Voci della Sanità 10 Marzo 2020

Coronavirus, Regimenti (Lega): «Riaprire Forlanini e via libera a ospedali universitari»

L’europarlamentare del Carroccio sostiene la petizione su change.org per la riapertura dello storico nosocomio della capitale specializzato in malattie infettive: «La riapertura è indicata anche dal professor Massimo Martelli, già primario di chirurgia toracica al Forlanini, che ho incontrato condividendo con lui una reale prospettiva di rilancio e riqualificazione dell’intera struttura»

«La disponibilità di un solo posto letto in terapia intensiva ogni diecimila abitanti è un dato che preoccupa i cittadini del Lazio. Bisogna pertanto puntare sulla grande capacità operativa del nostro sistema sanitario. Allora perché, ad esempio, non sostenere gli sforzi dello Spallanzani con la riorganizzazione di una rete di strutture di supporto più allargata? Oltre alla ex clinica Columbus del Gemelli, perché non utilizzare anche i laboratori specializzati degli ospedali universitari dell’Umberto I, del Campus Bio-Medico e di Tor Vergata? E perché non riaprire il Forlanini, per decenni punto di riferimento per le malattie polmonari e che si trova vicinissimo allo Spallanzani?». Lo dichiara Luisa Regimenti, medico legale, eurodeputata della Lega e responsabile Sanità per il partito nel Lazio.

«Una sua riapertura immediata sarebbe auspicabile, così come indicato anche dal professor Massimo Martelli, già primario di chirurgia toracica al Forlanini stesso, che ho incontrato condividendo con lui una reale prospettiva di rilancio e riqualificazione dell’intera struttura – continua Regimenti -. L’iniziativa è sostenuta, poi, da una petizione presentata sulla piattaforma online change.org e già sottoscritta da numerose persone. Dopo anni di tagli indiscriminati, occorre tornare a investire nella sanità, nella ricerca e nella professionalità di medici e infermieri, che sono in prima linea con grande spirito di sacrificio e colgo l’occasione per esprimere la mia vicinanza alla famiglia della dottoressa Chiara Filipponi, anestesista dell’ospedale di Portogruaro, nuova vittima di questa emergenza sanitaria in Italia. Un cordoglio che si unisce alla preoccupazione per altri medici che sono in gravi condizioni, come informa la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCEO). Agire subito, quindi, non c’è tempo da perdere».

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 298.156 (1.587 in più rispetto a ieri). 83.428 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
Covid-19, Regimenti (Lega): «Plauso a ricercatori Bambino Gesù per scoperta nuova patologia infiammatoria bimbi»
«Risultato che apre interessanti prospettive per la messa a punto di un protocollo di cura coerente con i sintomi di questa malattia pediatrica» sottolinea l'eurodeputato del Carroccio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto