Voci della Sanità 1 Ottobre 2018

Con “Dislessia 2.0” al via lo screening digitale gratuito e aperto a tutti

Prende il via oggi, 1 ottobre, giornata di apertura della European Dyslexia Awareness Week 2018, “Dislessia 2.0” la prima piattaforma in Italia che mette a disposizione di famiglie, docenti, studenti e pediatri strumenti digitali innovativi per lo screening gratuito delle difficoltà di lettura e la mappatura delle 5.000 scuole già certificate “Amiche della Dislessia”. L’iniziativa […]

Prende il via oggi, 1 ottobre, giornata di apertura della European Dyslexia Awareness Week 2018, “Dislessia 2.0” la prima piattaforma in Italia che mette a disposizione di famiglie, docenti, studenti e pediatri strumenti digitali innovativi per lo screening gratuito delle difficoltà di lettura e la mappatura delle 5.000 scuole già certificate “Amiche della Dislessia”.

L’iniziativa è realizzata da Fondazione TIM in partnership con l’Associazione Italiana Dislessia, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, l’Istituto Superiore di Sanità e l’Istituto di Scienze Applicate & Sistemi Intelligenti del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISASI-CNR) di Messina in collaborazione con il Ministero della Salute e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che ne hanno monitorato la validità e gli effetti.

Un unico portale con tre importanti funzionalità: Dislessia on line, progetto promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù per la valutazione a distanza e il recupero on-line delle difficoltà di lettura di bambini dai 7 anni, ragazzi e adulti; Smart@pp, piattaforma di screening per l’analisi del rischio di disagi della comunicazione nei primi 3 anni di vita, sviluppata dall’Istituto Superiore di Sanità e “Dislessia Amica” percorso di formazione e-learning per i docenti realizzato da AID – Associazione Italiana Dislessia. La certificazione è stata rilasciata a 5.000 istituti – dalla primaria fino alla secondaria di II grado – che rappresentano oltre il 60% di tutte le scuole statali italiane.

COS’E’ E COME FUNZIONA LO SCREENING DIGITALE DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA

Dislessia on line è una piattaforma digitale studiata dagli specialisti di Neuropsichiatria Infantile del Bambino Gesù per intercettare il rischio di difficoltà nella lettura: uno screening on line che permetterà di ridurre il ricorso da parte delle famiglie a specialisti del settore se non in caso di effettivo bisogno.

Per individuare eventuali segnali del disturbo di lettura, bambini a partire dai 7 anni di età, ragazzi e adulti potranno collegarsi da pc o tablet e, dopo la fase di registrazione, eseguire l’esercizio di lettura proposto dal sistema.

Al termine, in base ad una serie di parametri (tra cui l’età e gli anni di scolarità), viene valutata la fascia di appartenenza: se l’esercizio è stato svolto senza errori significativi, il percorso si considera concluso. Chi presenta un profilo a rischio sarà indirizzato a strutture competenti per una valutazione specialistica; in caso di lievi difficoltà di lettura, invece, la piattaforma proporrà un percorso di recupero (40 sessioni di esercizi della durata di 20 minuti da svolgere nell’arco di 2 mesi) con un test finale di verifica. In base all’esito, il percorso termina, oppure viene consigliata una valutazione specialistica.

Articoli correlati
Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»
Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»
Tamponi rapidi e diagnostica di primo livello facilitati per MMG e pediatri: approvato atto di indirizzo
Caparini (Comitato settore Regioni-sanità): «La grave situazione emergenziale che il Paese sta affrontando impone una risposta tempestiva ed adeguata dell’assistenza territoriale»
Covid-19, Sip: «Ecco le raccomandazioni per le visite pediatriche»
Cosa fare se il mio bambino ha raffreddore, febbre o tosse? Qual è il percorso corretto da seguire? Sulla rivista Italian Journal of Pediatrics le “Raccomandazioni per l’assistenza sanitaria e le visite pediatriche in era Covid-19” della Società Italiana di Pediatria per pediatri e genitori
L’innovazione nel sistema sanitario per una migliore sicurezza del paziente
Sham ha organizzato di recente una tavola rotonda europea virtuale sul tema dell’“Innovazione nel sistema sanitario per una migliore sicurezza del paziente”. La conferenza, trasmessa ai soci e agli stakeholder in Francia, Spagna, Italia e Germania nell’ambito dell’International Patient Safety Day, ha riunito esperti in assicurazioni e gestione del rischio, professionisti ospedalieri e tre partner […]
Coronavirus e bambini, come affrontare i danni collaterali dei dispositivi digitali
di Paolo Becherucci (Presidente della Società Italiana di Cure Primarie Pediatriche) e di Giovanni Cerimoniale
di Paolo Becherucci (Presidente SICuPP) e Giovanni Cerimoniale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...