Voci della Sanità 3 Giugno 2021 18:10

Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN

Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti

Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN

CISMAI – Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso all’Infanzia ospita a Milano, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, il Convegno ISPCAN – INTERNATIONAL SOCIETY FOR THE PREVENTION OF CHILD ABUSE & NEGLECT in modalità online. Una cinque giorni internazionale dedicata all’infanzia con l’obiettivo di promuovere un network strategico per porre la parola fine al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti.

Diversi i temi al centro del congresso: dalla raccolta dei dati sul maltrattamento nei confronti dei minorenni agli interventi di prevenzione, dalla violenza assistita ai servizi per i minori migranti, dalla protezione di bambine e bambini nello sport fino all’ impatto del Covid-19. I dati emersi dall’Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia hanno sollevato forti preoccupazioni rispetto a una tendenza generale all’aumento di violenza domestica e di maltrattamento all’infanzia, in Italia e a livello mondiale. Una situazione di prolungato stress a livello familiare, di condizioni lavorative precarie e di mancato/minore accesso alla scuola e a servizi socio-sanitari, fa aumentare il rischio di maltrattamento nel lungo periodo, come riportano ad esempio i dati relativi ai disastri naturali. Secondo uno studio della Alliance for Child Protection in Humanitarian Action (ACPHA) le misure prese per contenere le pandemie hanno infatti l’effetto di modificare l’ambiente in cui le bambine e i bambini vivono, e di conseguenza aumenta la loro vulnerabilità a violenza, abusi e trascuratezza.

Tra gli obiettivi di ISPCAN 2021 l’urgenza di realizzare una raccolta dati permanente sul maltrattamento significativa in termini quantitativi e qualitativi e un monitoraggio sull’andamento del fenomeno, al fine di implementare le strategie di intervento e le politiche di prevenzione secondo un approccio multidimensionale: la mancata attivazione mirata e puntuale in tema di maltrattamento all’infanzia ha infatti una ricaduta enorme in termini sociali, educativi, psicologici, economici e di salute pubblica.

L’Università degli Studi di Milano-Bicocca è impegnata su diversi fronti. Durante il Convegno saranno presentati alcuni dei progetti e ricerche condotte dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa” e dai gruppi di ricerca dell’Università impegnati nella prevenzione della violenza all’infanzia e nella promozione dei diritti di bambini e bambine.

Saranno oltre 400 le professioniste e i professionisti che parteciperanno in rappresentanza di 70 Paesi, con ospiti del calibro di David Finkelhor (USA), maggior esperto mondiale sui programmi di prevenzione primaria a scuola, John Fluke (USA), esperto sull’utilizzo dei dati e nel campo dell’epidemiologia del maltrattamento, Myriam Caranzano (Svizzera), Presidente del Congresso ISPCAN, Joan Durant (Canada), psicologa clinica dell’età evolutiva, Philip D. Jaffé (Svizzera), membro del Comitato dei diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite, Regína Jensdóttir (Francia), Capo Divisione dei diritti dei minori per il Consiglio d’Europa, Christine Wekerle (Canada) direttrice di Child Abuse and Neglect: The International Journal. A rappresentare l’Italia Luigi Cancrini, Presidente del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale, Gloria Soavi, già presidente CISMAI esperta a livello internazionale di traumatologia e psicologia dello sviluppo,  i membri della Direzione Scientifica dell’evento: Elisabetta Biffi, Professoressa Associata di Pedagogia Generale e Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Rocco Briganti, referente per i rapporti internazionali di CISMAI e Kevin Lalor, membro del Board of Directors di ISPCAN, il Presidente CISMAI Giovanni F. Visci, pediatria e neuropsichiatra infantile.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Bambini e tablet: ecco perché i genitori non sanno dire di no
Le regole dello psicologo: «Non usare i device poco prima di andare a dormire, concederne l’utilizzo in interazione con l’adulto, monitorare i contatti virtuali»
di Isabella Faggiano
La dieta della tiroide, ecco gli alimenti consigliati e quelli da evitare
Nell’intervista a Sanità Informazione, l’endocrinologa Serena Missori spiega quali sono i cibi che aiutano la tiroide e come lo stress influisce negativamente sulla salute di questa ghiandola. La chef Marisa Maffeo: «Mangiare bene senza rinunciare al gusto»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Cure palliative pediatriche, in Italia trattato solo il 5% dei bambini con malattie incurabili
Elena Castelli (Fondazione Maruzza): «Se non possiamo guarire un bimbo dalla sua malattia, allora abbiamo il dovere di “curare” i sintomi che gli impediscono di vivere serenamente i suoi giorni»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM