una situazione di emergenza e di inevitabile incertezza. Oggi non sono più motivate perché abbiamo realizzato modelli organizzativi per far fronte alla situazione pandemica e alla comparsa di nuove varianti virali, a potenziale maggior trasmissibilità e/o virulenza».

Ecco allora il position paper per evidenziare il disagio delle madri e dei padri che sono costretti a sopportare ancora una volta, nonostante i due anni trascorsi, una separazione fra madri, neonate e neonati o una limitazione spesso eccessiva (fino ad arrivare in alcuni casi al divieto) all’accesso del padre/partner in ospedale.

L’attuale pandemia da COVID-19 ha determinato un improvviso cambiamento delle modalità organizzative nei Punti Nascita, che ha penalizzato la relazione neonati-genitori nella fase iniziale della costruzione delle nuove famiglie.

Le conseguenze di queste nuove regole sono state un’interferenza con l’avvio dell’allattamento nonché un disagio delle madri e dei padri o più in generale dei genitori.

L’implementazione pressoché generalizzata negli ospedali delle ormai ben note misure di prevenzione del contagio, l’andamento positivo della campagna di vaccinazione e le raccomandazioni basate ormai su solide evidenze scientifiche, che giungono da Enti internazionali (OMS; UNICEF) e nazionali che si occupano di salute (ISS) e dalle Società scientifiche italiane d’area perinatologica (SIN, SIP, SIMP, SIGO, AOGOI) depongono per la non separazione fra neonati e genitori, sia nei reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN) che nelle aree di degenza in regime di rooming-in.

«Quando nasce un bambino o una bambina la priorità va concentrata sulla nuova famiglia ed è prioritario che entrambi i genitori (se COVID-19 vaccinati, guariti o negativi) possano stare col proprio figlio anche per consentire l’attivazione dei processi di attaccamento e per l’avvio dell’allattamento», spiega Teresa Calandra, Presidente FNO TSRM e PSTRP.

In questa fase è fondamentale anche la presenza del padre/partner in ospedale per la vicinanza a madre e bambino poichè  i “neo genitori” non debbono  essere intesi e gestiti alla stregua di comuni visitatori, ma come veri e propri prestatori di cure, coinvolti direttamente nel contesto assistenziale del neonato, e per questo indispensabili ed insostituibili.

Anche un recente documento dei Ministri della Salute a conclusione del G20 ha raccomandato di mettere in campo interventi per correggere l’impatto negativo della pandemia sull’allattamento ma nonostante questo sono rimaste ancora in vigore routine assistenziali ostacolanti la relazione madre-bambina/o, il benessere psico-fisico delle famiglie e l’allattamento.

«La Federazione TSRM e PSTRP è molto sensibile a questa situazione e si è attivata – spiega Giovanni De Biasi membro del Comitato centrale della FNO TSRM e PSTRP – affinché possano cessare o essere quantomeno modificate le restrizioni: della presenza del partner durante il travaglio e durante il puerperio, del divieto o limitazione di accedere a far visita alla coppia madre-neonato nell’area di degenza ostetrica, o della riduzione (talora drastica) dell’orario di visita dei genitori per le coppie madre-figlio in buona salute».

Ecco, dunque, la necessità di redigere un position paper per far sì che si superi l’attuale fase di apatia relativa al ritardato ripristino delle pratiche facilitanti la relazione madre-neonato in vigore prima dell’insorgenza dell’attuale pandemia da COVID-19. (position paper).

Articoli correlati
Giornata della disabilità, FNO TSRM PSTRP: «Domiciliarità cure azione vincente a favore dei più fragili»
«Siamo convinti - spiega la Federazione delle professioni sanitarie TSRM PSTRP - che questi temi necessitino di continua attenzione da parte dei decisori politici e delle istituzioni con programmi di prevenzione su tutto il territorio per la popolazione di riferimento che potrebbero facilitare il benessere delle persone con disabilità»
«Diritti, fragilità, cure: la riforma del SSN passa dall’innovazione tecnologica»
di Laila Perciballi, Referente rapporti con la Cittadinanza della FNO TSRM E PSTRP e Componente Comitato scientifico ASSD
di Laila Perciballi, Referente rapporti con la Cittadinanza della FNO TSRM E PSTRP
FNOPO e FNO TSRM e PSTRP insieme per celebrare il “World Patient Safety Day”: impegno comune per cure sicure e di qualità
Il 17 settembre si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, già “World patient safety day”, giunta alla sua terza edizione nazionale. Nata per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute, come riporta l’art.1 della legge 24 del 2017, questa giornata è stata […]
Tecnici della prevenzione nei luoghi di lavoro, Di Giusto (TPALL): «All’appello ne mancano 1400»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro commenta l’aumento degli infortuni e i fatti che hanno funestato l’estate: «Morti bianche dovute non solo a carenze organizzative e di processo, ma anche culturali e formative, e, non di meno, da carenze strutturali dovute agli impianti normativi»
Reti di riabilitazione, FNO TSRM PSTRP: «Esclusi 100mila professionisti da stesura, Conferenza delle regioni ci coinvolga»
La Conferenza delle Regioni, lo scorso 29 luglio, stava per approvare le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei percorsi appropriati nella rete di riabilitazione”. Peccato, però, che le professioni sanitarie di area riabilitativa, regolamentate e ordinate all’interno della FNO TSRM PSTRP (podologi, logopedisti, fisioterapisti, ortottisti, TNPEE, TeRP, terapista occupazionale ed educatore professionale) non siano state […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre