Voci della Sanità 15 Giugno 2020 10:09

Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»

La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]

La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota.

«Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio, il dottor Benedetto Magliozzi, segretario generale Cisl Medici Roma Capitale/Rieti  il dottor Giuseppe Pergola e il dottor Nicola Buonaiuto, Area medici Specialisti Ambulatoriali Interni –  anche nella persistente assenza di segnali di disponibilità, perché garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità. Continuiamo a parlare delle possibilità di potenziamento del servizio pubblico visto che l’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici Specialisti Ambulatoriali Interni, con i Veterinari e le altre professionalità sanitarie (Biologi, Chimici, Psicologi) consente sia che i turni resisi vacanti per i pensionamenti possano essere riassegnati con un iter più veloce, favorendo l’ingresso di giovani specialisti, sia l’effettuazione dell’incremento delle ore di specialistica per il raggiungimento del massimale orario».

LEGGI IL DOCUMENTO

LEGGI ANCHE: CISL MEDICI LAZIO: «C’È UN’OCCASIONE UNICA PER RILANCIARE LA MEDICINA DEL TERRITORIO. NON PERDIAMOLA»

«L’incremento dell’offerta di prestazioni che ne consegue andrà a migliorare la risposta alle necessità di cura e di assistenza dei pazienti con conseguente riduzione delle liste di attesa. Invitiamo pertanto la Regione Lazio a dare indicazioni a tutte le Asl e le Aziende della nostra regione affinché vengano adottate con urgenza le procedure finalizzate al completamento orario degli specialisti convenzionati già impiegati nelle Asl a tempo indeterminato ma ancora ad orario parziale e ciò prima di rivolgersi al mercato delle prestazioni da privato.
Ricordiamo infatti che il DCA 302 del 25/07/19 della stessa Regione Lazio relativamente al Piano regionale per il Governo delle liste di Attesa 2019-2021 affermava che “… il ricorso a prestazioni aggiuntive o alla contrattualizzazione di ulteriori volumi di prestazioni potrà essere contemplato solo dopo aver valutato la possibilità di incremento della produzione delle strutture a gestione diretta attraverso il recupero di efficienza o il ricorso a nuove assunzioni di personale”  e dunque aspettiamo di conoscere se le ASL hanno rispettato questo percorso virtuoso dettato dalla Regione Lazio»  conclude la Cisl Medici Lazio.
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni
Viatris e Cergas Bocconi hanno avviato uno studio dedicato ad analizzare lo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Campania
Pnrr, Faroni (Aiop Lazio): «Bene approvazione Piano, connubio pubblico-privato decisivo per attuazione»
Posti Letto, Pronto Soccorso ed edilizia i punti centrali per Aiop Lazio: «Fondamentale lavorare su criticità emerse in pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...