Voci della Sanità 16 Luglio 2020

Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Il Governo punti sul rispetto delle regole per la sicurezza»

Covid-19, sarà emergenza fino al 31 dicembre? La proposta è di questi giorni, come annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato di una possibile proroga dello stato di emergenza dopo il 31 luglio come ulteriore misura di prevenzione per tenere sotto controllo il virus. Un pericolo che, infatti, non è terminato, come […]

Covid-19, sarà emergenza fino al 31 dicembre? La proposta è di questi giorni, come annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato di una possibile proroga dello stato di emergenza dopo il 31 luglio come ulteriore misura di prevenzione per tenere sotto controllo il virus. Un pericolo che, infatti, non è terminato, come dimostrano i dati relativi al numero di contagi nel mondo e in alcune regioni italiane, dove si registrano focolai a giorni alterni. Ma sicurezza e prevenzione possono contribuire ad allontanare il rischio di un nuovo lockdown, tanto che il premier ha paventato l’ipotesi di allungare i tempi alla fine dell’anno, mentre il ministro della salute Roberto Speranza invita a tenere alta l’attenzione perché il Coronavirus è tutt’altro che un lontano ricordo.
«Più volte in questi ultimi mesi ho ripetuto che il “vaccino” migliore per combattere il Covid-19 è la sicurezza unita al rispetto delle regole basilari ossia l’uso della mascherina, lavarsi spesso le mani, evitare gli assembramenti – dichiara Francesco D’Andrea, presidente della Società Italiana di Chirurgia, Plastica ed Estetica – restrizioni che per noi assumono un doppio valore. Non a caso come presidente SICPRE ho stilato un vademecum per fare in modo che i pazienti potessero continuare a sottoporsi ai vari interventi in sicurezza. Il giuramento di Ippocrate per la nostra categoria è fondamentale, così come lo è per un Governo adottare una sola linea guida. L’alternarsi di continui decreti, spesso in contrasto tra di loro, non ha creato nell’animo di ognuno di noi quella sicurezza che ci rende più forti nel combattere qualunque forma di epidemia. Tanti, ad esempio, i virologi ma mai con una sola voce e anche noi insieme al personale sanitario a volte cercavamo di capire per poter operare nel migliore dei modi. Auguro al nostro Governo di poterci facilitare i compiti, parlando tutti la stessa lingua», conclude D’Andrea.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Covid, Gimbe: «+10 mila casi in una settimana. In cima Lazio e Campania, aumentano i ricoveri»
Il presidente della fondazione Gimbe Nino Cartabellotta invita a concentrarsi su testing & tracing, numeri in costante aumento da un mese
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Intelligenza artificiale e medicina: «In Italia ancora troppo poche le competenze nel pubblico»
La rivista Nature fa il punto sulle procedure di clinical trial assistite da algoritmi. Caruso (AISDET): «Vedo rischi nell’uso dei fondi Recovery Plan»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...