Voci della Sanità 20 Marzo 2019 15:31

“Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete”. Parte il progetto Onda in Lombardia

«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. […]

«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Infatti, una recente indagine condotta da Onda per esplorare il tema della depressione e della relazione tra questa e alcune malattie, ha evidenziato come la depressione colpisca 1 persona su 4 con malattie reumatiche, quasi un malato di tumore su 6 e il 2% di coloro che hanno il diabete. Inoltre, 4 pazienti su 10 considerano la depressione come una sorta di effetto collaterale della malattia primaria e perciò la sottovalutano; a conferma di questo risulta che coloro che soffrono di altre malattie si rivolgono circa nella metà dei casi al medico di medicina generale anche per la gestione della depressione e solo 1 su 5 si rivolge allo psichiatra, rispetto all’83% delle persone che soffrono “solo” di depressione.

«La depressione colpisce le donne con una frequenza 2-3 volte maggiore rispetto agli uomini e si stima che siano colpite oltre 450.000 lombarde – continua Merzagora – . Questa malattia spesso si accompagna ad altri disturbi psichici tipicamente femminili come ansia, disturbi del sonno e del comportamento alimentare. Le donne, in particolare, tendono a sviluppare la malattia più precocemente, con sintomi più gravi e presentano una maggiore durata degli episodi. È quindi fondamentale adottare un approccio orientato al genere per trattare la depressione».

Per informare e sensibilizzare su questi temi parte il progetto Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete” realizzato nell’ambito dell’iniziativa regionale “Progettare la parità in Lombardia 2018” che vede come capofila Onda e come partner sei Aziende Socio-Sanitarie Territoriali lombarde che fanno parte del network Bollini Rosa: ASST Fatebenefratelli-Sacco, ASST Lariana, ASST Lecco, ASST Lodi, ASST Papa Giovanni XXIII e ASST Rhodense.

«Il progetto ha il duplice obiettivo di informare e sensibilizzare sia la classe medica che le donne – conclude Merzagora – . Da un lato gli ospedali coinvolti realizzeranno corsi di formazione residenziale per l’aggiornamento dei medici ospedalieri, operatori sanitari e medici di medicina generale per migliorare la consapevolezza sulle correlazioni esistenti tra depressione e altre malattie femminili e dunque la capacità di evidenziare precocemente le situazioni a rischio e tempestivamente quelle già manifeste in modo da indirizzare le donne verso i più opportuni percorsi di cura».

Articoli correlati
Donne chirurgo, ancora lontana la parità con gli uomini
di Massimo Misiti, Chirurgo e Deputato Movimento Cinque Stelle
di Massimo Misiti, Chirurgo e Deputato Movimento Cinque Stelle
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Culle vuote e sempre più anziani, le istituzioni si interrogano per vincere la sfida della denatalità
Dal tavolo di confronto organizzato da Fondazione Roma Sapienza con La7 tanti spunti per ridare fiducia a giovani e famiglie. Necessari interventi su politiche aziendali e welfare per puntare a una ripresa nei prossimi 10 anni
di Federica Bosco
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
“La sanità che vogliamo”, le donne e una professione da rifondare. Con la curatrice Sandra Morano
Riorganizzazione e leadership femminile in un settore, quello sanitario, che è popolato per 2/3 da donne. Le proposte di un gruppo di professioniste nel libro curato da Sandra Morano per una sanità del futuro improntata al "modello della cura"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?