Voci della Sanità 14 Settembre 2022 17:16

Comunicazione del rischio: esperti a Venezia contro la disinformazione

Per affrontare in maniera efficace le emergenze sanitarie, ambientali (e non solo) del futuro a
Venezia leader ed esperti della comunicazione provenienti da tutto il mondo. Obiettivo:
elaborare strategie di contrasto alla disinformazione e promuovere miglioramenti
all’ecosistema informativo

di Redazione
Comunicazione del rischio: esperti a Venezia contro la disinformazione

Affrontare in maniera efficace le emergenze sanitarie, ambientali (e non solo) del futuro. Questo è l’obiettivo dell’incontro tra esperti di comunicazione provenienti da tutto il mondo, previsto dopodomani all’Università Ca’ Foscari di Venezia. L’iniziativa intitolata
«Coalized Efforts to Manage Infodemics & Tackle Misinformation» è stata co-organizzata dalla Ca’ Foscari e dalla Harvard T.H. Chan School of Public Health. L’evento si inserisce nell’ambito del progetto IRIS, una coalizione di ricerca formata da London School of Hygiene & Tropical Medicine, Harvard T.H. Chan School of Public Health, University of Cambridge, Università Ca’ Foscari, Università la Sapienza, e City University of London.

Servono adeguate capacità di comunicazione dell’emergenza

IRIS studia il fenomeno dell’infodemia con un approccio fortemente interdisciplinare allo scopo di identificare strategie efficaci per il contrasto della disinformazione e la promozione di un buon ecosistema informativo.
«Per affrontare in maniera efficace le emergenze sanitarie, ambientali (e non solo) del futuro, le agenzie governative impegnate nella comunicazione pubblica – si legge nella nota stampa dell’Università Ca’ Foscari di Venezia – necessitano di adeguate capacità per utilizzare al meglio le risorse disponibili, per gestire correttamente ed efficacemente i dati, per migliorare il dialogo con i social media e i media tradizionali, per definire strategie di comunicazione che tengano conto dei bisogni della popolazione per cui operano e della complessità dell’emergenza che stanno affrontando».

Una discussione trasversale sulle strategie di comunicazione

Il Forum di Venezia riunisce un gruppo internazionale di leader ed esperti della comunicazione provenienti da Stati Uniti, Europa, Asia e Sud America per una discussione trasversale su risorse, dati, e azioni cruciali per la definizione di strategie di comunicazione e attività di prevenzione che si rivelino efficaci in situazioni di crisi. L’iniziativa è volta ad instaurare un rapporto sinergico tra istituzioni, esperti e scienziati al fine di promuovere, da un lato, lo sviluppo di attività di comunicazione del rischio basate su dati scientifici e, dall’altro, opportunità di formazione continua e multidisciplinare per i professionisti del settore. L’evento contribuirà al rafforzamento delle relazioni internazionali nell’ambito della comunicazione tra i paesi partecipanti, le piattaforme digitali (Google, Meta), organizzazioni internazionali (WHO, OECD), e scienziati.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stati generali comunicazione Salute, Speranza: «In emergenza contrastato il virus della disinformazione. Facciamone tesoro»
La due giorni organizzata da Federsanità ha preso il via al Policlinico Umberto I di Roma. Frittelli: «Solo se impareremo l’importanza della comunicazione per la salute, potremo contribuire alla salvaguardia del nostro SSN. Se sapremo comunicarlo, in ogni occasione, sarà più facile in ogni sede riuscire a difenderlo»
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Cancro e impatto sulla famiglia: come gestire e comunicare la diagnosi ai figli
«Il cancro si impone come “membro aggiunto” della famiglia: è importante che tutti si impegnino a tenere aperto il canale della comunicazione - spiega Flavia Vicinanza, psiconcologa a Sanità Informazione - non lasciare i nostri figli da soli e accompagnarli in questo cammino difficile ma percorribile»
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
Emergenza Covid-19: la comunicazione con la famiglia del paziente
di Livia Carullo, Infermiera
di Livia Carullo, Infermiera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi