Voci della Sanità 25 Marzo 2020

Coronavirus, D’Andrea (Sicpre): «Orgoglioso di essere un “camice bianco”, augurando però che il Governo risolva le nostre problematiche di sempre»

«Un’Italia in ginocchio è chiusa in casa per il Coronavirus. Almeno questo dovrebbe essere per tutti (#iorestoacasa). Ma le altre categorie di specialisti, come la nostra, non mancano di esprimere la loro vicinanza a medici e infermieri in prima linea negli ospedali di tutto il Paese, di cui sempre dovrebbero essere tutelati i diritti». Così […]

«Un’Italia in ginocchio è chiusa in casa per il Coronavirus. Almeno questo dovrebbe essere per tutti (#iorestoacasa). Ma le altre categorie di specialisti, come la nostra, non mancano di esprimere la loro vicinanza a medici e infermieri in prima linea negli ospedali di tutto il Paese, di cui sempre dovrebbero essere tutelati i diritti». Così in una nota Francesco D’Andrea, presidente della Società italiana chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica.

«La Sicpre con i propri soci continua a dare il contributo di sempre alla tutela della salute dei cittadini per quel che concerne le proprie competenze (tumori e urgenze) ed è vicina a tutti coloro che operano in questi giorni per salvarci da questa pandemia – rimarca D’Andrea – ricordando però che tutti i medici da sempre hanno un unico obiettivo, quello di curare la salute dei loro pazienti. Ma vi sono problemi che purtroppo vengono a galla solo durante pandemie, catastrofi e tragedie».

«In questi giorni tutti a ringraziare medici e infermieri – prosegue D’Andrea – e da medico questo è solo motivo di orgoglio, ma nessuno che ricorda che:

1) l’Italia è tra le poche nazioni al mondo in cui il medico risponde penalmente del proprio operato;

2) gli stipendi dei medici e degli operatori sanitari sono tra i più bassi del mondo occidentale;

3) l’Italia è la nazione in cui il contenzioso medico legale è tra i più alti al mondo e la maggior parte delle volte senza che sussistano i dovuti presupposti, questo perché la colpa medica ha sostituito le truffe per incidenti stradali diventando una importante attività lucrativa per alcuni studi legali (vedi le pubblicità sui media e sui social network che incentivano a denunciare i medici)».

«L’auspicio è che, finito questo brutto periodo, che speriamo sia al più presto, qualcuno si ricordi quanto premesso e non succeda che, passata l’emergenza, si lasci tutto come prima, come se nulla fosse successo», conclude il presidente Sicpre.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 449.648 (15.199 in più rispetto a ieri). 177.848 i […]
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...