Voci della Sanità 15 Dicembre 2021 18:45

Fno Tsrm Pstrp, un position paper per ripristinare la presenza dei padri e dei partner in ospedale

Il position paper evidenzia il disagio delle madri e dei padri che sono costretti a sopportare ancora una volta, nonostante i due anni trascorsi, una separazione fra madri, neonate e neonati

La Pandemia Covid 19 ha impedito l’accesso alle aree ospedaliere dei padri o partner con grande disagio per le neomamme, le neonate e i neonati. La Federazione TSRM e PSTRP ha elaborato e sottoscritto insieme ad altre associazioni scientifiche un position paper per far sì che venga al più presto ripristinata la situazione pre-pandemia.

«Non vi è alcuna necessità – afferma Teresa Calandra, Presidente TSRM e PSTRP – di mantenere queste scelte organizzative nei Punti Nascita che, naturalmente, erano comprensibili due anni fa quando si era all’inizio della pandemia da COVID-19 in una situazione di emergenza e di inevitabile incertezza. Oggi non sono più motivate perché abbiamo realizzato modelli organizzativi per far fronte alla situazione pandemica e alla comparsa di nuove varianti virali, a potenziale maggior trasmissibilità e/o virulenza».

Ecco allora il position paper per evidenziare il disagio delle madri e dei padri che sono costretti a sopportare ancora una volta, nonostante i due anni trascorsi, una separazione fra madri, neonate e neonati o una limitazione spesso eccessiva (fino ad arrivare in alcuni casi al divieto) all’accesso del padre/partner in ospedale.

L’attuale pandemia da COVID-19 ha determinato un improvviso cambiamento delle modalità organizzative nei Punti Nascita, che ha penalizzato la relazione neonati-genitori nella fase iniziale della costruzione delle nuove famiglie.

Le conseguenze di queste nuove regole sono state un’interferenza con l’avvio dell’allattamento nonché un disagio delle madri e dei padri o più in generale dei genitori.

L’implementazione pressoché generalizzata negli ospedali delle ormai ben note misure di prevenzione del contagio, l’andamento positivo della campagna di vaccinazione e le raccomandazioni basate ormai su solide evidenze scientifiche, che giungono da Enti internazionali (OMS; UNICEF) e nazionali che si occupano di salute (ISS) e dalle Società scientifiche italiane d’area perinatologica (SIN, SIP, SIMP, SIGO, AOGOI) depongono per la non separazione fra neonati e genitori, sia nei reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN) che nelle aree di degenza in regime di rooming-in.

«Quando nasce un bambino o una bambina la priorità va concentrata sulla nuova famiglia ed è prioritario che entrambi i genitori (se COVID-19 vaccinati, guariti o negativi) possano stare col proprio figlio anche per consentire l’attivazione dei processi di attaccamento e per l’avvio dell’allattamento», spiega Teresa Calandra, Presidente FNO TSRM e PSTRP.

In questa fase è fondamentale anche la presenza del padre/partner in ospedale per la vicinanza a madre e bambino poichè  i “neo genitori” non debbono  essere intesi e gestiti alla stregua di comuni visitatori, ma come veri e propri prestatori di cure, coinvolti direttamente nel contesto assistenziale del neonato, e per questo indispensabili ed insostituibili.

Anche un recente documento dei Ministri della Salute a conclusione del G20 ha raccomandato di mettere in campo interventi per correggere l’impatto negativo della pandemia sull’allattamento ma nonostante questo sono rimaste ancora in vigore routine assistenziali ostacolanti la relazione madre-bambina/o, il benessere psico-fisico delle famiglie e l’allattamento.

«La Federazione TSRM e PSTRP è molto sensibile a questa situazione e si è attivata – spiega Giovanni De Biasi membro del Comitato centrale della FNO TSRM e PSTRP – affinché possano cessare o essere quantomeno modificate le restrizioni: della presenza del partner durante il travaglio e durante il puerperio, del divieto o limitazione di accedere a far visita alla coppia madre-neonato nell’area di degenza ostetrica, o della riduzione (talora drastica) dell’orario di visita dei genitori per le coppie madre-figlio in buona salute».

Ecco, dunque, la necessità di redigere un position paper per far sì che si superi l’attuale fase di apatia relativa al ritardato ripristino delle pratiche facilitanti la relazione madre-neonato in vigore prima dell’insorgenza dell’attuale pandemia da COVID-19. (position paper).

Articoli correlati
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
PNRR, le proposte FNO TSRM-PSTRP. Calandra: «Fondamentali gli standard del fabbisogno di personale»
In un documento le proposte della federazione che racchiude 19 professioni sanitarie: si punta su formazione universitaria, case della salute e telemedicina. La presidente Calandra: «L’obiettivo è quello di un costante miglioramento nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione»
di Francesco Torre
Privacy e professioni sanitarie, tema sensibile sotto la lente di ingrandimento di FNO TSRM PSTRP e Ordine degli Avvocati di Roma
Il 27 aprile in Corte di Cassazione a Roma il convegno su “il manager della privacy in sanità”. Calandra: (FNO TSRM PSTRP): «Argomento sensibile che merita ampia riflessione». L’avvocato Perciballi: «Tema della privacy e del segreto professionale essenziale nel rapporto di fiducia tra il professionista sanitario e la persona assistita»
FNO TSRM PSTRP, arrivano gli indennizzi per i familiari dei professionisti deceduti per Covid
La Presidente Teresa Calandra: «Segno di riconoscimento per le famiglie degli iscritti vittime di coronavirus»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi