Voci della Sanità 16 Luglio 2020 11:17

Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Il Governo punti sul rispetto delle regole per la sicurezza»

Covid-19, sarà emergenza fino al 31 dicembre? La proposta è di questi giorni, come annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato di una possibile proroga dello stato di emergenza dopo il 31 luglio come ulteriore misura di prevenzione per tenere sotto controllo il virus. Un pericolo che, infatti, non è terminato, come […]

Covid-19, sarà emergenza fino al 31 dicembre? La proposta è di questi giorni, come annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato di una possibile proroga dello stato di emergenza dopo il 31 luglio come ulteriore misura di prevenzione per tenere sotto controllo il virus. Un pericolo che, infatti, non è terminato, come dimostrano i dati relativi al numero di contagi nel mondo e in alcune regioni italiane, dove si registrano focolai a giorni alterni. Ma sicurezza e prevenzione possono contribuire ad allontanare il rischio di un nuovo lockdown, tanto che il premier ha paventato l’ipotesi di allungare i tempi alla fine dell’anno, mentre il ministro della salute Roberto Speranza invita a tenere alta l’attenzione perché il Coronavirus è tutt’altro che un lontano ricordo.
«Più volte in questi ultimi mesi ho ripetuto che il “vaccino” migliore per combattere il Covid-19 è la sicurezza unita al rispetto delle regole basilari ossia l’uso della mascherina, lavarsi spesso le mani, evitare gli assembramenti – dichiara Francesco D’Andrea, presidente della Società Italiana di Chirurgia, Plastica ed Estetica – restrizioni che per noi assumono un doppio valore. Non a caso come presidente SICPRE ho stilato un vademecum per fare in modo che i pazienti potessero continuare a sottoporsi ai vari interventi in sicurezza. Il giuramento di Ippocrate per la nostra categoria è fondamentale, così come lo è per un Governo adottare una sola linea guida. L’alternarsi di continui decreti, spesso in contrasto tra di loro, non ha creato nell’animo di ognuno di noi quella sicurezza che ci rende più forti nel combattere qualunque forma di epidemia. Tanti, ad esempio, i virologi ma mai con una sola voce e anche noi insieme al personale sanitario a volte cercavamo di capire per poter operare nel migliore dei modi. Auguro al nostro Governo di poterci facilitare i compiti, parlando tutti la stessa lingua», conclude D’Andrea.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gimbe, numeri scendono ma salgono i decessi. 4 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale
Numeri del Covid cominciano a scendere, ma secondo gli esperti Gimbe in maniera "irregolare". Notevoli le differenze regionali nelle somministrazioni di vaccini anti-Covid: in Sardegna e Toscana solo il 30% degli over 80
Medici no vax sui social, Tortorella (Consulcesi): «Formazione chiave per scongiurare derive antivacciniste»
La best practice Consulcesi: il 30% dei medici ha già concluso nei primi tre mesi del 2021 i 50 crediti annuali grazie alla FAD
Piano oncologico nazionale, medicina territoriale e vaccini nella settimana parlamentare. Informativa di Speranza alla Camera
È ancora la campagna vaccinale a tenere banco nella politica italiana. Il Ministro della Salute ne parlerà a Montecitorio giovedì 15 aprile. In Commissione Sanità audizioni su impatto della DAD e potenziamento medicina territoriale. Risoluzione sulla salute dei bambini in Commissione Affari Sociali
Covid 19 – Il virus della paura sbarca su Infinity
Il docufilm realizzato da Consulcesi e patrocinato dal Ministero della Salute per smontare le fake news e commemorare i medici. Guido Rasi è direttore scientifico del progetto
Covid-19, la barba può diminuire l’efficacia delle mascherine?
Non esistono evidenze scientifiche che dimostrino che la barba possa essere un fattore di maggior rischio di diffusione del Covid-19. Per questo non è possibile affermare che rasarsi con cura e spesso il viso comporti un più alto grado di protezione del soggetto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...