OMCeO, Enti e Territori 7 novembre 2017

Ostetricia, nasce la nuova società scientifica della categoria SISONG

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, dopo alcuni mesi di interlocuzione e diffusione in tema di costituzione di Società Scientifica così come previsto dalla Legge n. 24/2017 (Legge Gelli,) comunica la formazione della nuova Società Scientifica denominata Società Scientifica Italiana di Scienze Ostetrico-Ginecologico-Neonatali (SISONG). Un’adesione massiccia che conta oltre 5mila adesioni da parte delle […]

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, dopo alcuni mesi di interlocuzione e diffusione in tema di costituzione di Società Scientifica così come previsto dalla Legge n. 24/2017 (Legge Gelli,) comunica la formazione della nuova Società Scientifica denominata Società Scientifica Italiana di Scienze Ostetrico-Ginecologico-Neonatali (SISONG).

Un’adesione massiccia che conta oltre 5mila adesioni da parte delle Ostetriche/i. All’incontro costitutivo hanno partecipato 32 ostetriche/i in rappresentanza dei Collegi provinciali e interprovinciali di 14 regioni italiane, e le due Società Scientifiche Syrio e Sirong, che in maniera volontaria hanno deciso di aderire al progetto diventando soci/e fondatori/trici. Nel corso dell’incontro è stato scelto un Consiglio Direttivo all’interno del quale sono state elette le seguenti cariche provvisorie: Raffaella Punzo come Presidente; Miriam Guana come Vicepresidente; Masi Incoronata come Segretaria e Antonio Bene come Tesoriere.

 

I restanti cinque componenti sono consiglieri ordinari: Maria Antonella Auci (Collegio di Palermo), Ilaria Catania (Collegio di Catania), Laura Iannuzzi (Collegio interprovinciale di Firenze), Cristiana Pavesi (Collegio di Parma/Piacenza), Luigia Soldati (collegio di Brescia). Le cariche effettive verranno invece elette nel corso della prima riunione utile che si terrà nel mese di dicembre.

«Quelli appena trascorsi sono statti mesi di intenso lavoro, svolto sia da parte dei Collegi provinciali e interprovinciali sia da parte della Federazione tutta, affinché la nuova Società Scientifica vedesse la luce nei tempi e secondo le modalità stabilite dalla legge – afferma la Presidente della Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Maria Vicario . Sono contenta di poter dire che le Ostetriche, che la FNCO rappresenta, abbiano compreso l’importanza di questo nuovo passaggio epocale per la categoria – aggiunge la Presidente Vicario – che avrà così un interlocutore referenziato e riconosciuto per partecipare alla definizione delle Linee Guida e buone pratiche assistenziali e per fare ricerca in ambito ostetrico-ginecologico-neonatale».

La SISONG ha come scopi principali la promozione del progresso e della diffusione delle scienze ostetrico-ginecologiche-neonatali in ambito clinico, socio-assistenziale, formativo e manageriale anche attraverso la ricerca, a livello nazionale ed internazionale. SISONG, inoltre, dovrà favorire la valorizzazione delle competenze distintive del professionista ostetrica/o in ossequio alle normative nazionali ed europee, anche attraverso iniziative formative.

«A nome della FNCO formulo i migliori auguri di buon lavoro al Consiglio Direttivo SISONG, alle cariche provvisorie, e a quelle che saranno elette a dicembre prossimo, affinché la nuova Società Scientifica possa essere un valido e costruttivo punto di riferimento per lo sviluppo della ricerca in ambito ostetrico. La Federazione – conclude la Presidente Vicario -, così come previsto dalla legge, continuerà a essere l’organo di governo della categoria ostetrica».   

 

Articoli correlati
Congresso FNOPO, Vicario: «Formazione pilastro per il futuro. Ampliare percorso di laurea in Ostetricia a 5 anni»
Si è conclusa la 35esima assise a Modena. Anelli e Scotti: «Bene lavoro comune su aggressione e sinergia con MMG»
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
A Roma dal 5 al 7 luglio medici e giuristi a confronto sulla medicina legale e l’accertamento della verità
Guidati dai responsabili scientifici Prof. Vittorio Fineschi e Prof.ssa Paola Frati, gli ospiti affronteranno la metodologia medico-legale, il ruolo dei consulenti e dei periti, le novità della legge Gelli, e la legge sul consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...