OMCeO, Enti e Territori 19 Settembre 2018

Cure palliative pediatriche al centro del Congresso della Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus

Il dolore è purtroppo un sintomo frequente nei bambini malati, sia in situazioni di ospedalizzazione che nei bambini non ricoverati. La valutazione corretta del dolore e la sua gestione ottimale sono considerate principi essenziali nella pratica pediatrica. Di questo e di altre tematiche si parlerà a Roma, dal 24 al 27 ottobre, durante il “4th […]

Il dolore è purtroppo un sintomo frequente nei bambini malati, sia in situazioni di ospedalizzazione che nei bambini non ricoverati. La valutazione corretta del dolore e la sua gestione ottimale sono considerate principi essenziali nella pratica pediatrica. Di questo e di altre tematiche si parlerà a Roma, dal 24 al 27 ottobre, durante il “4th Global Gathering Maruzza Congress on Paediatric Palliative Care“, organizzato dalla Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus, con l’obiettivo di colmare il vuoto e la disinformazione creatasi attorno alle Cure Palliative. La Fondazione è impegnata da tempo nel campo delle cure palliative e della terapia del dolore per le persone affette da malattie inguaribili, con particolare attenzione alla fascia più fragile della società: i bambini.

“Il Congresso è diventato un punto di riferimento mondiale per le Cure Palliative Pediatriche” ha dichiarato Franca Benini, Presidente del Congresso e Responsabile del Centro di riferimento Veneto di Terapia del Dolore e Cure Palliative Pediatriche. “L’obiettivo è offrire, a tutti i paesi del mondo, gli strumenti per realizzare concretamente servizi di cure palliative pediatriche,  un diritto del bambino e della famiglia, che vivono un evento imprevedibile come la malattia inguaribile.”

Il 4th Global Gathering Maruzza Congress on Paediatric Palliative Care vedrà la partecipazione di esponenti ed esperti mondiali provenienti da più 55 paesi dei 5 continenti. “L’OMS è fortemente impegnata a migliorare l’accesso alle cure palliative per tutti.” ha affermato Marie-Charlotte Bouësseau, Advisor dell’Organizzazione Mondiale Sanità – Service Delivery and Safety “Mi auguro che il Congresso ci fornirà nuove idee e opportunità per raggiungere questo obiettivo che migliaia di bambini che soffrono di gravi patologie stanno aspettando”.

Si assiste oggi difatti ad una immensa e dolente contraddizione tra l’evidenza ed i protocolli raccomandati e la pratica di tutti i giorni, con una complessità maggiore quando di tratta di bambini. L’Italia, con la Legge 38/2010, “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore” ha decretato che tutti i cittadini hanno il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative, e sancisce, in modo incontrovertibile, la specificità pediatrica. Purtroppo gran parte della popolazione non è al corrente di tale diritto e persino tra i medici la conoscenza è spesso scarsa. Le cure palliative, che non sono assolutamente cure di fine vita, hanno lo scopo di controllare i sintomi e di alleviare il dolore, riuscendo a garantire alla persona malata un’attenzione e un’assistenza specifica e adeguata alla sua età.

CHE COSA SONO LE CURE PALLIATIVE

Le Cure Palliative hanno come scopo il controllo di tutti i sintomi, compreso il dolore, che ogni paziente affetto da malattia cronica o inguaribile può manifestare. Si rivolgono a pazienti in fase avanzata di malattie oncologiche, neurologiche, respiratorie, renali, cardiologiche, degenerative, ecc. offrendo alla persona malata la migliore qualità di vita possibile nel rispetto della sua volontà.

Aiutano il paziente e familiari a superare disagi di carattere psicologico-emozionale-sociale e spirituale; possono essere prestate a domicilio, in strutture specialistiche dedicate, gli Hospice o in ospedale.

I servizi di Cure Palliative prevedono l’intervento di diverse figure professionali competenti: medici, infermieri, fisioterapisti, assistenti sociali e spirituali e la famiglia diventa parte integrante dell’assistenza. L’obiettivo delle Cure Palliative non è perseguire l’impossibile guarigione ma prendersi cura della Persona nella sua totalità.

Fino a pochi anni fa le Cure Palliative erano associate solo alla fase terminale dei malati oncologici. Ma non è così. La Risoluzione 1649 (2009) dell’Assemblea Parlamentare Europea infatti sostiene che le Cure Palliative sono un’innovativa e sostanziale visione di cura insieme alla medicina attiva. Rappresentano una componente dell’assistenza sanitaria basata sul concetto umano della dignità, dell’autonomia, dei diritti umani, dei diritti civili, dei diritti del paziente e della percezione e concezione condivisa della solidarietà e coesione sociale.

L’Italia, con la Legge 38/2010, ha decretato che tutti i malati affetti da patologia inguaribile hanno il diritto all’accesso ai servizi di Cure Palliative.

Articoli correlati
Salute, D’Amato (Regione Lazio): «Va garantito accesso scolastico a bambino immunodepresso»
«La Regione Lazio ha chiesto alla Asl Roma 2 di attivarsi presso la dirigenza scolastica dell’istituto di via Bobbio a Roma per verificare le condizioni di accesso a scuola in piena sicurezza per il bambino immunodepresso». Lo ha dichiarato in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato in merito alla […]
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
Bambini plusdotati, ecco perché sono più bravi e veloci: il loro cervello ottimizza le risorse
Anna Maria Roncoroni (Aistap): «Non sono maggiormente esposti a disturbi psicopatologici, ma hanno bisogno di un percorso di apprendimento avanzato, studiato su misura. Attenzione a non soffocarli con pressioni o aspettative eccessive»
di Isabella Faggiano
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Fondazione Sacra Famiglia presenta la nuova “Stanza delle farfalle”: uno spazio multisensoriale per bambini con disabilità
Colori, suoni e profumi avvolgono chi vi entra. Si chiama “Stanza delle farfalle” la nuova Snoezelen Room realizzata nell’unità Santa Maria Bambina di Fondazione Sacra Famiglia. Un ulteriore passo avanti per stimolare i bambini con pluridisabilità e deficit importanti che possono così contare su uno spazio dedicato di altissima qualità. In questa nuova stanza multisensoriale, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone