Voci della Sanità 12 Aprile 2021 15:54

Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie

“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials

Entra nel vivo il progetto Fials Donne&Sindacato con un questionario, messo a disposizione online in questi giorni: è il primo passo di un percorso virtuoso che vede il coinvolgimento di tutte le dipendenti di Aziende sanitarie pubbliche, strutture private e terzo settore, nella realizzazione della campagna di comunicazione per aumentare la consapevolezza e il rispetto delle pari opportunità, e promuovere azioni per il riequilibrio di genere sui luoghi di lavoro.
La survey, i cui risultati di compilazione avverranno in forma rigorosamente anonima, è disponibile sulla pagina Facebook del Coordinamento Donne Fials ed è mirato ad acquisire una prima importante fotografia di quanto percepito dalle lavoratrici sull’attenzione alla parità di genere da parte delle aziende sanitarie e sulla sua espressione.

«Per le donne, trovare un equilibrio tra vita privata e professionale – spiega Elena Marrazzi, responsabile del progetto – è una sfida costante a causa dei diversi ruoli che è chiamata a ricoprire nella società. Il Coordinamento Donne Fials vuole conoscere il punto di vista di ognuna per farsi portavoce dei problemi comuni e delle possibili soluzioni. Per questo, il nostro sondaggio è rivolto a tutte le lavoratrici della sanità pubblica, privata e del terzo settore. I dati che otterremo ci consentiranno di acquisire informazioni utili per delineare con maggior accuratezza l’attuale contesto organizzativo delle Aziende sanitarie pubbliche e private italiane».

L’elaborazione statistica delle risposte che perverranno, servirà inoltre, nel corso del progetto, all’individuazione delle strategie necessarie per migliorare l’organizzazione lavorativa e per sviluppare una cultura aziendale più inclusiva e attenta alla gestione delle diversità di genere. Dopo la somministrazione della survey, a partire dalla metà del mese di aprile, il percorso progettuale proseguirà con ulteriori azioni: incontri del Coordinamento Donne Fials, focus group e tavoli di confronto. «Ci sarà il coinvolgimento di un apposito gruppo di progetto che studierà un percorso di riflessione e sensibilizzazione, oltre a elaborare le proposte operative. Tali proposte – annuncia Marrazzi – andranno a integrare il complesso degli interventi da includere nel piano d’azione».

Il sondaggio online è diviso in due sezioni: ‘Donne in sanità’ e ‘Parità di genere e Welfare’. Tra i quesiti posti, quello di «definire quali sono le esigenze dei dipendenti, con particolare attenzione alla condizione della donna e aiutare le aziende a trovare soluzioni finalizzate alla soddisfazione dei propri dipendenti, conciliando quindi la vita privata e il lavoro”. Mentre tra le domande si legge: «Avere un figlio rappresenta o rappresenterebbe un problema per la mia crescita professionale?» O anche: «Assistere un familiare in condizione di fragilità rappresenta o rappresenterebbe un problema per la mia crescita professionale?». E in chiusura si richiede: «Quali potrebbero essere secondo lei gli strumenti di welfare che l’aiuterebbero a conciliare meglio la sua vita-lavoro?».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa