OMCeO, Enti e Territori 22 marzo 2018

Al via la terza edizione del Premio eHealth4all patrocinato dall’ISS

Secondo quanto comunicato dal Presidente Walter Ricciardi, l’Istituto Superiore di Sanità patrocinerà la terza edizione del Premio eHealth4all per il biennio 2017-19 che seleziona la migliore applicazione digitale per la prevenzione. Il concorso è nato nel 2013 nell’ambito del ClubTI e coordinato da Ornella Fouillouze, attuale vicepresidente di ClubTi Assolombarda, ed è destinato al miglior progetto informatico per la […]

Secondo quanto comunicato dal Presidente Walter Ricciardi, l’Istituto Superiore di Sanità patrocinerà la terza edizione del Premio eHealth4all per il biennio 2017-19 che seleziona la migliore applicazione digitale per la prevenzione. Il concorso è nato nel 2013 nell’ambito del ClubTI e coordinato da Ornella Fouillouze, attuale vicepresidente di ClubTi Assolombarda, ed è destinato al miglior progetto informatico per la prevenzione in sanità. Possono partecipare organismi pubblici e privati, atenei e loro ricercatori, Asl, ospedali e start- up. Venticinque concorrenti  hanno inviato i loro progetti sul sito di riferimento entro il 15 marzo, data di scadenza del bando per l’edizione di quest’anno dal titolo: “Prevenzione 4.0-tecnologie e soluzioni per la salute di oggi e di domani”.

Si preannuncia, dunque, agguerrito il percorso che, snodandosi per tutto il 2018 e la prima parte del 2019, porterà alla premiazione dei progetti inerenti tutte le fasi della prevenzione, da quella  di base, primaria (nutrizione, vaccinazioni, stili di vita), alla secondaria (screening) e terziaria (gestione e monitoraggio delle patologie, per limitare gli aggravamenti). In questa nuova edizione però, oltre alla tradizionale attenzione alla misurabilità dell’efficacia dei progetti che caratterizza il premio eHealth4all, si darà particolare spazio a chi utilizza nuove tecnologie. Spazio alle apps per mobile e fisso che siano semplici da utilizzare, ben comunicate e che abbiano forte retroterra tecnologico così come alle soluzioni che fanno guadagnare tempo agli utenti, alla robotica, alle tecnologie più avanzate e alle tecniche di comunicazione, alle tecnologie opensource.

Il focus del premio rimane trovare soluzioni rivolte a migliorare la qualità della vita e a prevenire morbilità. La presentazione della III Edizione del Premio è avvenuta a Milano venerdì 16 marzo nella sede Confcommercio in una conferenza organizzata con Assintel nell’ambito della Digital Week. Hanno partecipato i vincitori delle precedenti edizioni: Training& Food Game 4all, il “gioco” ideato dall’ex Asl Milano 2 Melegnano per studenti e docenti delle scuole dell’Est Milanese convinse tutti e vinse l’edizione 2013-15 dedicata all’alimentazione; nell’edizione 2017, nata in parallelo con il Giubileo e legata al tema della solidarietà, si impose Infostranieri per la salute, un’app pensata per gli stranieri, con informazioni su medici e strutture sanitarie che incoraggia le vaccinazioni e permette di effettuare un self test su alcune patologie “di ritorno”, tra cui la TBC.

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...