Voci della Sanità 6 Marzo 2020 17:36

Cisl Medici Lazio, Cifaldi: «Nominare Commissario ad acta temporaneo per emergenza coronavirus»

«La diffusione ogni giorno incrementale ed ubiquitaria della patologia collegata al coronavirus impone una seria riflessione su come la si sta affrontando nelle strutture sanitarie italiane. Sono giorni e giorni che abbiamo lanciato l’allarme che i posti letto nelle terapie intensive non sono sufficienti ed allora tutti, partendo dagli assessori competenti per finire al management delle […]

«La diffusione ogni giorno incrementale ed ubiquitaria della patologia collegata al coronavirus impone una seria riflessione su come la si sta affrontando nelle strutture sanitarie italiane. Sono giorni e giorni che abbiamo lanciato l’allarme che i posti letto nelle terapie intensive non sono sufficienti ed allora tutti, partendo dagli assessori competenti per finire al management delle singole aziende sanitarie, si stanno affannando per trovare locali dove allestire nuove terapie intensive».

Così in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio.

«Molti pensano che il problema sia il reperimento delle apparecchiature di rianimazione, ventilatori, monitors etc. Non è esattamente così. E ancora una volta manifestiamo preoccupazione per l’impreparazione ad affrontare i problemi. Il vero dramma è rappresentato dall’impiantistica, perché le stanze debbono essere a pressione positiva, cioè da quella stanza infetta, perché vi è un malato di coronavirus, non deve uscire l’aria presente, perché altrimenti infetteremmo l’intero ospedale con gli impianti di aria condizionata».

«Quanto tempo ci vuole a fare questi impianti? Con i tempi normali tra elaborazione del progetto ed approvazione dello stesso da parte dei nuclei tecnici regionali passano almeno 4-5 mesi ed almeno 6-8 per realizzarli. Troppo tardi – prosegue il segretario – saremmo stati “tutti” infettati e la mortalità sarebbe molto alta».

«Abbiamo messo a fianco di ogni Pronto Soccorso delle tende da campo per triagiare i casi sospetti di coronavirus, iniziativa tecnicamente impeccabile; ma forse ci siamo dimenticati, nella fretta di esaminare alcune questioni, che sono fondamentali a nostro modesto parere».

«Il personale deve raddoppiare e questo non è avvenuto.  Assumiamo personale neo specializzato e neolaureato in scienze infermieristiche che non conosce minimamente le strutture dove vanno a lavorare e secondo voi è sufficientemente preparato per affrontare tale situazione emergenziale? Viste le diffusioni in diversi reparti di ospedali in Veneto, Lombardia, Emila Romagna, Marche, Lazio. Dobbiamo ammettere che se non superficiali siamo stati almeno un po’ sbadati. Abbiamo pensato erroneamente che non sarebbe accaduto a noi» afferma Luciano Cifaldi.

«Se poi visitando il paziente, il medico ritiene che questi necessita di esame radiografico del torace per essere certo della polmonite e della sua gravità, ci troviamo di fronte ad un altro problema enorme. Dove eseguiamo la radiografia dal momento che non ho apparecchi radiologici nell’ospedale da campo? Lo mando in radiologia rischiando di inquinare mezzo ospedale durante il percorso e poi mando il personale in quarantena?».

«La Cisl Medici Lazio – prosegue – chiede al presidente Nicola Zingaretti e all’assessore alla sanità Alessio D’Amato di valutare l’opportunità, in analogia a quanto deliberato in Emilia-Romagna, di nominare per un periodo temporaneo un Commissario ad acta, per l’emergenza coronavirus».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CORSICO (PNEUMOLOGO PAVIA): «IN TERAPIA INTENSIVA NON SOLO ANZIANI E SOGGETTI FRAGILI»

«La scelta dell’Emilia-Romagna è ricaduta su Sergio Venturi, già assessore alla sanità regionale ed è un chiaro segno di continuità istituzionale. Nel rispetto della autonomia delle singole Aziende, e comunque riconfermando il nostro apprezzamento per l’impegno ad oggi dell’assessore D’Amato, figura politica e non tecnica, riteniamo che tra quanti hanno già servito l’istituzione regionale con incarichi gestionali di vertice possa utilmente essere chiamato a svolgere tale funzione un soggetto che unisca alle indiscusse qualità manageriali anche significative esperienze di direzione sanitaria sia ospedaliera sia aziendale. Copiamo quello che ha fatto la regione Emilia-Romagna, sono queste le situazioni per cui ci vuole un solo uomo al comando».

«Questo per dire che la gestione di questa emergenza nel Lazio va affidata ad un Commissario con poteri straordinari come quelli della protezione civile che abbia esperienza sul campo, sia di gestione di strutture che di conoscenze e competenze di patologie infettive» conclude il segretario generale della Cisl Medici Lazio Luciano Cifaldi.

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (14 gennaio): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Accordo Specialistica ambulatoriale, Cisl medici Lazio presenta ricorso al Tribunale Civile di Roma
«Dopo i ricorsi presentati dalla Cisl medici, la regione finalmente apre al tavolo del rinnovo dell’accordo regionale integrativo della specialistica ambulatoriale». È quanto fa sapere il sindacato in una nota. «È del 2 dicembre u.s. la lungamente attesa comunicazione della Direzione Regionale Salute e Integrazione Socio-Sanitaria – Area Risorse Umane che richiede alla OOSS firmatarie […]
Ricetta elettronica, Cisl medici Lazio: «Bene l’interrogazione di Fabio Capolei»
«La Cisl Medici comunica il proprio apprezzamento per l’interrogazione a risposta scritta che Fabio Capolei, consigliere regionale e vice presidente della commissione sanità, ha presentato al presidente della giunta regionale e all’assessore alla sanità sul tema della ricetta dematerializzata». Così in un comunicato la Cisl Medici Lazio. «La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale  […]
Pandemia da SARS-CoV-2, l’esperienza di ASST Rhodense
Il libro a cura dei medici Martino Trapani e Ginevra Squassabia è stato presentato mercoledì 10 novembre 2021 presso i Dazi dell’Arco della Pace di Milano
Prorogati contratti in scadenza per l’emergenza Covid, Cisl medici Lazio: «Vigileremo sull’accordo»
Firmato oggi l'accordo sindacale per la proroga dei precari del servizio sanitario regionale del Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre