Voci della Sanità 20 Giugno 2022 15:30

Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»

Di Fernando Capuano, presidente Simedet

di Fernando Capuano, presidente Simedet
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»

Gentile direttore,

in un momento storico così difficile per la Sanità Pubblica che sta cercando di ripartire con una nuova organizzazione territoriale e visione grazie al PNRR , dove i mass media spesso tendono a presentare la sanità italiana sempre come malasanità, vorrei portare la mia esperienza di Buona Sanità (di sanitario che all’improvviso passa dall’altra parte) e schierarmi a favore dei professionisti della Salute (medici, chirurghi, infermieri, tecnici sanitari, OSA, personale della sanificazione) che svolgono il proprio lavoro con coscienza, professionalità, passione, dedizione ed altruismo presso il PTV di Tor Vergata al DEA e all’U.O.C. di Chirurgia Epatobiliare e dei Trapianti.

La mia esperienza inizia il 7 giugno con una forte colica epatobiliare con intensi dolori all’ipocondrio destro, nausea e dolori irradiati alla schiena.

Mi reco al pronto soccorso del PTV di Tor Vergata dove confermano l’incuneamento di un calcolo nella regione infudibolare della colecisti e una colecistite acuta che non risponde alla terapia antidolorifica. Entro nel DEA dopo il triage ed assisto con i miei occhi al sovraffollamento del pronto soccorso, alla sproporzione tra i bisogni di salute urgenti e non urgenti di varie decine di pazienti che non trovano una risposta efficace e soddisfacente ai loro bisogni assistenziali nelle strutture intermedie e di territorialità non ancora decollate seppur previste dal PNRR. Non vi sono barelle per tutti ma gli operatori fanno ” i salti mortali ” per garantire un’assistenza dignitosa ed “empatica” per tutti noi.

Dopo una notte di terapia medica sono stabilizzato ed inviato al reparto di chirurgia epatobiliare e dei trapianti diretto dal Prof. Giuseppe Tisone, qui vengo preso in carico dal dott. Alessandro Anselmo un’eccellenza italiana della chirurgia mini invasiva del fegato. Nel reparto di chirurgia l’attività dei medici strutturati, in formazione specialistica, delle infermiere (due per turno…) è frenetica e senza sosta (24 ore al giorno) . Nonostante la stanchezza e le situazioni di stress il personale non perde la capacità “della relazione di cura” con tutti noi bisognosi di assistenza.

Dopo ulteriori accertamenti diagnostici (TAC addome effettuata da TSRM e radiologi in tempi celeri e con grande professionalità) sono sottoposto ad intervento chirurgico di Colecistectomia laparoscopica, domenica 12 giugno, con un’equipe multidisciplinare coordinata dal chirurgo Alessandro Anselmo. Grazie alla tecnica innovativa laparoscopica il mio decorso post-operatorio è stato scevro da complicanze chirurgiche e di lenta ripresa, Dopo due giorni sono stato dimesso ed adesso posso finalmente raccontare e condividere questo bell’esempio di sanità pubblica che deve essere tutelata quale bene comune, universale, equo ed accessibile per tutti i cittadini nei casi di patologia acute.

Una risposta efficace, coordinata e sicura che rispecchia anche le doti manageriali della Direzione Generale di Giuseppe Quintavalle che ha dato un imprinting a questo importante Policlinico Universitario per la cittadinanza romana.

 

Dott. Fernando Capuano

Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

Presidente Nazionale Simedet- Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Italiani più longevi e in salute, ma personale sanitario ridotto del 5,6%. I 30 anni delle aziende sanitarie pubbliche
Al Ministero della Salute manager Fiaso a confronto. Tra i Dg età media 58 anni, 22% le donne, solo il 10% ha esperienza in più regioni. Migliore: «Direttori cruciali nel Ssn, ma serve personale: già 10 regioni su 20 hanno avviato le stabilizzazioni Covid»
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...