Voci della Sanità 26 Settembre 2017 13:16

Ema: Lorenzin, expertise vera carta vincente per Milano

“L’expertise” è la vera carta vincente di Milano per conquistare l’Agenzia europea del farmaco (Ema), che traslochera’ da Londra per la Brexit. Ne e’ convinta il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a Bruxelles, in un roadshow internazionale col sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, il sindaco del capoluogo lombardo, […]

“L’expertise” è la vera carta vincente di Milano per conquistare l’Agenzia europea del farmaco (Ema), che traslochera’ da Londra per la Brexit. Ne e’ convinta il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a Bruxelles, in un roadshow internazionale col sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, il sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, e il consigliere Enzo Moavero Milanesi, per mettere in luce i punti di forza della candidatura di Milano – in corsa contro altri 18 pretendenti, in vista della pubblicazione delle ‘pagelle’ della Commissione Ue, il 30 settembre. “Se vince Milano, vinceranno l’Ema, l’interesse dei cittadini e il mercato unico”, spiega Gozi. “Stiamo lavorando in squadra per farcela”, ma “e’ una partita difficile e in salita”, riconosce.

Milano e’ una delle sedi “piu’ competitive sotto il profilo della capacita’ tecnica ed economica”, ma “c’è chi pensa ai criteri geopolitici, e non e’ l’unica candidatura forte”. Entro il 30 settembre l’esecutivo comunitario pubblicherà la sua valutazione delle offerte, basandosi sui criteri oggettivi fissati dagli Stati: continuita’ operativa, collegamenti, scuole, accesso a lavoro e sanita’ per le famiglie e la distribuzione geografica delle agenzie. Tra le altre, sono in corsa Amsterdam, Barcellona, Stoccolma, Bonn. La decisione finale spetterà comunque ai 27 ministri, a novembre, con una votazione al consiglio affari generali Ue, dove il pericolo e’ che a prevalere possa essere la logica dell’equilibrio geo-politico, che punterebbe a est, verso Bratislava. “Milano ha tutte le caratteristiche per vincere. E’ il dossier piu’ forte. Spero che vengano messe da parte le scelte politiche”, auspica il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che si dice disponibile a ragionare sul canone per il Pirellone, e vede “nell’indebolimento di Angela Merkel” un possibile “aiuto”. Nelle settimane scorse era circolata voce del tentativo di Parigi e Berlino di spartirsi Ema e Eba (l’Autorità bancaria europea, che come l’Agenzia del farmaco dovrà traslocare da Londra). Anche per il sindaco di Milano “il timore e’ che prevalga qualche inciucio politico. Ma – evidenzia – la nostra proposta è straordinaria”. “A noi interessa una valutazione tecnica e strategica degli elementi”, ha detto Lorenzin. “La competizione e’ durissima – ammette -. Ma Milano ha una marcia in più, grazie anche alla sua rete e al suo ‘know how’. Se l’Italia non fosse in pole position, significherebbe che non sono stati presi in considerazione i requisiti tecnici. Ma assegnare Ema a un Paese che non ha requisiti, significherebbe un blocco mortale per una delle economie più in crescita in Europa”.

Domani scenderanno in campo anche i rappresentanti del sistema produttivo italiano, in un evento organizzato da Confindustria, Farmindustria, Federchimica, Fondazione Milano per EXPO 2015, Camera di Commercio Milano Monza Brianza Lodi e Assolombarda, per una nuova azione di ‘moral suasion’. Piatti forti: lo stile di vita, la cultura, il food italiano, le eccellenze nel settore della ricerca, la logistica.

Articoli correlati
Tra Covid e guerra, Lorenzin: «Pnrr, investimenti e formazione per trasformare Ssn in sistema di sicurezza nazionale»
L’ex Ministra della Salute spiega a Sanità Informazione su cosa puntare per farsi trovare pronti in caso di emergenze sanitarie globali come quelle che stiamo vivendo da due anni
Il grande “Cor de Milan”: volontari pronti a partire e ad accogliere i profughi in città
Il Sindaco Beppe Sala alla partenza del convoglio di aiuti di Fondazione Progetto Arca annuncia un vademecum per l’ospitalità
A quattro anni le salva la vita, 30 anni dopo la ritrova collega in sala operatoria
Per Alessandro Giamberti, responsabile della Chirurgia Pediatrica del Policlinico San Donato di Milano, l’incontro con Valeria Terranova è stata una grande emozione. Nota la cicatrice di questa giovane anestesista specializzanda proveniente da Siena arruolata nel periodo Covid, e scopre che ad operarla era stato proprio lui. Oggi vanno insieme nelle missioni in Africa per salvare i bambini cardiopatici
EMA, Cavaleri: «Un solo monoclonale funziona contro Omicron, i farmaci invece tengono»
Sotrovimab per il momento sembra funzionare, mentre gli altri monoclonali non hanno superato la prova Omicron. Cavaleri ha parlato anche dei vaccini per la fascia 0-5 anni
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...