Voci della Sanità 20 Marzo 2019 15:31

“Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete”. Parte il progetto Onda in Lombardia

«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. […]

«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Infatti, una recente indagine condotta da Onda per esplorare il tema della depressione e della relazione tra questa e alcune malattie, ha evidenziato come la depressione colpisca 1 persona su 4 con malattie reumatiche, quasi un malato di tumore su 6 e il 2% di coloro che hanno il diabete. Inoltre, 4 pazienti su 10 considerano la depressione come una sorta di effetto collaterale della malattia primaria e perciò la sottovalutano; a conferma di questo risulta che coloro che soffrono di altre malattie si rivolgono circa nella metà dei casi al medico di medicina generale anche per la gestione della depressione e solo 1 su 5 si rivolge allo psichiatra, rispetto all’83% delle persone che soffrono “solo” di depressione.

«La depressione colpisce le donne con una frequenza 2-3 volte maggiore rispetto agli uomini e si stima che siano colpite oltre 450.000 lombarde – continua Merzagora – . Questa malattia spesso si accompagna ad altri disturbi psichici tipicamente femminili come ansia, disturbi del sonno e del comportamento alimentare. Le donne, in particolare, tendono a sviluppare la malattia più precocemente, con sintomi più gravi e presentano una maggiore durata degli episodi. È quindi fondamentale adottare un approccio orientato al genere per trattare la depressione».

Per informare e sensibilizzare su questi temi parte il progetto Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete” realizzato nell’ambito dell’iniziativa regionale “Progettare la parità in Lombardia 2018” che vede come capofila Onda e come partner sei Aziende Socio-Sanitarie Territoriali lombarde che fanno parte del network Bollini Rosa: ASST Fatebenefratelli-Sacco, ASST Lariana, ASST Lecco, ASST Lodi, ASST Papa Giovanni XXIII e ASST Rhodense.

«Il progetto ha il duplice obiettivo di informare e sensibilizzare sia la classe medica che le donne – conclude Merzagora – . Da un lato gli ospedali coinvolti realizzeranno corsi di formazione residenziale per l’aggiornamento dei medici ospedalieri, operatori sanitari e medici di medicina generale per migliorare la consapevolezza sulle correlazioni esistenti tra depressione e altre malattie femminili e dunque la capacità di evidenziare precocemente le situazioni a rischio e tempestivamente quelle già manifeste in modo da indirizzare le donne verso i più opportuni percorsi di cura».

Articoli correlati
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia
Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»
Alzheimer: scoperta la molecola che può bloccare la malattia, punto di partenza per la cura
Uno studio realizzato dall’Istituto Besta e Mario Negri ha dimostrato che un piccolo peptide somministrato per via nasale sarebbe in grado di evitare l’accumulo delle sostanze tossiche che scatenano la patologia. Studiati gli effetti su modello animale, tra qualche anno la sperimentazione sull’uomo
Bonus psicologo, al via alle domande online
Sul sito dell'Inps è possibile inviare la domanda per accedere al bonus psicologo. Bisogna fare presto. La precedenza sarà data a chi ha Isee più basso
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...