Voci della Sanità 7 Ottobre 2020

Covid-19, Misiti (M5S): «C’è emergenza ma non dimentichiamo i malati con altre patologie virali»

«C’è un’emergenza sanitaria che è il Covid 19, è vero, ma occorre non dimenticare che esistono anche patologie infettive per le quali è fondamentale un’assistenza adeguata con dei reparti dedicati. Senza minimizzare in alcun modo la necessità di garantire dei percorsi e delle strutture per l’esclusivo soccorso a chi viene colpito dal Covid 19, è […]

«C’è un’emergenza sanitaria che è il Covid 19, è vero, ma occorre non dimenticare che esistono anche patologie infettive per le quali è fondamentale un’assistenza adeguata con dei reparti dedicati. Senza minimizzare in alcun modo la necessità di garantire dei percorsi e delle strutture per l’esclusivo soccorso a chi viene colpito dal Covid 19, è necessario che i presidi sanitari non trascurino in alcun modo le altre malattie virali, e penso all’Hiv, alle epatiti acute, alle polmoniti, alle tubercolosi». Lo afferma, in una nota, il deputato del M5S, Carmelo Massimo Misiti.

«L’articolo 32 della Costituzione – sostiene ancora il parlamentare – ci ricorda che la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. La necessità di essere curati, dunque, rappresenta uno dei diritti cardine del nostro sistema, ed il rispetto di tale garanzia costituisce il perno fondante della nostra società. La salute del cittadino, per quanto astruso possa sembrare, rappresenta la chiave di volta per tutto il sistema socio-economico del Paese. La politica sanitaria, pertanto, deve essere percepita come un investimento capace di ridurre le spese di salute del domani è non più come costo allo stato puro. Il Servizio sanitario nazionale italiano, ritenuto in molte valutazioni internazionali, tra i migliori al mondo, sempre più frequentemente non e’ percepito con uguale giudizio dai cittadini, siano essi pazienti o operatori sanitari».

«I dati enunciati dal ministero della Salute all’audizione alla Camera – sottolinea ancora Misiti – mettono a confronto i mesi agosto e settembre e ci dicono che abbiamo registrato 12mila contagiati in agosto contro i 58 mila di settembre o, ancora, ci riferiscono dei pazienti ricoverati in terapia intensiva di agosto, 30 pazienti con quelli attuali, circa 323. Numeri che appalesano anche come sia in aumento l’impegno del personale sanitario. Quegli eroi, quegli angeli continuamente richiamati in tanti comunicati stampa, ora sono abbandonati dalle strane dimenticanze di coloro che fin dal 2017 avrebbero dovuto emanare i decreti attuativi della legge Gelli – Bianco, dai direttori generali degli ospedali, dagli assessori alla salute delle regioni o dai commissari, per non parlare poi dei funzionari del ministero della salute che non ha neanche la correttezza di rispondere alle email istituzionali. Di quanti morti c’è bisogno perchè si abbia rispetto delle persone?».

Articoli correlati
In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità annuncia l'avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell'epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%
Iss, in Italia l’epidemia è in scenario 3. Cosa significa e quando attendere l’ultimo livello?
Secondo un documento dell'Iss, sono quattro gli scenari possibili per l'epidemia in inverno. Il 3, in cui ci troviamo ora, significa iniziali segnali di sovraccarico per il sistema sanitario e chiusure locali da prevedere. Quando aspettarsi il 4?
Covid-19, Boldrini (Pd): «Criticità sistema sanitario dipendono anche da Regioni»
«La medicina di base potrebbe forse utilmente tornare alle dirette dipendenze del Sistema sanitario», spiega la vicepresidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama
Covid-19, Bologna (PP – Misto): «Monitorare separazione dei percorsi assistenziali a favore dei pazienti cronici»
«Il percorso differenziato diviene ancora più importante anche per le misure che sono già previste per il recupero delle liste d’attesa», spiega la deputata di Popolo Protagonista
Idrossiclorochina e Covid-19, AIFA: «Assenti benefici clinici sia nella prevenzione sia nel trattamento»
L’Agenzia Italiana per il Farmaco, in risposta a una interrogazione della deputata Rossana Boldi (Lega), spiega perché ha bloccato l’uso del farmaco nel trattamento del Covid-19: «Ampio ‘corpus’ di evidenze nella letteratura scientifica giustifica stop. Valuteremo nuovi studi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...