Voci della Sanità 25 Marzo 2020

Coronavirus, D’Andrea (Sicpre): «Orgoglioso di essere un “camice bianco”, augurando però che il Governo risolva le nostre problematiche di sempre»

«Un’Italia in ginocchio è chiusa in casa per il Coronavirus. Almeno questo dovrebbe essere per tutti (#iorestoacasa). Ma le altre categorie di specialisti, come la nostra, non mancano di esprimere la loro vicinanza a medici e infermieri in prima linea negli ospedali di tutto il Paese, di cui sempre dovrebbero essere tutelati i diritti». Così […]

«Un’Italia in ginocchio è chiusa in casa per il Coronavirus. Almeno questo dovrebbe essere per tutti (#iorestoacasa). Ma le altre categorie di specialisti, come la nostra, non mancano di esprimere la loro vicinanza a medici e infermieri in prima linea negli ospedali di tutto il Paese, di cui sempre dovrebbero essere tutelati i diritti». Così in una nota Francesco D’Andrea, presidente della Società italiana chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica.

«La Sicpre con i propri soci continua a dare il contributo di sempre alla tutela della salute dei cittadini per quel che concerne le proprie competenze (tumori e urgenze) ed è vicina a tutti coloro che operano in questi giorni per salvarci da questa pandemia – rimarca D’Andrea – ricordando però che tutti i medici da sempre hanno un unico obiettivo, quello di curare la salute dei loro pazienti. Ma vi sono problemi che purtroppo vengono a galla solo durante pandemie, catastrofi e tragedie».

«In questi giorni tutti a ringraziare medici e infermieri – prosegue D’Andrea – e da medico questo è solo motivo di orgoglio, ma nessuno che ricorda che:

1) l’Italia è tra le poche nazioni al mondo in cui il medico risponde penalmente del proprio operato;

2) gli stipendi dei medici e degli operatori sanitari sono tra i più bassi del mondo occidentale;

3) l’Italia è la nazione in cui il contenzioso medico legale è tra i più alti al mondo e la maggior parte delle volte senza che sussistano i dovuti presupposti, questo perché la colpa medica ha sostituito le truffe per incidenti stradali diventando una importante attività lucrativa per alcuni studi legali (vedi le pubblicità sui media e sui social network che incentivano a denunciare i medici)».

«L’auspicio è che, finito questo brutto periodo, che speriamo sia al più presto, qualcuno si ricordi quanto premesso e non succeda che, passata l’emergenza, si lasci tutto come prima, come se nulla fosse successo», conclude il presidente Sicpre.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 28 maggio, il totale delle persone […]
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco